Il Napoli cade in casa con l'AZ Alkmaar

Gli azzurri battuti dal gol di de Wit nel primo match della fase a gironi di Europa League

Foto Alessandro Garofalo/LaPresse
Foto Alessandro Garofalo/LaPresse Lapresse

Male la prima. Cade in casa il Napoli, ed è una caduta che fa male perché arriva contro l'AZ Alkmaar decimato e arrivato al San Paolo con soli 19 convocati, molti giovanissimi in panchina. Eppure tanto è bastato per sbancare il fortino azzurro, con un gol di Dani de Wit al 12’ della ripresa a premiare una partita onesta, a tratti stoica, fatta di sacrificio e tanta tanta compattezza in difesa.

Gennaro Gattuso ha rinunciato al turnover, solo tre cambi rispetto all'undici che sabato ha strapazzato l'Atalanta, ma il Napoli è apparso da subito lento e demotivato, tanto possesso palla ma pochi pochissimi tiri. Il primo, l'unica vera occasione del primo tempo, è arrivato solo al 35’ ma Dries Mertens non ha trovato la porta dalla sua mattonella preferita.

Nella ripresa, subito il gol, il Napoli ha provato a reagire con Victor Osimhen che ha sfiorato il pari in un paio di occasioni prima di lasciare il posto ad Andrea Petagna. Gattuso ha provato a dare nuova linfa all'attacco gettando nella mischia anche Lorenzo Insigne appena recuperato da un infortunio ma Marco Bizot non ha mai dovuto impegnarsi più di tanto per disinnescare gli attacchi azzurri.

È solo la prima partita della fase a gironi e c'è ancora tempo per recuperare, ma il Napoli visto stasera deve alzare il livello - e di molto - se vuole arrivare fino in fondo in UEFA Europa League.