Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Advocaat tra presente e passato

Il tecnico dello Zenit S. Pietroburgo affronta i Rangers, sua ex squadra, nella finale di Coppa UEFA.

Dick Advocaat, tecnico dello Zenit
Dick Advocaat, tecnico dello Zenit ©Getty Images

L’FC Zenit St. Petersburg arriva a Manchester per superare l’ultimo ostacolo e vincere il primo trofeo europeo nella sua storia. Di fronte troverà i Rangers FC, che sperano in un ricorso storico per battere nuovamente una squadra russa in una finale continentale.

• Dopo il 3-2 sull’FC Dinamo Moskva a Barcellona nella finale di Coppa delle Coppe UEFA 1971/72, la formazione scozzese punta a vincere la Coppa UEFA contro il suo ex allenatore Dick Advocaat. L’olandese ha portato i Rangers alla vittoria del campionato nel 1999 e nel 2000, ma ora ha il compito di batterli allo stadio City of Manchester.

• Mentre lo Zenit approda in territori inesplorati, i Rangers sono alla quarta finale. Prima del successo del 1972 contro la Dinamo, la squadra di Glasgow aveva perso due finali di Coppa delle Coppe contro ACF Fiorentina (1960/61) e FC Bayern München (1966/67).

• I Rangers, che hanno iniziato la stagione europea il 31 luglio scorso dal secondo turno di qualificazione di UEFA Champions League, possono sperare in un caldo sostegno a Manchester, che dista appena 350km da Glasgow. Un netto vantaggio in confronto ai tifosi dello Zenit, che per raggiungere l’Inghilterra dovranno affrontare un viaggio di oltre 2.000 km.

• I tifosi dei Rangers sperano che diventi la quarta squadra scozzese a vincere un titolo europeo (che nel paese manca da 25 anni). Oltre al precedente successo dei Rangers, il Celtic FC ha vinto la Coppa dei Campioni nel 1966/67, mentre l’Aberdeen FC si è aggiudicato la Coppa delle Coppe del 1982/83.

• In caso di vittoria dei Rangers, la Scozia salirebbe nell’Olimpo delle nazioni che hanno vinto tutte e tre le competizioni europee per club più importanti, ovvero Coppa dei Campioni, Coppa UEFA e Coppa delle Coppe. Solo sei ci sono riuscite finora: Italia, Spagna, Inghilterra, Olanda, Germania e Portogallo.

• Due squadre scozzesi hanno perso la finale di Coppa UEFA: il Dundee United FC nel 1986/87 e il Celtic nel 2002/03.

• Lo Zenit, per contro, spera di seguire le orme del PFC CSKA Moskva, che nel 2004/05 ha superato lo Sporting Clube de Portugal nella finale di Coppa UEFA a Lisbona ed è diventato la prima squadra russa a vincere una coppa europea.

• Nelle 10 finali dal 1997/98 al 2006/07, il numero di gol realizzati è stato alto, con una media di 3,9 a partita. Tuttavia, i Rangers potrebbero essere di diverso avviso. L’undici di Walter Smith ha segnato appena cinque volte nelle ultime otto partite e mai nessuna squadra è riuscita ad arrivare in finale con un totale inferiore. Il rapporto gol/partite è comunque superiore a quello della Fiorentina, che nel 1989/90 è arrivata alla gara decisiva con appena sei reti in 10 incontri.

• Chi spera di assistere a tanti gol deve pregare che non si ripeta l’ultima finale UEFA disputata a Manchester, quella di Champions League 2002/03 tra Juventus e AC Milan all’Old Trafford terminata 0-0 dopo 120 minuti.

• L’ultima trasferta dei Rangers a Manchester si è conclusa con un 3-0 per il Manchester United FC nella fase a gironi di Champions League (novembre 2003). L’unica vittoria in territorio inglese su quattro tentativi è arrivata contro il Leeds United AFC al secondo turno della Champions League 1992/93. La squadra si è imposta 2-1 e ha passato il turno con un risultato totale di 4-2 anche grazie a una rete di Ally McCoist, attuale assistente allenatore a Ibrox.

