Il sito ufficiale del calcio europeo

'Siviglia implacabile', 'Maledizione Benfica'

Pubblicato: Giovedì, 15 maggio 2014, 11.02CET
UEFA.com passa in rassegna le prime pagine dei giornali sportivi in Europa all'indomani della finale. La stampa spagnola esulta per il successo del Siviglia, quella portoghese si rammarica per la maledizione del Benfica.
'Siviglia implacabile', 'Maledizione Benfica'
La stampa spagnola: 15 maggio 2014 ©UEFA.com
 
Pubblicato: Giovedì, 15 maggio 2014, 11.02CET

'Siviglia implacabile', 'Maledizione Benfica'

UEFA.com passa in rassegna le prime pagine dei giornali sportivi in Europa all'indomani della finale. La stampa spagnola esulta per il successo del Siviglia, quella portoghese si rammarica per la maledizione del Benfica.

Spagna

Due nomi dominano le prime pagine dei giornali spagnoli: sono quelli del Sevilla FC e del suo "eroico" portiere Beto, le cui parate nella serie finale dal dischetto hanno regalato mercoledì la vittoria nella finale di UEFA Europa League alla squadra spagnola.

"Vittoria epica del Siviglia grazie a Beto", recita El País per celebrare il successo della squadra di Unai Emery contro l'SL Benfica dal dischetto dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari a Torino. "[Andrés] Palop era presente sugli spalti", aggiunge la testata a proposito dell'ex portiere del club, eroe del club andaluso nella finale di Coppa UEFA 2007 vinta dal dischetto contro l'RCD Espanyol. "Beto ha eguagliato quella prestazione parando due rigori [Palop ne parò tre], mentre i suoi compagni di squadra sono stati implacabili dagli 11 metri”.

Sia Marca che AS hanno scelto "Vincitori del Treble" come titolo di testa che sovrasta le immagini dei campioni 2013/14. "Questo è il nostro torneo", il giornale AS cita il presidente del Siviglia José Castro. Mentre Marca sottolinea come "il Benfica non sia riuscito a sfruttare diverse occasioni clamorose prima di perdere l'ottava finale europea”. Il giornale sportivo non può fare a meno di guardare con trepidazione a un futuro appuntamento europeo. "La Supercoppa [UEFA] sarà un affare tutto spagnolo!”.

In Andalusia, El Diario Sevilla racconta che le immagini nel centro cittadino sono le stesse di quelle viste all'interno dello Juventus Stadium poco dopo il termine della gara. "L'esplosione di gioia dei 10000 tifosi del Siviglia all'interno dello stadio si è avvertita anche a La Puerta de Jerez, dove migliaia di persone si sono riunite subito dopo il fischio finale”, spiega il giornale.

"Il maxi schermo che ha mostrato la partita all'Auditorio Rocío Jurado de La Cartuja ha contribuito a generare l'atmosfera che si respira soltanto nelle grandi serate. Unghie smozzicate, silenzi rotti da applausi di sollievo e tifosi che intonavano l'inno del club quasi a volere fare risuonare le loro voci fino a Torino”.

Portogallo

"L'Eroe di Torino" è il titolone di A Bola, che spiega che "la delusione del Benfica ha un nome: Beto".

"Maledizione" dichiara Record, riferendosi all' "anatema di Béla Guttmann", che ha colpito ancora facendo perdere al Benfica l'ottava finale europea consecutiva. Sotto i riflettori c'è anche Beto, mentre il 12esimo errore dal dischetto su 54 tentativi di trasformazione di Óscar Cardozo è un altro tema del giorno.

O Jogo mette in primo piano una foto del portiere portoghese del Siviglia che neutralizza la conclusione di Cardozo dal dischetto. L'immagine è corredata dalle parole "la maledizione questa volta è Beto", alludendo al fatto che il Benfica non vince un titolo europeo da quando Béla Guttmann lasciò il timone del club a metà anni '60. "C'erano anche dei portoghesi a fare festa a Torino, ma erano Beto, [Daniel] Carriço e Diogo Figueiras", conclude il giornale.

Italia

"Dominio spagnolo" proclama La Gazzetta dello Sport. "Il Siviglia si è aggiudicato alla fine coppa dei rimpianti della Juventus avendo bisogno dei calci di rigore per superare il Benfica, giustiziere dei campioni d'Italia in semifinale”, aggiunge la rosea. "Ma la formazione portoghese ha giocato meglio e ha creato più occasioni da rete dei rivali spagnoli. Il destino ha voluto che a vincere quest'anno l'Europa League fosse il Siviglia. La squadra spagnola è stata brava e fortunata contro Betis, Valencia e in finale”.

"Spagna pigliatutto quest'anno. Adesso sotto con il derby di Madrid a Lisbona. Il tecnico della Juventus Antonio Conte era in tribuna a assistere alla gara, mordendosi le mani e rimpiangendo quello che sarebbe potuto essere. Il Siviglia non è sembrato più forte della Juve. Lo stesso Benfica cinico ammirato contro la Vecchia Signora ha sprecato molto in finale”.

Croazia
La vittoria del Siviglia, e in particolare del suo capitano e nazionale croato Ivan Rakitić, domina i titoli dei quotidiani croti. Sportske novosti pubblica la foto del 26enne centrocampista, eletto uomo-partita, in prima pagina corredata dal titolo: "Rakitić e Siviglia vincono il trofeo”. E il calciatore  dichiara: "Ero così felice che non sentivo più le gambe”.

"Impossibile descrivere la felicità che proviamo. Abbiamo vissuto per questo momento. Sono orgoglioso di essere il secondo croato, dopo Darijo Srna, a vincere il trofeo. Lo dedico a mia moglie e a mia figlia, i miei tifosi più grandi nella vita”.

Večernji list dichiara: "Rakitić, migliore in campo in una gara palpitante". "Ha vinto l'Europa League, ha ricevuto il trofeo da [Michel] Platini e con quel titolo viaggerà in Brasile [per il Mondiale FIFA]".


Ultimo aggiornamento: 15/05/14 13.58CET

Informazioni collegate

Profili squadre

http://it.uefa.com/uefaeuropaleague/news/newsid=2106288.html#siviglia+implacabile+maledizione+benfica