UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Lazio delusa, ma la testa è già al ritorno

“Dovevamo vincere comunque una partita per andare ai quarti, ora dovremo farlo in Ucraina”, dice Inzaghi al termine del 2-2 contro la Dinamo Kiev. Immobile invita a non abbattersi, Felipe Anderson predica calma.

Guarda il meglio della sfida d'andata degli ottavi di finale di UEFA Europa League 2017/18.
Guarda il meglio della sfida d'andata degli ottavi di finale di UEFA Europa League 2017/18.

Il bicchiere è mezzo vuoto. Non potrebbe essere altrimenti, quando pareggi 2-2 l'andata in casa di una sfida che si gioca sull'arco dei 180 minuti. A maggior ragione quando sei riuscito a raddrizzare una partita che ti aveva visto andare sotto a inizio ripresa. Simone Inzahi e la Lazio, però, vogliono andarsi a prendere i quarti di UEFA Europa League in Ucraina, nella sfida di ritorno contro la Dinamo Kiev. "Nell’ultimo periodo le nostre prestazioni non sono coronate dai risultati", spiega il tecnico dei Biancocelesti, "Vuol dire che dovremo fare di più".

Simone Inzaghi, allenatore Lazio

Con il 3-2 sarebbe stato diverso il ritorno. Dovevamo vincere comunque una partita per andare ai quarti, ora dovremo farlo in Ucraina. La Dinamo Kiev si è dimostrata la squadra che ci aspettavamo, ma il vantaggio non dovevamo concederlo. Una volta trovato il 2-1 è mancata la zampata per il terzo gol. Anche il 2-2 è un eurogol, però avremmo dovuto accorciare prima. Ora ci giochiamo la qualificazione in Ucraina.
Milinković-Savić? Sergej è un giocatore molto generoso che corre tanto. Questa sera ha sbagliato qualche scelta finale, ma ce l’ha messa tutta. Abbiamo fatto quello che dovevamo, avremmo meritato di più. Nell’ultimo periodo le nostre prestazioni non sono coronate dai risultati. Vuol dire che dovremo fare di più.

Ciro Immobile, attaccante Lazio
Non dobbiamo abbatterci: meritavamo qualcosa in più e ora dobbiamo andare a giocarcela in Ucraina. La sfortuna è data dal fatto che dobbiamo dare di più, quello che stiamo facendo evidentemente non basta. Contro Milan e Juventus le prestazioni ci sono state, anche questa sera meritavamo la vittoria. Stiamo facendo fatica con le difese schierate, andiamo in difficoltà contro le squadre che chiudono gli spazi. Sarà una partita così anche a Kiev e dovremo prepararla al meglio.

Felipe Anderson, attaccante Lazio
Ci dispiace, volevamo un risultato positivo. Ma non sottovalutiamo questo pareggio. Loro sono una buona squadra, abbiamo lasciato loro un po’ di spazio. Dobbiamo stare calmi e lavorare per portare a casa la qualificazione. Io provo a farmi sempre trovare pronto, quando gioco dall’inizio è diverso. L’allenatore sa che può contare di me, siamo cresciuti molto. Voglio lavorare di più per farmi trovare al 100%.