L'Espanyol sale in cattedra

RCD Espanyol - Werder Bremen 3-0
La formazione spagnola si avvicina alla finale di Glasgow con un netto successo contro il Werder.

Wiese espulso
Wiese viene espulso per l'atterramento di Raúl Tamudo appena fuori area al 58', quando l'Espanyol è già sul 2-0 grazie alle reti di Moisés Hurtado e Walter Pandiani. Il subentrato Ferrán Corominas sigla il tris nei minuti finali. L'unica nota negativa per la squadra di Ernesto Valverde sono le ammonizioni di Hurtado e Pandiani, che salteranno la semifinale di ritorno per squalifica.

Scambi iniziali
L'Espanyol, che nelle battute inziali cerca di limitare le invenzioni del fantasista Diego, sposta il baricentro più avanti al quarto d'ora, quando il tiro di Iván de la Peña viene intercettato da Frank Baumann. Il pubblico di casa si sveglia e già al 20' esulta. De la Peña batte un calcio d'angolo corto per Francisco Rufete, che effettua un traversone per il colpo di testa vincente di Hurtado.

Parate di Iraizoz
Gli ospiti rispondono quasi immediatamente. Dopo un servizio di Aaron Hunt, Diego appoggia indietro per Torsten Frings, il cui missile dal limite dell'area viene deviato in angolo da Gorka Iraizoz. L'estremo difensore spagnolo, eroico nell'ultima gara contro l'SL Benfica, viene subito richiamato in causa per neutralizzare un colpo di testa di Naldo su cross di Frings.

Pericolo Diego
Il Werder continua a spingere alla ricerca del pareggio. Diego supera due difensori in area e serve Frings sulla destra, ma il suo traversone manca di poco il brasiliano e Miroslav Klose. Nonostante il dominio ospite, l'Espanyol è sempre pericoloso in contropiede. Con un intervento spettacolare, Wiese neutralizza una fulminea conclusione di Jesús María Lacruz al 40', mentre il tiro al volo di Albert Riera allo scoccare dell'intervallo finisce sulla testa di Naldo e poi sul fondo.

Pandiani fa undici
L'Espanyol, vincitore delle ultime sei partite casalinghe nel torneo, si avvicina alla settima al 5' della ripresa, quando Pandiani sigla il raddoppio nuovamente dopo un calcio piazzato di de la Peña. Il corner a rientrare del centrocampista trova Pandiani sul primo palo, che di testa supera Wiese e realizza l'11esimo gol nella competizione.

Di male in peggio
Dopo 8', la squadra di Thomas Schaaf complica ulteriormente la situazione per il fallo da espulsione di Wiese su Tamudo lanciato a rete. Il portiere di riserva Andreas Reinke entra al posto di Daniel Jensen e deve subito opporsi a una punizione di Marc Torrejón. Il Werder può solo limitare i danni e arretra Hunt a metà campo per arginare le incursioni dell'Espanyol. Nonostante l'intervento di Reinke su un tiro angolato di Rufete, Coro rifinisce il contropiede avviato da Riera e Tamudo e regala all'Espanyol una serata memorabile.

In alto