UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Niente è scritto: il Granada si gode il momento

"Siamo fieri di essere in questa competizione", commenta il tecnico Diego Martínez.

Niente è scritto: Granada

Questa settimana, il Granada va a Napoli per difendere un 2-0 e guadagnare un posto agli ottavi di UEFA Europa League: una prospettiva più che allettante per una squadra che due anni fa militava in Segunda División.

Guidato dall'allenatore più giovane della massima serie spagnola, il quarantenne Diego Martínez, il Granada ha superato le aspettative nelle ultime tre stagioni. Nel 2018/19, alla prima stagione di Martínez in panchina, è stato promosso in Liga, mentre nel 2019/20 ha sorpreso l'intera Spagna arrivando settimo e qualificandosi in Europa League. Nella stagione d'esordio a livello internazionale, ha superato agevolmente la fase a gironi e ha anche vinto la gara di andata dei sedicesimi contro il Napoli per 2-0.

Highlights: Granada - Napoli 2-0

"Neanche il tifoso del Granada più ottimista se lo sarebbe immaginato - commenta Martínez -. Dalla Segunda all'Europa League in soli due anni: è incredibile. Non saremmo la squadra più grande che ci sia, ma siamo ambiziosi. Lavoriamo sodo per conquistare un posto al prossimo turno e siamo orgogliosi di rappresentare questo club".

Molto si deve al contributo dei veterani Jorge Molina e Roberto Soldado (rispettivamente 38 e 35 anni), ma chi si è fatto notare di più contro il Napoli è stato il 23enne Yangel Herrera. Il centrocampista venezuelano ha segnato il primo gol e il quotidiano sportivo Marca ha subito notato: "Sembra migliorare partita dopo partita”.

"È stata una vittoria importantissima - dichiara Herrera a UEFA.com -. Abbiamo seguito bene il piano gara. Siamo rimasti concentrati per 90 minuti, andando in vantaggio a inizio partita, e abbiamo resistito. Non subire gol era molto importante".

La difesa del Granada verrà sicuramente messa alla prova a Napoli, ma la squadra conferma che il suo posto in UEFA Europa League non è casuale. "È costato tanta fatica, ma dopo la fase a gironi e alcuni buoni risultati siamo fieri di essere in questa competizione - conclude Martínez -. Proseguiamo la nostra avventura da sogno e stiamo dimostrando che niente è scritto".