L’Heerenveen vuole invertire la rotta

La formazione olandese è ancora in corsa per un posto nei sedicesimi di finale di Coppa UEFA nonostante una delicata situazione di classifica in campionato. De Jonge: "C'è in gioco la reputazione del club".

L’Heerenveen vuole invertire la rotta
L’Heerenveen vuole invertire la rotta ©Getty Images

Nonostante un autunno difficile l’SC Heerenveen potrebbe chiudere il 2009 in bellezza centrando la qualificazione ai sedicesimi di UEFA Europa League.

Momento negativo
L’Heerenveen ha perso entrambe le gare disputate in casa nel Gruppo D: 3-2 contro Sporting Clube de Portugal ed Hertha BSC Berlin. In campionato è quint'ultimo, con 17 punti in altrettante giornate. Tuttavia, la vittoria in casa contro l’FK Ventspls, già eliminato, e la contemporanea sconfitta in casa dell’Hertha contro la capolista Sporting qualificherebbe gli olandesi, che potrebbero così aspirare a migliorare un piazzamento già raggiunto nelle edizioni 2004/05 e 2005/06 della Coppa UEFA.

Settimana decisiva
Jan de Jonge ha preso il posto di Trond Sollied sulla panchina del club ad agosto, subito dopo la conquista della Coppa d’Olanda. Il primo titolo di rilievo nella storia del cub è valso anche la 15esima partecipazione consecutiva a un torneo UEFA. I prossimi due impegni infrasettimanali, contro il Ventspils e tra una settimana contro il PSV Eindhoven negli ottavi della Coppa d’Olanda, sono l’occasione per invertire la rotta.

Mala sorte
De Jonge, che potrebbe non avere a disposizione il centrocampista Michal Švec, ha dichiarato: "Contro il Ventspils c’è in gioco la reputazione del club e del calcio olandese. Stiamo migliorando sul piano del gioco, ma i risultati non sono ancora soddisfacenti. La fortuna non ci assiste, e  subiamo troppi gol nelle fasi finali. La società mi ha rinnovato la fiducia fino a fine stagione e questo dovrebbe dare ulteriori stimoli ai giocatori”.

Fiducia
Il capitano Michel Breuer ha sottolineato la necessità di un’iniezione di fiducia dopo le ultime due sconfitte contro Heracles Almelo e Feyenoord. "Gli ultimi risultati negativi sono da imputare alla sfortuna. Abbiamo colpito il palo e subito il gol sul ribaltamento di fronte, una situazione tipica per noi quest’anno. La squadra è in difficoltà a livello psicologico, ma sono convinto che possiamo battere i lettoni, così come lo Sporting può vincere a Berlino”.

Monito
De Jonge ha comunque precisato: “Il Ventspils non va sottovalutato, è una formazione solida in difesa e pericolosa in contropiede. Sporting ed Hertha hanno incontrato grossi problemi e pertanto non mi aspetto una gara semplice”.