Semifinali - 01/07/2004 - 20:45CET (19:45 ora locale) - Estádio do Dragão - Oporto
1-0
Grecia vince al "Silver Gol"  

Grecia - Repubblica Ceca 1-0 - 01/07/2004 - Pagina della partita - UEFA EURO 2004

Il sito ufficiale del calcio europeo

Dellas porta la Grecia in finale

Pubblicato: Venerdì, 2 luglio 2004, 0.52CET
Grecia - Repubblica Ceca 1-0 (dts)
Il silver gol del difensore decide la semifinale di Oporto, per i cechi una sconfitta che ha il sapore della beffa.
di Lorenzo Amuso
da Oporto
Dellas porta la Grecia in finale
©AFP

Statistiche partite

GreciaRepubblica Ceca

Gol segnati1
 
0
Tiri nello specchio5
 
5
Tiri fuori4
 
9
Calci d'angolo4
 
8
Falli commessi16
 
27
Cartellini gialli3
 
3
Cartellini rossi0
 
0

Classifiche

Pubblicato: Venerdì, 2 luglio 2004, 0.52CET

Dellas porta la Grecia in finale

Grecia - Repubblica Ceca 1-0 (dts)
Il silver gol del difensore decide la semifinale di Oporto, per i cechi una sconfitta che ha il sapore della beffa.

Sarà la Grecia ad affrontare il Portogallo nella finale di UEFA EURO 2004, in programma domenica sera a Lisbona. Grazie al Silver Gol di Traianos Dellas, segnato al termine del primo tempo supplementare, la nazionale di Otto Rehhagel vince 1-0 sulla Repubblica Ceca. Un verdetto fin troppo severo per i cechi, più volte vicini al gol.

Nella Grecia sono tutti disponibili. Zisis Vryzas prende il posto di Themistoklis Nikolaidis. Stelios Giannakopoulos siede in panchina: il Ct Rehhagel gli preferisce Konstantinos Katsouranis. Gli ellenici, che si dispongono con un abbottonato 4-4-2, affidano a Georgios Karagounis la cabina di regia. Libero di svariare sul fronte d'attacco, l'interista ha il compito di rifornire le due punte Vryzas e Angelos Charisteas. Nessuna sorpresa nella Repubblica Ceca. René Bolf recupera e gioca al fianco diTomáš Ujfaluši al centro della difesa. Martin Jiránek siede in panchina, al suo posto spazio a Zdenek Grygera. Il Ct Karel Brückner conferma il modulo a trazione anteriore, con Karel Poborský, Tomáš Rosický e Pavel Nedved a sostegno della coppia Milan Baroš e Jan Koeller.

Nonostante la richiesta di poter giocare con la maglia "portafortuna" rossa, al fischio d'inizio di Pierluigi Collina i cechi si presentano in campo in completo bianco. Seconda maglia (tinta unita blu) anche per la nazionale greca. Fin dalle prime battute viene confermato il previsto copione della vigilia. Partenza furibonda dei cechi, Grecia chiusa in difesa, con marcature strettamente a uomo. Georgios Seitaridis si francobolla su Baroš, Mihalis Kapsis su Koeller. Rehhagel pretende la massima attenzione anche su Nedved, seguito come un'ombra da Katsouranis.

In una manciata di minuti i cechi sfiorano due volte il vantaggio. Al 3' la sventagliata da fuori area di Rosický si infrange sulla traversa. Al 6' è Marek Jankulovski, al termine di una percussione sulla sinistra, ad impegnare Antonios Nikopolidis, che si salva in angolo. Superata la sfuriata, i greci, sostenuti dagli incessanti cori di oltre 10.000 tifosi, alzano il baricentro, facendosi vedere timidamente - pur senza mai scoprirsi - nella metà campo ceca.

Il primo cartellino della partita l'arbitro viareggino lo mostra a Seitaridis, al 23', per un abbraccio poco amichevole a Baroš. Nuova fiammata ceca verso la mezz'ora: dalla destra Rosický mette al centro, Nedved va a vuoto, Jankulovski calcia di prima intenzione. Ma il portiere dell'Olympiacos CFP è bravo a deviare in angolo. Nell'occasione lo juventino si fa male (probabile contusione al ginocchio) ed è costretto ad uscire per Vladimir Šmicer.

Prima dello scadere è nuovamente Jankulovski che cerca di sorprendere Nikopolidis, ma il suo pallonetto termina alto. È l'ultima occasione di un primo tempo durante il quale la Repubbblica ceca ha mantenuto un maggior possesso palla, costruito tre chiare occasioni da rete, dimostrato una maggior propensione offensiva. Tutto l'opposto della Grecia che si conferma squadra sorniona, solida, essenziale quanto ruvida nella manovra.

