UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il regista del Portogallo, Bruno Fernandes, sulla finale del 2016, su Ronaldo e la sfida con la Germania

"Sono arrivato alla reception urlando come un forsennato", ha raccontato

Bruno Fernandes parlando del momento del gol di Éder nella finale del 2016.

Bruno Fernandes si esercita con le esultanze
Bruno Fernandes si esercita con le esultanze UEFA via Getty Images

Bruno Fernandes stava "soffrendo da solo" nella sua camera dell'hotel quando il suo Portogallo ha vinto UEFA EURO 2016, e dopo il gol della vittoria di Éder si è messo a correre per i corridoi. Oggi a distanza di cinque anni, il portoghese è uno dei protagonisti della squadra che tenta la difesa del titolo. Ecco le parole del 26enne in vista della sfida contro la Germania.

Dove ti trovavi quando il Portogallo ha vinto EURO 2016?

Ero in ritiro pre-campionato con l'Udinese e mi trovavo in un hotel insieme a due o tre calciatori francesi. Loro guardavano la partita nella sala riunioni dove c'era uno schermo più grande, mentre io ho preferito rimanere in camera a soffrire da solo. Indossavo la mia maglia del Portogallo e ricordo di aver fatto una scommessa con uno dei calciatori francesi: al termine della partita, chiunque avesse perso, avrebbe postato la foto insieme al vincitore sui propri social network.

Download the EURO app

E cosa hai fatto quando Éder ha segnato il gol della vittoria?

In molti bussavano alla mia porta quando la Francia attaccava. Si piazzavano dietro la mia porta, bussavano e urlavano - poi è arrivato il gol! Così mi sono messo a correre per tutto l'albergo arrivando sino alla reception urlando come un forsennato. Naturalmente tutti i ragazzi francesi erano tristi per la sconfitta, però Thomas Heurtaux ha mantenuto la sua promessa: ha postato una foto con me. È stato un bel gesto di fair play.

Sulla vittoria dell'Ungheria…

È stata una partita difficile. Nelle gare d'apertura c'è sempre molta tensione. Penso che siamo stati bravi. Abbiamo avuto pazienza. Sapevamo che l'Ungheria si sarebbe chiusa e non ci siamo scoraggiati. Alla fine siamo riusciti a trovare il gol, e una volta segnato il primo, si sono aperti gli spazi e abbiamo fatto il secondo e il terzo.

Germania-Portogallo: il flashback del 2012
Germania-Portogallo: il flashback del 2012

Sui record di Ronaldo…

Guardavo giocare Cristiano sin da quando ero piccolo quindi poterlo vedere segnare con la nazionale da vicino, è un privilegio enorme. Ci sono anche altri che ho sempre ammirato, come João Moutinho, Pepe, Rui Patrício.

Sulla sfida contro la bestia nera Germania…

Non so cosa sarà diverso questa volta, ma il nostro obiettivo è quello di cambiare la storia con una vittoria. Sarà difficile, e in più loro saranno ancora più motivati dato che si giocherà a Monaco di Baviera. Hanno bisogno di vincere - che a volte può essere un fattore positivo, ma volte negativo a causa della tensione e dell'ansia. Daremo il massimo .

La marcia verso Portogallo-Germania