Schaaf vuole il regalo più bello

Il tecnico del Werder Brema compie 48 anni il giorno della semifinale d’andata di Coppa UEFA contro l’Amburgo. Jol promette di non fare sconti e scherza: "Volete che gli regali un viaggio a Istanbul?".

Schaaf vuole il regalo più bello
Schaaf vuole il regalo più bello ©Getty Images

Il tecnico del Werder Bremen Thomas Schaaf compirà 48 anni il giorno della semifinale d’andata di Coppa UEFA contro l’Hamburger SV al Weserstadion. Inutile dire quale regalo si attende.

'Grandi emozioni'
Reduce dal successo della scorsa settimana nella semifinale della Coppa di Germania contro l’Amburgo, il primo di quattro confronti fra le due squadre in 19 giorni, il Werder punta a ripetersi anche in Europa. "L’augurio è di giocare bene, controllare la gara e contare sul sostegno del pubblico – ha dichiarato Schaaf in vista della settima semifinale tutta tedesca nel torneo -. Speriamo di ripetere le prestazioni avute fin qui in Coppa UEFA. È un derby tedesco, quindi una sfida speciale per i tifosi".

Dieci anni di Werder
Il cielo grigio di Brema alla vigilia del match contrastava con l’umore solare delle due squadre a poche ore dal secondo dei quattro confronti in programma. L’ultimo atto si giocherà in campionato tre giorni dopo la sfida di ritorno. Per Schaaf si succedono gli anniversari. Il 9 maggio compirà dieci anni come tecnico del Werder, e quale modo migliore di festeggiare la ricorrenza che guidare la squadra verso la finale di Istanbul contro una fra FC Dynamo Kyiv e FC Shakhtar Donetsk. "L’anniversario conta poco, l’importante è raggiungere la finale. Per riuscirci dovremo impegnarci al massimo e giocare bene entrambe le gare”.

Morale alto
Già sconfitto tre volte in semifinale nel torneo, il Werder ha l’occasione di salvare una stagione deludente. Impantanato a metà classifica in Bundesliga, grazie alla vittoria in Coppa di Germania ai calci di rigore contro l’Amburgo, il Werder ha ritrovato il morale, rinvigorito anche dal 3-2 di domenica contro il VfL Bochum 1848. L’Amburgo ha disputato fin qui un ottimo campionato ed è a soli tre punti dalla vetta. All’eliminazione in coppa è seguita però la sconfitta contro il BV Borussia Dortmund. Il tecnico Martin Jol sa che serve subito un’inversione di tendenza.

Due buone squadre
"Siamo felici di essere in semifinale. È molto positivo sia per il club che per i giocatori, ma non abbiamo ancora vinto niente. In teoria è un vantaggio giocare in trasferta la prima partita, ma vedremo se lo sarà anche in questo caso. Le possibilità sono 50 e 50. Si affrontano due buone squadre”.

Amburgo indietro nel tempo
Jol dovrà rinunciare all’attaccante Mladen Petrić e al difensore Marcell Jansen, ma ritrova Alex Silva. Il Werder sarà privo in difesa di Petri Pasanen, mentre dovrebbe recuperare a centrocampo Frank Baumann. L’Amburgo, sconfitto in finale nel 1982, non arrivava così lontano in Europa dalla Coppa dei Campioni conquistata nel 1983. Quanto al compleanno di Schaaf, il tecnico olandese Jol promette di non fare sconti. "Volete che gli regali un viaggio a Istanbul?”. Gli scherzi finiscono qui.