Fase finale - Fase a gironi (Gruppo A ) - 16/06/2004 - 18:00CET (17:00 ora locale) - Bessa XXI - Oporto
1-1
 

Grecia - Spagna 1-1 - 16/06/2004 - Pagina della partita - UEFA EURO 2004

 
Il sito ufficiale del calcio europeo

Sogni di gloria per la Grecia

Pubblicato: Martedì, 15 giugno 2004, 19.37CET
Gli ellenici sperano di bissare l'inaspettato successo dell’esordio contro il Portogallo.

Statistiche del torneo

GreciaSpagna

Gol segnati7
 
2
Tiri totali47
 
30
Tiri nello specchio21
 
8
Tiri fuori21
 
20
Tiri respinti0
 
0
Tiri contro il palo0
1
Calci d'angolo21
 
28
Fuorigioco19
 
8
Cartellini gialli18
 
8
Cartellini rossi0
 
0
Falli commessi108
 
55
Falli subiti123
 
61
Pubblicato: Martedì, 15 giugno 2004, 19.37CET

Sogni di gloria per la Grecia

Gli ellenici sperano di bissare l'inaspettato successo dell’esordio contro il Portogallo.

La Grecia punta a un clamoroso doppio successo contro le rivali iberiche alla vigilia della sfida con la Spagna, seconda gara del Gruppo A, quattro giorni dopo la vittoria inaspettata contro i padroni di casa del Portogallo.

Vittoria a sorpresa
La squadra di Otto Rehhagel ha ottenuto sabato il settimo successo consecutivo in partite ufficiali, battendo 2-1 il Portogallo grazie alle reti di Georgios Karagounis e di Angelos Basinas. Dopo aver chiuso il girone di qualificazione davanti alla Spagna, superata 1-0 a Saragozza, la Grecia vive in un clima di grande fiducia l’attesa per la gara che si giocherà domani a Oporto all’Estádio do Bessa Século XXI.

Momento più bello
Prima della vittoria a sorpresa di sabato, la Grecia non aveva mai realizzato reti nella fase finale di un grande torneo. Anche alla casella dei successi figurava uno zero. Nulla di strano, quindi, che diversi giocatori, compreso il capitano Theodoros Zagorakis, abbiano vissuto il momento più bello delle proprie carriere.

Massima concentrazione
Rehhagel, Ct tedesco della Grecia, ha lavorato però molto in settimana per cercare di mantenere alta la concentrazione tra i giocatori. “La vittoria contro il Portogallo è stato un grande risultato, ma destinato a essere ridimensionato senza la qualificazione ai quarti di finale”, ha ammonito.

Doppio rientro
Rehhagel non dovrebbe apportare cambiamenti significativi alla squadra, anche se potrà contare sul difensore Nikolaos Dabizas e sull’attaccante Themistoklis Nikolaidis, pienamente recuperati. Dabizas, recuperato dall’infortunio alla schiena, potrebbe essere impiegato nel caso di difesa a cinque. Traianos Dellas e Mihalis Kapsis dovrebbero invece essere i difensori centrali in caso di conferma del modulo 4-1-3-2.

Alternative in attacco
Vertice basso del centrocampo sarà Zagorakis, con Basinas impiegato probabilmente al centro e con Stylianos Giannakopoulos e Karagounis rispettivamente a destra e a sinistra. In attacco, Rehhagel potrebbe preferire l’opportunista Nikolaidis a Zisis Vryzas al fianco di Angelos Charisteas. “Sono al cento per cento della condizione e pronto a giocare”, ha dichiarato Nikolaidis, che ha recuperato da un problema al polpaccio.

Vecchi amici
Nikolaidis, che conosce bene i giocatori spagnoli avendo militato la stagione scorsa con il Club Atlético de Madrid, ha indicato in Juan Carlos Valerón e in Fernando Torres, compagno di reparto all’Atlético, gli uomini più pericolosi della Spagna.

Dinamico e vivace
Torres, apparso molto dinamico quando è entrato in campo contro la Russia sull’1-0, dovrebbe partire ancora dalla panchina. L’attaccante spagnolo ha poi spiegato di essere in contatto con Nikolaidis: “Parliamo al telefono tutti i giorni. Gli avevo pronosticato una vittoria della Grecia per 2-0 contro il Portogallo. Per mercoledì non prevedo lo stesso risultato!”.

Probabile titolare
Valerón, anche lui partito dalla panchina, dovrebbe invece essersi guadagnato una maglia da titolare con il gol partita realizzato dopo appena 36 secondi dal suo ingresso in campo. Il Ct della Spagna Iñaki Sáez ha infatti lasciato intendere che il fantasista dell’RC Deportivo La Coruña potrebbe sostituire Fernando Morientes, spostando Raúl González in posizione di centravanti.

Forti al centro
Sáez è convinto che la chiave del successo passi per i due esterni Vicente Rodríguez e Joseba Etxeberria, sottolineando l’importanza di attaccare la Grecia dalle fasce. “Sono molto forti in mezzo, e attaccarli per vie centrali significherebbe avere problemi”, ha spiegato.

Pretattica spagnola
Il Ct spagnolo non ha poi rivelato come di consuetudine la formazione alla vigilia della partita, spiegando di non voler aiutare la Grecia a decidere se giocare con due o tre difensori centrali in base alle sue scelte in attacco. Confermato, in ogni caso, il modulo 4-2-3-1.

Joaquín ritorna in panchina
Carlos Marchena potrebbe sostituire al centro della difesa César Martín, ammonito contro la Russia, mentre Xabi Alonso dovrebbe prendere il posto di Rubén Baraja come centrale di centrocampo, offrendo un’alternativa in più alle soluzioni d’attacco. L’esterno Joaquín Sánchez ha recuperato dall’infortunio alla caviglia e dovrebbe accomodarsi in panchina.

Probabile formazione della Grecia: Nikopolidis; Seitaridis, Dellas, Kapsis, Fyssas; Zagorakis; Giannakopoulos, Basinas, Karagounis; Nikolaidis, Charisteas.

Probabile formazione della Spagna: Casillas; Puyol, Marchena, Helguera, Raúl Bravo; Albelda, Xabi Alonso; Etxeberria, Valerón, Vicente; Raúl González.

Ultimo aggiornamento: 16/06/04 1.07CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2004/matches/round=1581/match=1059172/prematch/preview/index.html#sogni+gloria+grecia