Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Vojvodina e Partizan avanti

Riepilogo zona meridionale: Fortune alterne per le squadre serbe, bene Maccabi Tel-Aviv e Hajduk Spalato.

L’FK Vojvodina avanza al secondo turno preliminare di Coppa UEFA, al pari di Maccabi Tel-Aviv FC e HNK Hajduk Split. Bene anche una formazione cipriota. Qui di seguito la sintesi delle dieci sfide della zona meridionale.

Hibernians FC - FK Vojvodina 0-2 (and.: 1-5)
Un gol per tempo, di Dušan Tadić e Ranko Despotović, qualificano la formazione serba al secondo turno preliminare di Coppa UEFA. Padroni di casa in dieci nella ripresa per l’espulsione di Pablo César Doffo.

Maccabi Tel-Aviv FC - FC Santa Coloma 4-0 (and.: 0-1)
Il Maccabi Tel-Aviv firma un poker e riscatta la sconfitta dell’andata. I padroni di casa passano al 12’ con Yannick Kamanan e raddoppiano al 25’ con Erez Mesika. Nonostante l’espulsione di Ori Shitrit, gli israeliani arrotondano con Yossi Shivhon (63’) e Kamanan (69’).

PFC Litex Lovech - Sliema Wanderers FC 4-0 (and.: 3-0)
Il Litex Lovech supera agevolmente il turno grazie alle reti firmate da Fabien Boudarène, Beto (2) e Ivelin Popov. La formazione maltese crolla nella ripresa subendo tre reti nei primi 15 minuti.

Anorthosis Famagusta FC - FK Vardar 1-0 (and.: 1-0)
La formazione cipriota ripete il punteggio dell’andata imponendosi in casa grazie al gol di Anton Žlogar (54’). Ospiti quasi mai pericolosi e in dieci per il rosso a Vladimir Sekuloski.

HNK Hajduk Split - FK Budućnost Podgorica 1-0 (and.: 1-1)
Decide un colpo di testa di Dario Damjanović su cross di Mirko Hrgović al 47’. I croati potrebbero raddoppiare con Nikola Kalinić, mentre la formazione montenegrina non riesce a ripetere la buona prestazione dell’andata.

FK Partizan - NK Zrinjski 5-0 (and.: 6-1)
Il Partizan travolge 5-0 la squadra bosniaca. Reti di Darko Maletić, Almani Moreira e tripletta di Stefan Jovetić (37’, 52’ e 72’). A nulla vale la mossa del tecnico dello Zrinjski, che cambia sette effettivi rispetto alla gara d’andata.

FK Rudar Pljevlja - AC Omonia 0-2 (and.: 0-2)
Il Rudar parte meglio, ma al 34’ è punito da Musawengosi Mguni, attaccante dello Zimbabwe in forza alla squadra cipriota. Ricardo Sousa raddoppia nel finale, con i padroni di casa ridotti in dieci per l’espulsione di Zoran Vuković.

FK Rabotnicki - NK Gorica 2-1 (2-1)
I padroni di casa ripetono il punteggio dell’andata e difenderanno nel prossimo turno i colori della Macedonia. Il Rabotnicki passa nel finale del primo tempo con Krste Velkoski. Gli sloveni entrano in campo determinati nella ripresa ma vengono puniti al 69’ da Ertan Demiri. Il gol della bandiera per gli ospiti lo firma Enes Demirović dal dischetto.

FC Koper - NK Široki Brijeg 2-3 (and.: 1-3)
Gara ricca di gol quella fra i padroni di casa vincitori della Coppa di Slovenia e la formazione bosniaca. Vittoriosi all’andata 3-1, gli ospiti passano con la rete di Mislav Karoglan e un autogol di Rok Božičl. La formazione istriana accorcia con Dalibor Volas, prima del tris di Ronelle Gomes. Aleš Mejac fissa il punteggio nel finale.

KS Teuta - NK Slaven Koprivnica 2-2 (and.: 2-6)
Lo Slaven Koprivnica pareggia 2-2 in Albania e si qualifica al prossimo turno dopo il 6-2 dell’andata. I locali passano al 45’ con Bekim Kuli, ma gli ospiti replicano nella ripresa con Dino Kresinger e Bojan Vručina. Di Kuli il pareggio al 75’.

KS Besa - FK Bežanija 0-0 (and.: 2-2, Besa qualificato per la regola dei gol segnati in trasferta)
Il pareggio senza reti a Tirana qualifica i padroni di casa in virtù del pareggio con gol dell’andata. Due settimane fa le reti erano state segnate da Abdullahi Ishaka e Francois Elokan.

In alto