UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Cosa guardare nella finale di UEFA Europa Conference League

Ayoub El Kaabi continua la sua missione, la Fiorentina non ha paura di rischiare e l'Olympiacos prepara la sua trasferta più breve della stagione: tutti gli spunti più interessanti della finale.

Nicolas Gonzalez e Ayoub El Kaabi
Nicolas Gonzalez e Ayoub El Kaabi

Dopo 140 partite, ne resta solo una da giocare: la finale di UEFA Europa Conference League 2023/24 tra Olympiacos e Fiorentina.

In questo articolo presentato da Enterprise Rent-A-Car, selezioniamo gli spunti più importanti della sfida decisiva di Atene. E ricorda: ogni missione è importante.

El Kaabi recupera il tempo perso

L'anno scorso, in questo periodo, Ayoub El Kaabi si trovava a un bivio. A 29 anni, la sua prima incursione in Europa con l'Hatayspor era stata interrotta dal terremoto che ha portato al ritiro della squadra dalla massima serie turca, motivo per cui il giocatore ha deciso di trasferirsi in Qatar all'Al Sadd. Ad agosto, con poco clamore, l'Olympiacos ha fatto la sua mossa e l'attaccante non si è più guardato indietro.

Con 15 gol, El Kaabi è stato il calciatore africano più prolifico della stagione in Europa: un bel risultato per un ragazzo del Marocco che aveva abbandonato presto la scuola per fare il falegname. "Devi ricordare il tuo passato", ha detto prima della finale. "È questo che ti tiene con i piedi per terra e ti motiva a fare ancora di più".

Il cammino dell'Olympiacos verso la finale

Il pressing alto di Italiano

El Kaabi ha sicuramente attirato l'attenzione dell'allenatore della Fiorentina, Vincenzo Italiano. "Il loro centravanti segna con costanza e la squadra può contrattaccare con efficacia", ha detto dopo la vittoria dell'Olympiacos contro l'Aston Villa in semifinale. "È una squadra forte e aggressiva: se riesci a battere il Villa in casa e in trasferta, significa che hai tanta qualità".

Italiano ha fatto esperimenti con il pressing alto e, anche se il Villa abbia dimostrato che questo approccio non è privo di insidie, la Fiorentina potrebbe adottarlo ad Atene. "Il pressing alto ha vantaggi ma anche rischi, perché se gli avversari lo superano gli spazi si aprono per davvero", ha detto il tecnico, 46 anni. "Ma ci sono modi per evitarlo".

Il cammino della Fiorentina verso la finale

Non c'è uno senza due per la Fiorentina

"In ogni stagione Italiano invecchia di 10 anni!", ha detto il capitano Cristiano Biraghi a proposito del suo allenatore dopo la qualificazione della Fiorentina per la finale a Dublino. La propensione dei viola per i colpi di scena nel finale farebbe venire i capelli bianchi (o li farebbe perdere, nel caso di Italiano) a chiunque. La squadra ha avuto bisogno di un gol nel recupero contro il Maccabi Haifa agli ottavi, poi ha trionfato ai supplementari contro il Viktoria Plzeň e ha segnato gol decisivi nel finale contro il Club Brugge.

È segno che i viola sono determinati a fare meglio della scorsa stagione, che si è conclusa con un gol al 90' di Jarrod Bowen per il West Ham. "Vogliamo sfruttare al massimo la lezione", ha detto Italiano. "È una grande occasione per portare una coppa a Firenze".

Gli highlights della scorsa finale

Olympiacos a due passi da casa

L'Olympiacos ha percorso grandi distanze in questa stagione, andando in Inghilterra (due volte), Germania, Ungheria, Serbia (due volte) e Turchia. La sua ultima trasferta, però, sarà molto breve. Appena 15 km separano lo Stadio Georgios Karaiskakis dall'AEK Arena, anche se nelle ore di punta possono volerci ore: in ogni caso, la capitale della Grecia si tingerà di bianco e rosso il 29 maggio.

Gli appassionati tifosi dell'Olympiacos sono pervasi da un senso di fiducia che sarebbe sembrato assurdo a febbraio, quando la squadra ha incaricato il terzo allenatore della stagione. Non è così per José Luis Mendilibar, che anche l'anno scorso ha rilevato una formazione in difficoltà e l'ha portata al titolo europeo. "Ho studiato la squadra e, giorno dopo giorno, ho iniziato a credere che poteva fare qualcosa di grande", ha detto l'ex tecnico del Siviglia. "Poi ci abbiamo creduto in due, poi in quattro, poi in sei...". Adesso sono migliaia.

Cosa ricevono i vincitori dell'Europa Conference League?

UEFA via Getty Images

Oltre allo splendido trofeo, la vincitrice conquisterà un posto nella fase a gironi di UEFA Europa League se non si è già qualificata in UEFA Champions League tramite il campionato.

Scelti per te