UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Didier Deschamps parla dei convocati per EURO 2020, di Karim Benzema e della Germania

"È contento di stare con noi, e io sono contento di averlo", spiega il Ct della Francia a proposito del ritorno in squadra di Karim Benzema.

Didier Deschamps in bici con la squadra al ritiro di Clairefontaine
Didier Deschamps in bici con la squadra al ritiro di Clairefontaine AFP via Getty Images

Nominato Ct a luglio 2012, Didier Deschamps allena la Francia da quasi nove anni. L'ex centrocampista della Juventus ha raggiunto la finale di UEFA EURO 2016 e ha vinto la Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia.

Il tecnico, 52 anni, cerca di vincere il Campionato Europeo dopo il mondiale, come aveva fatto da giocatore. Ha già stupito tutti riconvocando Karim Benzema dopo cinque anni di assenza e non vede l'ora di risentire il boato nel pubblico negli stadi, anche se i Bleus giocheranno le tre partite del girone lontano da casa.

Highlights finale EURO 2000: Francia - Italia 2-1
Highlights finale EURO 2000: Francia - Italia 2-1

I convocati e le difficoltà

Sono scelte delicate dal punto di vista umano e alcuni giocatori sono rimasti scontenti, ma il mio dovere è proprio questo. Lo scopo è sempre lo stesso: scegliere per il bene della nazionale francese. Alcuni meritavano sicuramente di essere qui. Quest'anno potevo selezionare 26 giocatori anziché 23, ma non è necessariamente un vantaggio per la gestione della squadra.

Dovremmo mandare tre giocatori in tribuna in ogni partita, ma anche in questo caso è il mio compito. Ovviamente so che non saranno molto contenti.

Cinque grandi gol di Benzema
Cinque grandi gol di Benzema

Il ritorno di Karim Benzema

Ci sono state diverse fasi che hanno preceduto il suo ritorno in nazionale, ma non voglio soffermarmi sui dettagli: è una cosa tra me e lui. Ci siamo incontrati e abbiamo parlato a lungo, poi ci ho pensato molto. È contento di stare con noi e io sono contento di riaverlo: lo stesso vale per la squadra perché tutti hanno lo stesso obiettivo, ovvero essere il più competitivi possibile.

Che cosa può dare alla squadra? Quello che ha sempre fatto con il Real Madrid e con la Francia, anche se è passato del tempo. Ora è un giocatore diverso, più maturo, ma questo non vale solo per lui. Dal punto di vista tecnico, è un vero leader.

Highlights EURO 2016: Germania - Francia 0-2
Highlights EURO 2016: Germania - Francia 0-2

La prima partita contro la Germania

Joachim Löw è un amico e ci siamo incontrati diverse volte. Lo ammiro per la sua longevità, che gli ha permesso di vincere la Coppa del Mondo FIFA nel 2014. Sette anni fa ci siamo incrociati ai quarti e noi ci siamo fermati lì. Mi piace molto: parliamo ogni volta che ci vediamo per le partite europee o mondiali.

Rispetto molto quello che ha fatto, anche nei periodi di maggior difficoltà. Se ha deciso di andarsene dopo EURO, significa che per lui è la cosa migliore. Sarà un grande piacere rivederlo a Monaco il 15 giugno.

Guarda i grandi gol della Francia
Guarda i grandi gol della Francia

Ritrovare i tifosi allo stadio

Giocheremo tutte le partite all'estero ma ci saranno i nostri tifosi, che sono l'essenza del calcio. Ci sono emozioni e sentimenti comuni che fanno parte della nostra vita quotidiana. Per i giocatori è importante.

Il calcio non può risolvere i problemi di tutti i giorni o della società, ma allo stadio la gente può ritrovarsi e sapere che siamo lì per condividere momenti di gioia e felicità. Lo abbiamo sempre fatto nelle ultime competizioni ed è bellissimo.