La ripresa si apre con una punizione abbondantemente a lato di Poborský, questa sera meno ispirato del solito. Neppure l'uscita di Nedved, comunque, convince la nazionale di Rehhagel a osare maggiormente: Vryzas e Charisteas sono abbandonati al loro destino, Karagounis appare velleitario. E Petr Cech è chiamato in causa per la prima volta solo dopo un'ora di gioco, su una debole incornata di Vryzas.

Come già nel primo tempo (e nella gara contro la Danimarca) l'avvio della frazione è tutto di marca ceca. La Grecia, che rinuncia quasi completamente alla manovra d'attacco, è alle corde eppure dà la sensazione di reggere l'urto. Ci prova di testa Koeller, Baroš si trova sulla traiettoria e devia involontariamente sul fondo.

Ma con il passare dei minuti, e l'affiorare della stanchezza, la manovra dei cechi diventa frammentaria, prevedibile, lenta. Ciononostante prima dello scadere sono ancora gli uomini di Brückner a costruire due nitide palle gol. Prima Koeller, su scambio di prima con Rosický, sbaglia malamente dagli undici metri. Quindi è Baroš, al termine di uno spunto personale, a mandare sul fondo.

L'equilibrio non si spezza e Collina fischia i tempi supplementari. La Grecia dimostra di avere più energia e costruisce in 15' più di quanto non aveva fatto in 90'. Stylianos Giannakopoulos, entrato per Angelis Basinas, impegna Cech di testa. Quindi su punizione di Karagounis, Traianos Dellas gira di prima intenzione, ma il giovane portiere ceco respinge di pugni.

Proprio allo scadere del primo tempo Dellas regala la storica finale alla Grecia. Angolo di Karagounis e deviazione di testa sul primo palo del romanista. Neppure il tempo per riprendere il gioco che lo stadio esplode in un tripudio bianco-blu. EURO 2004 si chiuderà come dunque era cominciato, mettendo di fronte la nazionale greca ai padroni di casa del Portogallo.

Ultimo aggiornamento: 16/05/12 13.11CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2004/matches/round=1583/match=1059193/postmatch/report/index.html#dellas+porta+grecia+finale

Formazioni

Grecia

Grecia

Repubblica Ceca

Repubblica Ceca

1
NikopolidisAntonis Nikopolidis (PO)
1
ČechPetr Čech (PO)
2
SeitaridisGiourkas Seitaridis
Yellow Card23
2
GrygeraZdeněk Grygera
5
DellasTraianos Dellas
Goal105+1 Supp.
4
GalásekTomáš Galásek
Yellow Card48
6
BasinasAngelos Basinas
Substitution72
5
BolfRené Bolf
7
ZagorakisTheodoros Zagorakis (C)
6
JankulovskiMarek Jankulovski
9
CharisteasAngelos Charisteas
Yellow Card70
8
PoborskýKarel Poborský
14
FyssasTakis Fyssas
9
KollerJan Koller
15
VryzasZisis Vryzas
Substitution91 Supp.
10
RosickýTomáš Rosický
19
KapsisMichalis Kapsis
11
NedvědPavel Nedvěd (C)
Substitution40
20
KaragounisGiorgos Karagounis
Yellow Card87
15
BarošMilan Baroš
Yellow Card102 Supp.
21
KatsouranisKostas Katsouranis
21
UjfalušiTomáš Ujfaluši

sostituti

12
ChalkiasKostas Chalkias (PO)
16
BlažekJaromír Blažek (PO)
13
KatergiannakisFanis Katergiannakis (PO)
23
KinskýAntonín Kinský (PO)
8
GiannakopoulosStelios Giannakopoulos
Substitution72
7
ŠmicerVladimír Šmicer
Substitution40
Yellow Card55
10
TsiartasVasilis Tsiartas
Substitution91 Supp.
3
MarešPavel Mareš
3
VenetidisStelios Venetidis
12
LokvencVratislav Lokvenc
4
DabizasNikos Dabizas
13
JiránekMartin Jiránek
11
NikolaidisDemis Nikolaidis
14
VachoušekŠtěpán Vachoušek
16
KafesPantelis Kafes
17
HübschmanTomáš Hübschman
17
GeorgiadisGiorgos Georgiadis
18
HeinzMarek Heinz
18
GoumasGiannis Goumas
19
TýceRoman Týce
22
PapadopoulosDimitris Papadopoulos
20
PlašilJaroslav Plašil
23
LakisVasilis Lakis
22
RozehnalDavid Rozehnal

Allenatore

Otto-Heinz Rehhagel (GER) Karel Brückner (CZE)

Arbitro

Pierluigi Collina (ITA)

Assistenti

Marco Ivaldi (ITA), Narciso Pisacreta (ITA)

Quarto arbitro

Valentin Ivanov (RUS)

Legenda:

  • RetiReti
  • AutogolAutogol
  • RigoriRigori
  • Rigori sbagliatiRigori sbagliati
  • reds_cardCartellini rossi
  • yellow_cardsCartellini gialli
  • yellow_red_cardsDoppia ammonizione
  • SostituzioneSostituzione