• Lo Zenit ha già perso una volta in Inghilterra in questa stagione, soccombendo 1-0 contro l’Everton FC nell’ultima gara della fase a gironi. La formazione russa aveva perso con lo stesso risultato contro il Bolton Wanderers FC nella fase a gironi 2005/06.

• Questo sarà il primo confronto ufficiale tra Rangers e Zenit, anche se la squadra di Advocaat si è recata a Ibrox 24 agosto 2006 per un’amichevole prevista dal contratto tra le due società per l’acquisto di Fernando Ricksen.

• L’incontro è terminato con un 4-1 per lo Zenit contro una squadra che ai tempi era allenata da Paul Le Guen. Lee Ho e Igor Denisov hanno portato lo Zenit 2-0, Gavin Rae ha accorciato per i padroni di casa e Aleksandr Kerzhakov e Oleksandr Spivak hanno siglato le ultime due reti.

• Le formazioni erano le seguenti:
Rangers: Allan McGregor, Alan Hutton, Karl Svensson (Antoine Ponroy 60'), Brahim Hemdani, Charles Adam, Libor Sionko (Kris Boyd 72’), Makhtar N'Diaye, Gavin Rae, Thomas Buffel (Chris Burke 60’, sostituito da Lee Martin 64), Filip Šebo, Nacho Novo (William Stanger 81’).
Zenit: Kamil Čontofalský, Fernando Ricksen (Aleksandr Anyukov 72’), Igor Križanac (Martin Škrtel 84’), Erik Hagen (Kim Dong Jin 45’), Pavel Mareš, Igor Denisov, Vladislav Radimov (Oleksandr Spivak 45’), Lee Ho (Andrei Nagumanov 72’), Radek Šírl (Hyun Yun Min 45’), Andrei Arshavin (Olexandr Gorshkov 45’), Aleksandr Kerzhakov.

• Advocaat ha sostituito Smith al termine della prima stagione nell’estate 1998. L’ex Ct dell’Olanda ha riscosso enormi successi in Scozia, portando la squadra alla vittoria del “treble” nel 1998/99 e del “double” l’anno successivo, quando i Rangers hanno staccato il Celtic di ben 21 punti.

• Le due stagioni successive sono state meno fortunate e, prima della fine della stagione 2001/02, Advocaat ha accettato il nuovo ruolo di direttore tecnico lasciando il posto ad Alex McLeish.

• Advocaat ha fatto esordire Barry Ferguson in Europa il 22 luglio 1998 in una gara del primo turno di Coppa UEFA vinta 5-3 sullo Shelbourne FC. 10 anni dopo, il capitano dei Rangers detiene il record di presenze per un giocatore scozzese nelle competizioni UEFA.

• Oltre ad Advocaat, i Rangers affronteranno un altro ex, Ricksen. L’olandese è arrivato dall’AZ Alkmaar nel 2000 e ha trascorso sei anni a Ibrox, vincendo la Scottish Premier League nel 2002/03 e 2004/05. Nell’agosto 2006 è stato ceduto allo Zenit, inizialmente in prestito e firmando a titolo definitivo un anno dopo.

• Un altro giocatore ad aver rappresentato entrambe le squadre è Oleg Salenko, ex nazionale russo. Dopo aver iniziato la carriera allo Zenit Leningrad negli anni ’80 e aver stabilito un record alla Coppa del Mondo FIFA 1994 segnando cinque gol contro il Camerun, nel 1995 ha lasciato il Valencia CF per giocare sei mesi ai Rangers.

• Lo Zenit non ha mai giocato contro una squadra scozzese. I Rangers, invece, hanno affrontato una formazione russa 10 volte, con un bilancio di sette vittorie, due pareggi e una sconfitta.

• La sfida più famosa è stata la prima, ovvero la finale di Coppa delle Coppe 1971/72 contro la Dinamo Moskva. Al Camp Nou, i Rangers allenati da Willie Waddell si sono portati sul 3-0 con le reti di Colin Steine Willie Johnston (2), ma la Dinamo è riuscita a recuperare due gol con Vladimir Eshtrekov e Aleksandr Makhovikov.

