Biraghi e Lukaku chiudono i conti, Inter agli ottavi

Il Ludogorets spaventa l’Inter solo per qualche minuto, l’Inter rimonta e stacca il biglietto per gli ottavi di finale.

MILAN, ITALY - FEBRUARY 27: Romelu Lukaku of FC Internazionale celebrates with team-mates after scoring the second goal of his team during the UEFA Europa League round of 32 second leg match between FC Internazionale and PFC Ludogorets Razgrad at Giuseppe Meazza Stadium on February 27, 2020 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani - Inter/Inter via Getty Images)
MILAN, ITALY - FEBRUARY 27: Romelu Lukaku of FC Internazionale celebrates with team-mates after scoring the second goal of his team during the UEFA Europa League round of 32 second leg match between FC Internazionale and PFC Ludogorets Razgrad at Giuseppe Meazza Stadium on February 27, 2020 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani - Inter/Inter via Getty Images) Inter via Getty Images

Dopo la seria ipoteca messa sulla qualificazione con il successo per 2-0 in casa del Ludogorets nella gara di andata, l’Inter certifica l’approdo agli ottavi di finale di UEFA Europa League battendo la squadra bulgara per 3-1 a San Siro.

  • La partita minuto per minuto

Il Ludogorets palleggia bene nelle prime battute ma la prima ghiotta palla gol è per l’Inter. Bella ripartenza innescata da Christian Eriksen, Romelu Lukaku si invola nello spazio arrivando in zona tiro, ma Plamen Iliev si oppone bene al rasoterra di piatto destro del centravanti belga. Ci prova anche Alexis Sánchez subito dopo, senza però centrare la porta.

L’Inter sembra pian piano prendere il comando delle operazioni con Borja Valero che fa le veci di Marcelo Brozović a centrocampo tra Nicolò Barella ed Eriksen. Al 26’ arriva però la doccia fredda. Cicinho trova spazio a destra e crossa, Cauly Souza vince il duello fisico con Diego Godin e fredda Daniele Padelli.

Il brivido che corre sulla schiena dei Nerazzurri dura però poco. Cristiano Biraghi scambia sulla trequarti con Eriksen, che chiude il triangolo con un perfetto filtrante in area: l’esterno sinistro arriva in corsa, calcia con il mancino e, complice una deviazione di Georgi Terziev, sorprende Iliev sul primo palo.

L’Inter continua a spingere con Eriksen che fa sentire tutta la sua qualità a centrocampo. Barella impegna Iliev con un bel tiro, Andrea Ranocchia manda fuori di testa su azione di calcio d’angolo. Proprio allo scadere di prima frazione arriva il raddoppio. Lukaku e Sanchez mandano in bambola la difesa bulgara, il colpo di testa di Lukaku è respinto da Iliev ma il pallone carambola sulla testa del centranti belga e si insacca.

La ripresa inizia con Brozović al posto di Barella. L’Inter va vicinissima al tris ma il gran tiro da fuori di Sanchez manda il pallone a stamparsi sulla traversa. Iliev è salvato dal legno anche sulla conclusione di Lukaku che lui era riuscito a deviare. Poco dopo Antonio Conte richiama in panchina proprio il nazionale belga inserendo Sebastiano Esposito.

Padelli si oppone alla grande alla pericolosa conclusione del nuovo entrato Jakub Świerczok. L’Inter amministra il gioco senza spingere troppo il piede sull’acceleratore. Il Ludogorets ne approfitta per andare alla ricerca del pareggio. Ricerca vana. L’Inter approda agli ottavi con un’altra vittoria.