Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Ramos elogia tutti

L’allenatore del Siviglia plaude la continuità di risultati negli ultimi due anni della sua squadra.

Secondo Juande Ramos, allenatore del Sevilla FC, la rete di Luis Fabiano al 38’ del primo tempo è stata decisiva ai fini della qualificazione alla seconda finale consecutiva di Coppa UEFA. Il gol del brasiliano ha pareggiato quello subito all’andata e ha spianato la strada al successo per 2-0. Dello stesso parere è José Ángel Ziganda, tecnico dell’Osasuna, secondo il quale il primo gol ha “cambiato la partita” ed è costato alla sua squadra l’eliminazione dalla finale del 16 maggio contro l’RCD Espanyol. uefa.com ha raccolto le impressioni dei due tecnici al termine della sfida all’Estadio Ramón Sánchez-Pizjuán.

Juande Ramos, allenatore del Siviglia
Siamo molto felici di essere in finale per il secondo anno consecutivo, un’impresa molto difficile da realizzare a livello europeo e riuscita soltanto a poche squadre. È la dimostrazione di quanto di buono fatto lo scorso anno e credo che nessuno debba stupirsi di vederci adesso a questo punto. L’Osasuna è stato un avversario ostico, che ci ha impegnato fino in fondo. Abbiamo rischiato l’eliminazione a Pamplona una settimana fa, contro una squadra che si è dimostrata molto organizzata e ben messa in campo. Il gol di Luis Fabiano è stato fondamentale per noi. Avevamo bisogno di un gol prima dell’intervallo, e questo ci ha consentito di raggiungere più agevolmente l’obiettivo di segnare due reti. Infine, faccio i complimenti all’Espanyol, a cui auguro di godersi questa finale, quasi quanto noi lo scorso anno.

José Ángel Ziganda, allenatore dell’Osasuna
Non ci è mancato il carattere: fino al primo gol abbiamo giocato bene e rischiato poco. Anzi, il Siviglia era sembrato nervoso. Il primo gol ha cambiato il corso della sfida. Abbiamo faticato a rientrare in partita e per un po’ ci siamo smarriti. Il Siviglia ha interpretato questa gara come una finale ed è stato premiato, dimostrando di essere una grande squadra. Torno a Pamplona in ogni caso orgoglioso dei miei giocatori e del risultato raggiunto. Anche se non abbiamo giocato bene questa sera, tutti hanno dato il massimo, e abbiamo perso soltanto perché il Siviglia ci è stato superiore. Siamo molto tristi, ma è un sentimento positivo perché significa che vogliamo ripeterci su questi livelli in futuro.

In alto