• Purtroppo per i Rangers, la vittoria del trofeo ha scatenato un’invasione di campo e il capitano John Greig ha dovuto ricevere il trofeo negli spogliatoi.

• In seguito, la UEFA ha squalificato i Rangers dalle competizioni europee per due anni. Anche se la pena è stata ridotta a un anno in appello, la squadra non ha potuto difendere il titolo.

• Le formazioni della gara del 24 maggio 1972 erano le seguenti:
Rangers: Peter McCloy, William 'Sandy' Jardine, William Mathieson, John Greig, Derek Johnstone, David Smith, Thomas McLean, Alfred Conn, Colin Stein, Alexander McDonald, Willie Johnston.
Dinamo: Vladimir Pilgui, Vladimir Basalaev, Oleg Dolmatov, Valeri Zikov, Vladimir Dolbonsov (Mikhail Gershkovich 68’), Evgeni Zhukov, Anatoli Baidachny, Andrei Yakubik (Vladimir Eshtrekov 56’), József Szabó, Aleksandr Makhovikov, Gennadi Evriuzhikhin.

• I tifosi dei Rangers che cercano buoni auspici possono notare che, ora come allora, la squadra ha battuto lo Sporting e una squadra italiana nel cammino verso la finale.

• Oltre alla finale in Spagna, i Rangers hanno giocato un’altra gara contro una squadra russa in campo neutro, superando l’FC Anzhi Makhachkala 1-0 al primo turno di Coppa UEFA 2001/02. Data la preoccupante situazione nella vicina Cecenia, la UEFA ha deciso di organizzare l‘incontro allo stadio Wojska Polskiego di Varsavia il 27 settembre 2001.

• Ferguson è andato in gol nella vittoria contro la Dinamo Moskva (7-2 complessivo) al secondo turno di Coppa UEFA 2001/02 UEFA, segnando nella gara di ritorno vinta 4-1 in Russia.

• Contro le russe, però, la squadra di Glasgow ha avuto anche delusioni. Nel 1992/93 ha mancato la qualificazione agli ottavi di finale di UEFA Champions League perché, nell’ultima gara della fase a gironi, ha pareggiato in casa contro il PFC CSKA Moskva, mentre l’Olympique de Marseille ha battuto il Club Brugge KV qualificandosi per il turno successivo.

• Al terzo turno di qualificazione della Champions League 2004/05, invece, ha perso contro il CSKA con un 3-2 complessivo. La sconfitta per 2-1 Mosca (gol dei Rangers di Nacho Novo) è stata la prima di una squadra scozzese contro un’avversaria russa.

• McCoist, assistente allenatore dei Rangers, ha segnato una tripletta nel 7-2 sull’FC Alania Vladikavkaz al turno di qualificazione della Champions League 1996/97. La sfida è terminata con un 10-3 complessivo.

• Il centrocampista russo Vladislav Radimov dello Zenit affrontato la Scozia nella qualificazioni a EURO '96™. Dopo aver giocato 90 minuti nell’1-0 dell’andata a Glasgow, è sceso in campo 20 minuti nella gara di ritorno a Mosca, terminata 0-0.

• L’Ucraino Anatoliy Tymoschuk, capitano dello Zenit, ha incontrato più di recente la Scozia con la nazionale, vincendo 2-0 in casa e perdendo 3-1 fuori casa nelle qualificazioni a UEFA EURO 2008™. Tymoschuk ha affrontato gli attuali compagni di squadra David Weir e Ferguson in entrambe le gare, mentre il portiere Neil Alexander è rimasto sempre in panchina. A Kiev, invece, Kris Boyd è entrato nel secondo tempo.

• Tymoschuk ha affrontato il Celtic con la sua ex squadra, l’FC Shakhtar Donetsk, alla fase a gironi di Champions League 2004/05. Dopo il 3-0 per lo Shakhtar in casa, Tymoschuk è stato espulso nella gara persa 1-0 a Glasgow.

• Complessivamente, le squadre scozzesi hanno avuto la meglio su quelle russe, con un bilancio di sette vittorie, cinque pareggi e una sconfitta.

• Le due gare tra Russia e Scozia dopo il crollo dell’Unione Sovietica sono sempre terminate in parità.

In alto