UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Inzaghi esalta la Lazio: "Bravissimi"

"Bisogna fare i complimenti al gruppo, ci siamo superati andando oltre le più rosee aspettative", afferma il tecnico dei Biancocelesti dopo la qualificazione ai sedicesimi. Parolo: "Vogliamo andare avanti il più possibile".

Highlights: Lazio - Nice
Highlights: Lazio - Nice

Forse è un segno del destino. Quando tutto lasciava presagire la fine della serie di vittorie consecutive della Lazio - e il secondo pareggio stagionale dopo quello con la Spal - i Biancocelesti hanno trovato con un pizzico di fortuna il gol-vittoria contro il Nizza, conquistando la qualificazione ai sedicesimi di UEFA Europa League e il primo posto nel Gruppo K. Dopo il successo dell’Olimpico, Simone Inzaghi elogia i suoi ragazzi - “Sono stati bravissimi” - mentre Marco Parolo, Stefan de Vrij e Luis Alberto sottolineano l’importanza di aver raggiunto l’obiettivo con due giornate d’anticipo.

Simone Inzaghi, allenatore Lazio
I ragazzi sono stati bravissimi, non era semplice. Il Nizza è una squadra ben costruita, dal campo mi ha colpito: è una squadra fisica e di qualità, hanno giocatori esperti che lo scorso anno hanno fatto un bel campionato. Il primo tempo abbiamo sbagliato più volte l’ultimo passaggio, ma in Europa non ti regala nulla nessuno. Luis Alberto può fare la mezzala, l’ha fatto anche a Nizza. È un giocatore che può fare le due fasi tranquillamente. All’andata siamo stati sorpresi, ci aspettavamo l’avversario con il 4-4-2 e ce lo siamo ritrovati con il 3-5-2, oggi invece ce li aspettavamo come poi hanno giocato: con una difesa a 3 o a 4 le nostre uscite cambiano totalmente.
Bisogna fare i complimenti al gruppo, ci siamo superati andando oltre le più rosee aspettative. Tutti quanti cercano di dare sempre il massimo, con la UEFA Europa League ho le rotazioni più profonde. Abbiamo fatto un’impresa, siamo gli unici ad aver vinto tutte e quattro le partite. La squadra migliore d’Italia è la Juventus e se la batti due volte non può essere un caso.

Marco Parolo, centrocampista Lazio
Volevamo vincere per chiudere il discorso UEFA Europa League con il primato e ci siamo riusciti. Vincere aiuta a vincere, abbiamo raggiunto l’obiettivo. È importante aver ottenuto la qualificazione e le ultime due partite possono servire a chi ha giocato meno. Vogliamo comunque vincere, questa è una squadra che pensa sempre alla vittoria. È bello giocare in Europa, abbiamo il potenziale per andare avanti e vogliamo farlo il più possibile.

Stefan de Vrij, difensore Lazio
Ci crediamo sempre fino alla fine come oggi: era una partita da 0-0 ma abbiamo voluto il gol. Immobile è fondamentale per questa squadra, ma possiamo vincere anche senza di lui. È stato un grande onore indossare la fascia per la Lazio con cui mi trovo molto bene. Io cerco sempre di migliorarmi, dopo ogni partita la riguardo per due ore insieme a un analista che mi aiuta ad analizzarla. Malgrado il passaggio vogliamo vincere anche le prossime partite, ma è bello giocare sapendo di essere già qualificati e senza pressioni. Non è stata una bella partita, ma è stata interessante. Loro nel primo tempo hanno avuto più possesso palla, nella ripresa invece abbiamo alzato il ritmo noi e siamo riusciti a portarla a casa.

Luis Alberto, attaccante Lazio
Sapevamo che era una partita difficile, abbiamo dimostrato di crederci fino alla fine. Il Nizza ha fatto una buona partita, è arrivato con quattro centrocampisti e ha chiuso bene gli spazi, per me è stato difficile. Ho lavorato soprattutto difensivamente, ma l'importante è aver vinto. L’importante è vincere, dopo la sosta delle nazionali arriva il derby, dobbiamo arrivarci con un'altra vittoria.

Luiz Felipe, difensore Lazio
Ho giocato bene. Era una partita difficile, ma l'importante era vincere. Ora torniamo a casa per riposare e poi subito testa all'Udinese. È difficile giocare in Europa, ma noi abbiamo lavorato tanto tutta la settimana. Sono qui per aiutare, per me non c'è problema, gioco sia a destra sia a sinistra. Dobbiamo lavorare partita per partita. Facendo così possiamo arrivare lontano.