Emery invoca sangue freddo

Il tecnico del Valencia ha invitato la squadra a mantenere la calma per tentare la rimonta contro l’Atlético Madrid, mentre l'allenatore dei Colchoneros Diego Simeone non dà nulla per scontato.

Il tecnico del Valencia Unai Emery alla conferenza stampa di mercoledì
Il tecnico del Valencia Unai Emery alla conferenza stampa di mercoledì ©AFP/Getty Images

Dopo aver perso la semifinale d’andata di UEFA Europa League contro il Club Atlético de Madrid per 4-2, il Valencia CF prova a mantenere la calma in vista della decisiva sfida di giovedì.

Il Valencia, già eliminato dall’Atlético agli ottavi della competizione nel 2010, è caduto nuovamente a Madrid la scorsa settimana. Mentre la squadra della capitale cerca di raggiungere la seconda finale in tre anni, il tecnico Unay Emery resta fiducioso, anche perché il gol al 94’ di Ricardo Costa ha riacceso le speranze.

"Il gol di Ricardo è importante perché può valere doppio – commenta il tecnico, 40 anni –. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi, che ci aiuteranno a far vedere le nostre qualità. Dobbiamo gestire bene le emozioni, perché sarà una gara per uomini veri. Non dobbiamo farci prendere dall’ansia. Abbiamo una possibilità, perché la squadra ha dimostrato che sa giocare un buon calcio e fare risultato”.

"Le squadre si equivalgono, ma il risultato non è di parità. Dobbiamo metterci l’anima e combattere dal primo minuto al 90’. Sarà una partita molto diversa da quelle di campionato. Tutta Valencia deve starci vicino e dobbiamo prepararci a tutto, ma possiamo ribaltare la partita”.

Diego Simeone sa che la sua squadra non deve farsi schiacciare in area perché "Domani è una gara dura", ha detto. "Rispettiamo l'avversario e non prendiamo la partita alla leggera, dopo tutto siamo in una semifinale europea. Ci sono ancora 90 minuti e abbiamo bisogno di giocare bene. Credo che sarà una grande gara, con enorme intensità".

Entrambe le squadre hanno fatto vedere buone cose nel weekend, l'Atlético è salito al settimo posto nella Liga con il 3-1 contro l'RCD Espanyol, mentre il Valencia ha otentuto un trionfale 4-0 contro il Real Betis, ricandidandosi per il terzo posto. Simeone, che non avrà ancora Antonio López e Sílvio in mezzo alla difesa, infortunati, crede tuttavia di aver preso bene le misure ai Blanquinegros, dopo lo 0-0 in trasferta a febbraio prima della vittoria all'andata delle semifinali.

"Il Valencia ha giocato in modo molto diverso nelle due precedenti gare contro di noi ma abbiamo capito come affrontarli", ha detto, prima di provare a smontare l'apporto del pubblico al Mestalla. "Mi occupo di ciò che succede sul campo, non sugli spalti - dobbiamo essere forti e continuare a fare ciò che abbiamo fatto recentemente. Vogliamo la finale".