UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Re Luka Modrić, sovrano della Croazia alla veneranda età di 35 anni

Con Luka Modrić che si prepara ad affrontare con la Croazia agli ottavi di finale la Spagna, sua patria adottiva, Elvir Islamović, reporter di EURO2020.com ha reso omaggio a un giocatore che segue e ammira da quasi 20 anni.

Luka Modrić giovedì al campo base della Croazia a Rovinj
Luka Modrić giovedì al campo base della Croazia a Rovinj AFP via Getty Images

Luka Modrić. Un mago del calcio tanto timido ed educato fuori dal campo quanto coraggioso e incisivo in campo. Cosa si può dire che non sia già stato detto del centrocampista croato?

La marcia verso Croazia-Spagna

Conosco Luka da molti anni ormai. Ho assistito in prima persona ai suoi progressi, ai suoi successi, ai suoi più grandi traguardi. Dalla Dinamo Zagabria al Tottenham fino al Real Madrid; ma sempre con la maglia della Croazia tatuata sulla pelle. "Luka è il sogno di ogni allenatore", ha detto una volta Harry Redknapp nel 2010. "Si allena come un demonio e non si lamenta mai". Vero adesso nel 2021 come allora.

Una volta gli ho chiesto quale fosse il suo segreto.

"Segreto? Non c'è nessun segreto. Sono dedito al mio lavoro, e ho sempre dato tutto sin da quando ho iniziato. Ancora oggi sono concentrato al 100% sul mio lavoro".

Luka Modrić ha parlato con Elvir all'inizio del torneo
Luka Modrić ha parlato con Elvir all'inizio del torneoUEFA via Getty Images

Come un buon vino, è migliorato col tempo. Ha vinto tantissimi trofei nel corso della sua carriera ma il 2018 è stato il suo Annus Mirabilis: ha vinto la sua quarta UEFA Champions League, ha trascinato la Croazia in finale di Coppa del Mondo FIFA e si è aggiudicato tutti i più importanti premi individuali. Allora aveva 32 anni.

Oggi a 35 anni è ancora il trascinatore della Croazia e si è presentato a UEFA EURO 2020 da Calciatore della Stagione del Real Madrid.

"Sento ancora la stessa passione e motivazione quando scendo in campo con la mia squadra, e la porto in ogni sessione di allenamento e in ogni partita", ha raccontato alla vigilia del torneo.

Qualche giorno dopo ha segnato contro la Scozia uno dei suoi più bei gol con la Croazia, ma anche uno dei più importanti perché è stato il gol che ha completato la rimonta e ha permesso ai Vatreni di qualificarsi. Tredici anni dopo essere diventato il più giovane marcatore della sua nazione a segnare in una fase finale EURO, è diventato il più anziano.

Lo splendido gol di Modrić contro la Scozia
Lo splendido gol di Modrić contro la ScoziaGetty Images

Prima di un'intervista all'inizio degli Europei, stavamo parlando dei nostri figli - lui ne ha tre, il più grande ha appena compiuto 11 anni. "Il tempo vola", ha osservato. "I bambini crescono così in fretta".

Gli avversari hanno ragione a lamentarsi che per Modrić il tempo sembra scorrere al contrario. Il tempo per lui sembra essersi fermato. Cosa è cambiato nei 15 anni dal suo debutto con la Croazia?

"Ho vinto molto da allora ai massimi livelli, sia a livello di squadra che individuale. Ora sono capitano. Per il resto, le cose non sono cambiate troppo. La mia passione, il mio amore e il mio desiderio sono gli stessi della prima volta".

Anche fuori dal campo, Modrić sembra non essere cambiato molto. È il rifugiato di guerra che è diventato una star mondiale, ma rimane educato, gentile e un po' timido. Ispira coloro che lo circondano e spesso sottolinea quanto sia importante la famiglia per lui.

La famiglia prima di tutto: Modrić e due dei suoi figli
La famiglia prima di tutto: Modrić e due dei suoi figliAFP via Getty Images

Dopo avere sorpassato a marzo il record di 134 presenze in nazionale di Darijo Srna, c'è stato un momento commovente a fine partita quando ha festeggiato con amici e familiari prendendoli tra la folla. "Quando smetterai di giocare?" ha chiesto la moglie Vanja.

"Non lo so, amore mio", ha risposto. "Tu sai quanto questo significhi per me, quanto sono felice quando vado a giocare per la Croazia. Dovrai avere pazienza ancora per un po'".

Per quanto tempo ancora, nessuno lo sa. Nel frattempo, noi croati dobbiamo fare tesoro di ogni partita.

Scarica l'app di EURO 2020