UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Fiorentina al tappeto, i rigori la salvano

Everton FC – ACF Fiorentina 2-0 (and. 0-2, 2-4 dcr)
L’Everton si impone con lo stesso risultato del Franchi, ma i viola si qualificano ai quarti grazie agli errori dagli undici metri di Yakubu e Jagielka.

Alessandro Gamberini duella con Andy Johnson
Alessandro Gamberini duella con Andy Johnson ©Getty Images

L’ACF Fiorentina perde l’imbattibilità in Coppa UEFA, ma si qualifica ai quarti di finale grazie alla lotteria dei rigori. Al Goodison Park, nel ritorno degli ottavi, l’Everton FC si impone 2-0 – lo stesso punteggio con cui all’andata avevano vinto i viola – grazie ai gol di Andrew Johnson e Mikel Arteta. La formazione di Cesare Prandelli arranca per tutti i tempi regolamentari e i supplementari al cospetto degli scatenati uomini di David Moyes, ma riesce a trascinare la partita ai rigori dove è premiata dalla sua freddezza: dagli undici metri sbagliano Yakubu Ayegbeni (palo) e Philip Jagielka (parata di Sébastien Frey), mentre i viola fanno tutti centro.

Cinque cambi
Prandelli cambia per cinque undicesimi la squadra sconfitta dall’AC Siena. In difesa Tomáš Ujfaluši ritrova la maglia da titolare al posto di Alessandro Potenza, a centrocampo Zdravko Kuzmanović rileva Massimo Gobbi; completamente nuovo il terzetto d’attacco con Martin Jørgensen, Christian Vieri e Pablo Daniel Osvaldo preferiti a Mario Alberto Santana, Giampaolo Pazzini e Papa Waigo. Due novità nell’Everton rispetto alla formazione reduce dal successo in casa del Sunderland AFC: Leon Osman e Lee Carsley sostituiscono Tony Hibbert e Tim Cahill.

Johnson subito a segno
Nella bolgia del Goodison Park, l’Everton passa alla prima azione pericolosa. Sul cross dalla sinistra di Steven Pienaar, un’incomprensione tra Alessandro Gamberini e Frey fa rocambolare il pallone sul petto di Johnson che da due passi realizza il più facile dei gol. Quattro minuti dopo il portiere francese si riscatta sulla punizione di Arteta, con una miracolosa deviazione in tuffo. 

Frey miracoloso
I viola sbandano pericolosamente, ma al 33’ si affacciano dalle parti di Tim Howard. Osvaldo recupera un buon pallone e mette in movimento Manuel Pasqual sulla sinistra, sul cross del difensore Jørgensen impatta bene ma il suo tiro è centrale e non impensierisce il portiere statunitense. Al 35’ è Yakubu Ayegbeni a seminare il panico nell’area della Fiorentina: l’attaccante nigeriano mette a sedere Gamberini e tira a botta sicura, ma Frey si oppone ancora. Nel recupero il portiere francese è ancora reattivo sul destro di Johnson, sulla ribattuta il gol di Yakubu è annullato per fuorigioco di Arteta. 

Raddoppia Arteta
La ripresa si apre con Pazzini al posto di Vieri, ma la squadra di Moyes non vuole saperne di abbassare il ritmo. Al 52’  Dainelli è provvidenziale nell’anticipo su Pienaar, servito in verticale di Yakubu, poi è Gamberini a chiudere sullo scatenato attaccante nigeriano. Al 66’ l’Everton trova il meritato raddoppio: Arteta scaglia un destro dalla distanza e trova l’angolino dove Frey non può arrivare.

Ci prova Pazzini
La fiducia dell’Everton, trascinato dal suo pubblico, aumenta e Frey è costretto agli straordinari sui tentativi di Yobo e Yakubu. Al 76’ è Pazzini a dare una speranza ai tifosi viola accorsi in Inghilterra: sul cross di Riccardo Montolivo, l’attaccante sceglie bene il tempo ma sul suo colpo di testa Howard è fenomenale; sul successivo corner di Jørgensen, Dainelli manda di poco a lato. Poi è Yakubu a rendersi ancora pericoloso, ma la partita approda ai supplementari.

Si va ai rigori
Gobbi sostituisce Kuzmanović, poi è Pazzini a impegnare Howard. Gamberini e Ujfaluši sono costretti agli straordinari sugli instancabili Johnson e Yakubu; gli ultimi quindici minuti iniziano con Santana al posto di Jørgensen e Victor Anichebe per Pienaar. Frey è attento su una deviazione di uno suo difensore, Pazzini va vicino al gol al 118’; poi l’appendice dei rigori è inevitabile. Yakubu e Jagielka, mentre fanno centro Thomas Gravesen e Arteta per i Toffee-Men e Pazzini, Montolivo, Osvaldo e Santana per la Fiorentina: la squadra di Prandelli vola ai quarti.