La doppietta di Forlán regala la coppa all'Atlético

Club Atlético de Madrid - Fulham FC 2-1 (dts)
Due gol di Diego Forlàn, il secondo a quattro minuti dalla fine dei supplementari, decidono la prima finale di UEFA Europa League.

L'Atlético solleva il trofeo ad Amburgo
L'Atlético solleva il trofeo ad Amburgo ©Getty Images

E’ il Club Atlético de Madrid a trionfare nella prima finale della UEFA Europa League. All’Hamburg Arena, la squadra spagnola supera 2-1 il Fulham FC dopo i tempi supplementari e conquista il secondo successo in una competizione continentale dopo la Coppa delle Coppe UEFA del 1961/1962. In terra di Germania l’eroe dei colchoneros è l’attaccante uruguaiano Diego Forlán, autore di una doppietta.

I tempi supplementari si erano chiusi sull’1-1, con il botta e risposta tra Forlán (32’) e Simon Davies (37’); l'ex attaccante del Manchester United FC e del Villarreal CF si è ripetuto quando i rigori sembravano la logica conclusione di questa sfida, al 116'. La prima finale continentale nella storia del Fulham si conclude dunque con un’amarezza per la formazione inglese, schierata in campo sapientemente da Roy Hodgson e protagonista di un’incredibile cavalcata. L’Atletico Madrid, che prima di affidare la panchina a Quique Sánchez Flores navigava in zona retrocessione nella Liga, può ora centrare un’accoppiata di trofei visto che mercoledì prossimo sfiderà il Sevilla FC nella finale di Coppa del Re.

La prima occasione del match nasce da una disattenzione dei londinesi. Sergio Agüero ruba un pallone a centrocampo e lo serve a  Forlán, il cui tiro termina sulla parte esterna del palo. Il Fulham risponde al 18’ con Davies, ma la sua conclusione non crea apprensione a David de Gea. Forlán ci prova ancora senza fortuna con un destro dalla distanza, ma alla mezzora l’Atletico passa. Su una conclusione “sporca” di Agüero si avventa Forlán, che con un tocco sotto misura non lascia scampo a Mark Schwarzer.

Per la risposta della squadra di Hodgson bisogna attendere appena cinque minuti. E’ Davies, con una splendida girata al volo sul primo palo, a realizzare l’1-1. Gli spagnoli premono nel finale del primo tempo, a inizio ripresa è invece de Gea a doversi salvare con un’uscita in tuffo su Zoltán Gera. Al 54’, Hodgson decide il primo cambio: fuori Bobby Zamora, dentro Clinton Dempsey. Sei minuti dopo è ancora provvidenziale il portiere dei colchoneros su un’altra botta al volo di Davies.

Al 67’ arriva la prima sostituzione anche per Sánchez Flores, che richiama l’evanescente Simão Sabrosa e inserisce José Manuel Jurado. Si fa vedere Agüero, ma la punizione del “Kun” non crea problemi a Schwarzer. L’Atletico cambia ancora e José Antonio Reyes lascia il posto all’attaccante argentino Eduardo Salvio, ma il nuovo entrato non concretizza una buona opportunità sull’interessante cross di Tomáš Ujfaluši.

Il Fulham inserisce forze fresche e getta nella mischia il norvegese Erik Nevland, che rimpiazza Damien Duff. L’Atletico ha il pallino in mano, ma il tentativo di Raúl García è da dimenticare; dalla parte opposta una punizione di Danny Murphy da posizione interessante si infrange sulla barriera. Si va ai supplementari.

I londinesi ci provano con le ripartenze, trascinati da un Nevland che però non riesce mai ad inquadrare lo specchio della porta. Dalla parte opposta Schwarzer si salva in tuffo su un tiro-cross, poi allo scadere del primo supplementare l’Atletico Madrid costruisce un’azione da gol limpidissima: Forlán, defilato sulla sinistra, brucia sullo scatto Chris Baird e mette a centro area, ma né Salvio né Agüero riescono a trovare il tocco vincente.  

La lotteria dei rigori sembra inevitabile, ma a quattro minuti dalla fine arriva il gol decisivo di Forlán che sul cross di Agüero anticipa Brade Hangeland e, grazie alla deviazione del difensore norvegese suo tocco di esterno, regala l’Europa League all’Atletico Madrid.