Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Riera pregusta la vendetta

Per l'ala del Liverpool l'Europa League rappresenta la speranza di vincere un trofeo quest'anno, e un'opportunità per cancellare il "retrogusto amaro" della sconfitta con l'Espanyol nella finale di Coppa UEFA del 2007.

Albert Riera (Liverpool FC)
Albert Riera (Liverpool FC) ©Getty Images

Albert Riera non ha bisogno di essere convinto dell'importanza della UEFA Europa League. Per l'ala del Liverpool FC il torneo non solo è l'unica concreta speranza di vincere un trofeo in questa stagione, ma è anche un'opportunità unica per cancellare il "retrogusto amaro" della sconfitta con l'RCD Espanyol nella finale di Coppa UEFA del 2007.

Riera era arrivato a un soffio dal vincere la coppa quell'anno, avendo segnato il primo gol dell'Espanyol nella partita poi pareggiata 2-2 con il Sevilla FC all'Hampden Park di Glasgow. La sua squadra perse poi ai rigori e il giocatore ha ricordato quella sera con UEFA.com: "Ricorderò sempre quella finale, in verità è stata una cosa grandiosa  ma le finali ci sono per essere vinte e se perdi ti rimane un retrogusto amaro in bocca. La gente dice che il terzo tentativo è quello giusto ma io spero succederà al secondo questa volta".

Il 27enne nazionale spagnolo vorrebbe rifarsi di quella delusione con il Liverpool, che partecipa alla UEFA Europa League dopo l'eliminazione dalla fase a gironi di UEFA Champions League. "Non abbiamo fatto molto bene in Champions League. Abbiamo fatto degli errori, e li abbiamo pagati. Devi continuare a guardare avanti, ora siamo in questa competizione e vogliamo vincerla".

"L'obiettivo è vincere un trofeo – non abbiamo altre opzioni – e anche finire quarti in campionato. Se non possiamo vincere il campionato, allora l'obiettivo è finire tra le prime quattro. Questa stagione non l'abbiamo iniziata bene, possiamo fare molto di più ed è quello che stiamo cercando di fare".

A portare una ventata di ottimismo prima del ritorno dei sedicesimi contro l'FC Unirea Urziceni in Romania c'è la recente buona forma dei Reds. La squadra di Rafael Benítez aveva concesso gol nelle ultime battute in tre gare di UEFA Champions League ma nelle ultime sette gare la loro porta è rimasta inviolata per sei volte - tra cui la vittoria per 1-0 nell'andata contro l'Unirea la settimana scorsa e il pareggio senza reti del finesettimana ottenuto in casa del Manchester City FC.

"E' importante finire una partita senza aver preso gol. Se lo fai hai buone opportunità di vincere le partite. Conosciamo la qualità dei giocatori che abbiamo, avremo delle occasioni. A inizio stagione avevamo problemi a difendere, specialmente sulle palle ferme, ma è qualcosa su cui abbiamo lavorato e che abbiamo migliorato. Eravamo consapevoli di questo e ora ne stiamo raccogliendo i frutti".

"Dovranno sbilanciarsi di più rispetto all'andata, e non potranno difendere come hanno cercato di fare la settimana scorsa quindi ci saranno più occasioni per noi", ha detto Riera. "Non cercheremo solo di difendere il risultato, proveremo comunque a vincere. Avremo sicuramente più occasioni, perché saranno obbligati a giocare di più".

In alto