Ibrahimović trascina il Milan al successo

A San Siro, nel Monday Night, i Rossoneri stendono 2-0 il Bologna di Mihajlović e partono con il piede giusto: decide una doppietta del fuoriclasse svedese, espulso nel finale Mitchell Dijks.

Zlatan Ibrahimović del Milan festeggia dopo aver segnato nel Monday Night di Serie A tra i Rossoneri e il Bologna a San Siro
Zlatan Ibrahimović del Milan festeggia dopo aver segnato nel Monday Night di Serie A tra i Rossoneri e il Bologna a San Siro Getty Images

Milan-Bologna 2-0 (Ibrahimović 35', 50' su rig.)
L’esordio in campionato del Milan è nel segno di Zlatan Ibrahimović. A San Siro, nel Monday Night della prima giornata, i Rossoneri di Stefano Pioli stendono 2-0 il Bologna trascinati dallo show del fuoriclasse svedese, che sblocca il risultato con un colpo di testa nel primo tempo e raddoppia nella ripresa su calcio di rigore. La squadra di Siniša Mihajlović chiude la partita in dieci per l’espulsione del difensore olandese Mitchell Dijks.

“Ibra” con una magia va vicino al gol dopo 10’, quando si libera con un prodigio del giapponese Takehiro Tomiyasu ma calcia fuori di sinistro. Al 28’, sempre sulla giocata di Ibrahimović, è Ismaël Bennacer a sfiorare il vantaggio, ma il tocco sotto misura del centrocampista algerino termina alto.

A dieci minuti dall’intervallo i Rossoneri passano. Cross perfetto di Theo Hernandez e super colpo di testa di Ibrahimović, su cui Łukasz Skorupski non può nulla. Il fuoriclasse svedese impegna il portiere polacco anche a inizio ripresa, ma dopo cinque minuti arriva il raddoppio. Riccardo Orsolini commette fallo in area su Bennacer e l’arbitro assegna il rigore, che “Ibra” trasforma con la consueta freddezza.

Ancora il numero 11 Rossonero, imbeccato da Hakan Çalhanoğlu, sfiora la rete ma dopo aver aggirato Skorupski non riesce a trovare la porta. Il Bologna, prima di restare in dieci per l’espulsione di Dijks, sfiora il gol con Federico Santander che centra il palo, poi Danilo e Lorenzo De Silvestri non riescono a ribadire in rete. Il Milan di Pioli, comunque, ottiene un importante successo all’esordio.


DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020



Parma-Napoli 0-2 (Mertens 63', Insigne 77')
Parte con un successo esterno la stagione del Napoli. Al Tardini, nell’anticipo dell’ora di pranzo contro il Parma, la squadra di Gennaro Gattuso ha la meglio 2-0 grazie ai gol nella ripresa di Dries Mertens e Lorenzo Insigne: decisivo, per i Partenopei, l’ingresso in campo del nuovo acquisto Victor Osimhen.

Il Napoli, che nel primo tempo aveva invocato il rigore per un tocco di mano di Bruno Alves sul centro di Hirving Lozano, sfiora il vantaggio a sei minuti dall’intervallo, con Mertens che stacca però male di testa sul cross dello spagnolo Fabián Ruiz.

A inizio ripresa la squadra di Fabio Liverani si rende pericolosa con Juraj Kucka, ma il destro del centrocampista slovacco termina alto. Al 63’, due minuti dopo l’ingresso di Osimhen al posto di Diego Demme, la squadra di Gattuso sblocca il risultato. Sul cross di Lozano, Simone Iacoponi anticipa proprio l’attaccante nigeriano ma il pallone termina sui piedi di Mertens che di destro non dà scampo a Luigi Sepe.

I Partenopei, dopo il palo di Insigne smarcato di tacco dallo scatenato Osimhen, chiude il conto a tredici minuti dalla fine: Sepe si salva sul destro di Lozano, ma non può nulla sulla ribattuta proprio di Lorenzo Il Magnifico. Matteo Politano va vicino al tris, ma il Napoli di Gattuso conquista una vittoria molto importante all’esordio.


SABATO 19 SETTEMBRE

Verona-Roma 0-0
Inizia con un pareggio il campionato 2020-21 della Roma. Al Bentegodi, in uno dei due anticipi della prima giornata, i Giallorossi non vanno oltre lo 0-0 contro il Verona, in una sfida caratterizzata da tre legni: due colpiti dai padroni di casa con Adrien Tameze e Federico Dimarco, uno dalla squadra di Paulo Fonseca con Leonardo Spinazzola.

Nel primo tempo la Roma sembra avere il predominio. Dimarco evita il gol sulla linea di porta, poi Henrikh Mkhitaryan “spara” a lato dopo una delle tante incursioni di Spinazzola sulla sinistra. La squadra di Ivan Jurić si fa notare prima con Andrea Danzi e poi con Ľubomír Tupta, attaccante slovacco che calcia troppo centrale e non impegna eccessivamente Antonio Mirante, preferito a Pau López.

I Giallorossi hanno un’altra occasione con Pedro Rodríguez, sempre su incursione di Spinazzola, poi nel recupero del primo tempo Tameze - dopo un uno-due con Davide Faraoni - colpisce la traversa complice la deviazione di Mirante. Nella ripresa la squadra di Fonseca cala un po’ e gli Scaligeri prendono il sopravvento.

Marco Silvestri è molto bravo su Lorenzo Pellegrini, poi Dimarco colpisce prima la traversa e poi il palo con un tiro precisissimo. L’ultima occasione la crea l’ottimo Spinazzola: il destro dell’azzurro dalla distanza colpisce il legno, la sfida del Bentegodi finisce 0-0.