Il Milan non è sazio

Dopo la vittoria con l'Heerenveen Ancelotti ha detto di avere fame di vittorie: "La Coppa UEFA ora non stuzzica, ma io ce l'ho l'appetito e anche i giocatori". Inzaghi soddisfatto per aver migliorato il suo record: "Sono felice".

Filippo Inzaghi ha segnato il 64esimo gol in competizioni UEFA per club contro l'Heerenveen
Filippo Inzaghi ha segnato il 64esimo gol in competizioni UEFA per club contro l'Heerenveen ©Getty Images

L'AC Milan in Coppa UEFA non sbaglia e ottiene la terza vittoria in altrettante gare: dopo il 3-1 rifilato in trasferta all'SC Heerenveen, l'allenatore dei Rossoneri Carlo Ancelotti ha spiegato che la fame di vittorie non è ancora appagata: "La Coppa UEFA ora certamente non è così interessante, non stuzzica l'appetito per tanti", ha detto il 49enne. "Ma io ce l'ho l'appetito e stasera hanno dimostrato di averlo anche i giocatori".

'Stiamo crescendo'
Prima dell'inizio della stagione la dirigenza del Milan aveva chiaramente fatto capire come l'obiettivo primario fosse il campionato, ma l'aria d'Europa è sempre stata stimolante per la squadra di Ancelotti, che finora in Coppa UEFA ha ottenuto solo vittorie. "La Coppa UEFA non è il nostro obiettivo primario, ma a marzo sono sicuro che saremo ancora in corsa e allora diventerà interessante", ha detto senza scaramanzie il tecnico di Reggiolo. "La squadra sta crescendo e migliorando, è più equilibrata e concentrata, noi siamo contenti".

Concorrenza leale
Il Milan ha sbloccato il risutato con un'autorete di Calvin Jong-A-Pin, poi Gennaro Gattuso e Filippo Inzaghi hanno trovato la rete prima del rigore trasformato da Danijel Pranjić. Per l'attaccante piacentino è stato il 64esimo centro in competizioni UEFA per club - Inzaghi ha quindi staccato il madrileno Raúl González che nella classifica di tutti i tempi rimane fermo a 63 centri, uno più di Gerd Müller e due più di Andriy Shevchenko.

'Sono felice'
Il record-man rossonero, Inzaghi, è soddisfatto per il primato: "Sono felice, i record sono fatti per essere battuti. Da italiano mi piace questa competizione con i giocatori stranieri per battere i record", ha detto senza falsa modestia. "Mi piacerebbe che Sheva arrivasse dalle mie parti, è un amico e fino ad ora ha sempre fatto bene in Europa". Dopo un periodo di scarse opzioni in attacco, ora Ancelotti potrebbe trovarsi a prendere scelte dolorose con Marco Borriello, Pato, Shevchenko e lo stesso Inzaghi a lottare per una maglia da titolare. "I giocatori stanno tutti bene in futuro si dovranno fare delle scelte", ha spiegato. "Ma va bene perchè abbiamo tanti impegni".