Il sito ufficiale del calcio europeo

La Spagna compie il miracolo

Pubblicato: Lunedì, 6 ottobre 2003, 12.06CET
Spagna - Jugoslavia 4-3
In una gara rocambolesca la Spagna rimonta la Jugoslavia e si aggiudica un posto ai quarti di finale come prima del girone.
La Spagna compie il miracolo
La gioia spagnola ©Getty Images

Statistiche partite

YugoslaviaSpagna

Gol segnati3
 
4
Cartellini gialli5
 
1
Cartellini rossi1
 
0

Classifiche

Legenda:

G: Giocate   
P.ti: Punti   
Ultimo aggiornamento: 16/10/2015 10:48 CET
Pubblicato: Lunedì, 6 ottobre 2003, 12.06CET

La Spagna compie il miracolo

Spagna - Jugoslavia 4-3
In una gara rocambolesca la Spagna rimonta la Jugoslavia e si aggiudica un posto ai quarti di finale come prima del girone.

Nella più incredibile delle partite disputate finora, la Spagna compie un'inaspettata rimonta, aggiudicandosi un posto nei quarti di finale di UEFA EURO 2000. I gol a tempo scaduto di Gaizka Mendieta e Alfonso Pérez ribaltano il risultato, portando la formazione iberica al primo posto del Gruppo. La Jugoslavia si qualifica ugualmente ai quarti come seconda del girone.

La Spagna, che necessitava di una vittoria per tenere aperte le speranze di passare ai quarti di finale, inizia la partita davanti a un pubblico caloroso. Ma i primi minuti sono terribili, con un potente calcio di punizione di Siniša Mihajlović in direzione della porta spagnola. Il giocatore della S.S. Lazio, rientrato in campo dopo la sospensione per somma di ammonizioni nella partita contro la Slovenia, ci prova ancora con una percussione culminata con un tiro terminato appena sopra la traversa. Poi è Savo Milošević, di testa, a mandare appena fuori.

La Spagna reagisce, con Iván Helguera che sfrutta il passaggio di Sergi Barjuán ma tira a pochi centimetri dal palo. Appena qualche minuto più tardi, Alfonso non aggancia correttamente un cross di Michel Salgado dalla destra. La Spagna comincia a prendere il controllo del centrocampo, dopo l'inizio scoppiettante della Jugoslavia. Il portiere slavo Ivica Kralj annulla due tentativi consecutivi di Mendieta, prima tuffandosi su un calcio di punizione, poi parando un tiro da distanza ravvicinata.

Il ritmo non cala e il portiere spagnolo Santiago Cañizares salva all'ultimo momento sull'onnipresente Milošević. Ma un gol è nell'aria ed è la Jugoslavia che sblocca il risultato al 33'. Vladimir Jugović disimpegna per Ljubinko Drulović. Il cross dell'ala sinistra è per la testa di Milošević che spedisce in rete. Punta sul vivo la Spagna cerca subito il pareggio, con un colpo di testa di Abelardo appena fuori, sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

La Spagna pareggia al 40': Raúl Gonzalez si spinge fin dentro all'area con il pallone e Alfonso si impone nel cuore di un'esitante retroguardia jugoslava, per siglare la rete del pareggio. Raúl rimette alla prova Kralj, ma non sfrutta al meglio il cross di Mendieta, mentre il tiro al volo di Joseba Exteberría sfiora il palo. La Spagna è ovviamente galvanizzata dal pareggio, e su queste battute termina un primo tempo vissuto a mille da entrambe le squadre.

La Jugoslavia riacciuffa il vantaggio al 50' con Dejan Govedarica. Entrato al posto di Jugovic, raccoglie il cross di Drulovic e lo trasforma in un tiro morbido che supera Cañizares. La Spagna risponde immediatamente con Pedro Munitis, anch'egli entrato nella ripresa, che realizza da 20 metri.

È una partita fallosa e dura, oltre che molto tecnica e la Jugoslavia si ritrova ridotta a dieci uomini al 64', quando Slaviša Jokanović si fa espellere per un intervento su Munitis. È il terzo cartellino rosso in tre partite per gli jugoslavi, ma non diventa un handicap, che 17 minuti prima della fine dell'incontro si riportano in vantaggio. Govedarica colpisce di testa sulla punizione tirata da Mihajlović, ma è di Slobodan Komljenović il tocco decisivo.

Con il tempo che continua a trascorrere Josep Guardiola obbliga Kralj a deviare alto un pallonetto, e il tiro di Alfonso viene bloccato nel momento più incisivo della Spagna. La partita sembra persa per gli iberici, quando una serie di situazioni cambiano il risultato dell'incontro. Prima di tutto Abelardo viene tirato giù in area di rigore e Mendieta realizza il tiro dal dischetto. Alfonso scarica un tiro potentissimo in rete, appena qualche secondo più tardi, riportando la Spagna avanti.

Gli jugoslavi aspettano, storditi dai due gol lampo, l'annuncio della fine della partita tra Norvegia e Slovenia. Finalmente possono tirare un sospiro di sollievo e rientrare negli spogliatoi, mentre il pubblico può tornare a casa e recuperare il fiato!

Ultimo aggiornamento: 07/02/12 10.43CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2000/matches/round=1458/match=64861/postmatch/report/index.html#la+spagna+compie+miracolo