Una sfida tra nobili

Dalle aquile ai leoni, dai galli lottatori ai pipistrelli: UEFA.com indaga sulle squadre che parteciperanno agli ottavi di UEFA Europa League e scopre che tutte loro possono vantare origini nobili, almeno a giudicare dagli stemmi.

La mascotte della Lazio e del Benfica è l'aquila
La mascotte della Lazio e del Benfica è l'aquila ©Getty Images

Anche se negli ottavi di finale di UEFA Europa League scenderà in campo qualche squadra meno nota agli appassionati di calcio europei, UEFA.com ha scoperto che tutte le 16 contendenti possono vantare origini nobili, almeno a giudicare dai rispettivi stemmi.

FC Anji Makhachkala
Nato nel 1991, Anji significa 'perla' in lingua Kumyk ed era l'antico nome della città di Makhachkala, capoluogo del Dagestan. Anche lo stemma del club rispecchia i legami con la regione: l'aquila sull'emblema e la bandiera rossa, blu e verde derivano dal blasone del Dagestan, mentre la montagna simboleggia la topografia della regione: gli abitanti del posto, infatti, vengono a volte sopranominati Highlander (popolo delle montagne).

FC Basel 1893
Le magliette del Basilea recano lo slogan: 'Rot isch unseri Liebi, Blau die ewigi Treui, Basel unseri Stadt' (Rosso è il nostro amore, blu per sempre tu, Basilea la nostra città). Il motivo esatto per cui il Basilea indossi una casacca rossoblù rimane un mistero, ma secondo alcuni si ispira alla maglia dell'Aston Villa FC. Altri ritengono che Joan Gamper, ex giocatore del Basilea, abbia scelto i colori della squadra svizzera quando fondò l'FC Barcelona.

SL Benfica
I colori e il motto del Benfica ('E Pluribus Unum' – Da molti, uno) sono stati decisi nel 1904, durante la riunione che diede i natali al club. L'aquila, scelta da subito, non è solo disegnata, perché ancora oggi l'Aguia Vitória viene fatta volare nello stadio di casa prima di ogni partita.

FC Girondins de Bordeaux
Mentre i colori del Bordeaux (blu e bianco) sono rimasti identici dalla nascita del club (1881), allo stemma sono state fatte due aggiunte: la prima è il gallone a forma di V, comparso quando il Bordeaux diventò una società professionistica (1938); la seconda sono le tre mezzelune al centro, che simboleggiano la città di Bordeaux e il percorso del fiume Garonna.

Chelsea FC
In origine, il blasone del Chelsea ritraeva un anziano soldato, in riferimento ai soldati in pensione che vivevano al Royal Hospital Chelsea (oggi casa di riposo). Successivamente, il club adottò il leone, che derivava dal blasone del Conte di Cadogan, presidente del club. Il bastone è quello dell'Abbazia di Westminster, la cui giurisdizione si estendeva sul rinomato quartiere londinese.

Fenerbahçe SK
Disegnato dall'ex giocatore Hikmet Topuzer, lo stemma del club è composto da cinque colori. La parte bianca rappresenta la purezza e la sincerità; la parte rossa si riferisce all'amore, all'attaccamento al club e alla bandiera turca. La parte gialla allude all'invidia degli altri, mentre quella blu simboleggia la nobiltà. La foglia di quercia che spunta dalle parti blu e gialle rappresenta il potere dei membri del Fenerbahçe, mentre il colore verde è un riferimento ai successi del club.

FC Internazionale Milano
Disegnato nel 1908 dal pittore Giorgio Muggiani, uno dei fondatori del club, il primo stemma dell'Inter era formato dalle lettere 'FCIM' al centro di una serie di cerchi. Anche se i dettagli più piccoli sono stati modificati nel corso degli anni (fra il 1979 e il 1990 c'era anche un serpente bianco, omaggio alla famiglia Sforza che regnò su Milano durante il Rinascimento), gli elementi di base sono rimasti immutati.

S.S. Lazio
Lo stemma della Lazio è formato da un'aquila d'oro su uno scudo biancoceleste. I colori della Lazio si ispirano a quelli della Grecia e agli antichi Giochi Olimpici. L'aquila simboleggia la legione dell'impero romano e ha dato il soprannome ai giocatori, che speso vengono chiamati aquile o aquilotti.

Levante UD
Aggiornato per il centenario del club nel 2009, lo stemma del Levante è composto dai colori rosso e blu della squadra (nata dopo la fusione con il Gimnástico nel 1939) e dal simbolo della regione di Valencia: il pipistrello, perché si dice che nella costa orientale spagnola ne vivano oltre 20 specie. Nonostante la presenza del pipistrello, il soprannome di giocatori e tifosi del Levante è "ranocchie", forse perché in origine la squadra giocava sulle rive del fiume Turia.

Newcastle United FC
Lo stemma del Newcastle rispecchia quello della città: due cavallucci di mare testimoniano il legame con il Mare del Nord, mentre il castello sulla sommità rappresenta la dinastia normanna che diede il nome a Newcastle. Il soprannome di giocatori e tifosi del club, "le gazze", è dovuto alle maglie bianconere indossate fin dalla nascita del club nel 1892 dopo la fusione tra Newcastle East End FC e Newcastle West End FC.

FC Viktoria Plzeň
Lo stemma del club è formato da strisce blu e rosse (i colori del club quando gioca in casa) e da quadrati bianchi, gialli, verdi e rossi (i colori della città di Plzen). Questi sono stati aggiunti alla versione originale dello stemma poiché il Viktoria è l'unica grande squadra di Plzen.

FC Rubin Kazan
L'attuale logo del Rubin è stato creato nel 1996, quando il patron della squadra divenne sindaco di Kazan. È formato da uno scudo con il nome del club, il mitico drago Zilant al centro e il rosso-verde della bandiera del Tatarstan all'esterno.

FC Steaua Bucureşti
La Steaua è stata fondata nel 1947 da ufficiali del Real Esercito Rumeno. Nata come "Associazione Sportiva dell'Esercito", la società prese il nome di CSA Steaua alla fine del 1961. La stella rossa sul blasone è stata sostituita da una stella gialla su sfondo rosso e blu, in riferimento alla bandiera romena. Sopra ci sono due stelle più piccole, ciascuna delle quali rappresenta 10 titoli sui 23 vinti in totale.

VfB Stuttgart
L'emblema dello Stoccarda raffigura tre corna di cervo su uno scudo d'oro e risale al medioevo, quando veniva utilizzato dalle famiglie di ceto superiore per dimostrare l'affiliazione alla regione del Wurttemberg. Nato come società di rugby, lo Stoccarda esordì nel calcio nel 1908. Il rosso sulle maglie del club è stato un'idea dei giovani degli anni '20 e da allora è diventato un simbolo per i tifosi.

Tottenham Hotspur FC
Hotspur è un riferimento a Sir Henry Percy, alias Harry Hotspur, uno dei grandi condottieri britannici del tardo medioevo. Celebrato da Shakespeare in Enrico IV - Parte Prima, Hotspur indossava gli speroni ("spurs"), come i suoi galli lottatori: uno di questi è rappresentato sullo stemma della squadra londinese, mentre un altro è diventato una statua di bronzo allo stadio di White Hart Lane.

FC Zenit St Petersburg
Nato come squadra di metalmeccanici, lo Zenit prese l'attuale nome nel 1940, quando la fabbrica venne controllata dal Commissariato Popolare Armi e Munizioni. La punta di freccia stilizzata che descrive il logo del club esiste da allora, mentre la nave in alto testimonia che San Pietroburgo è la sede della marina russa.

In alto