UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Le squadre di UEFA EURO 2020: Ungheria

Dopo 44 anni di assenza, l'Ungheria è tornata a EURO nel 2016 e ha confermato la sua presenza anche all'edizione successiva.

Balázs Dzsudzsák esulta a  UEFA EURO 2016
Balázs Dzsudzsák esulta a UEFA EURO 2016

Curriculum a EURO

Fasi finali: 3
Miglior piazzamento a EURO: terza (1964), semifinale (1972)

L'Ungheria, una delle squadre più forti del secolo scorso, ha partecipato a due delle prime quattro edizioni del torneo: 1964 e 1972. Si è classificata terza al primo tentativo, battendo la Danimarca al Camp Nou, mentre quattro anni dopo è arrivata in semifinale. Dopo 44 anni di assenza – record a EURO – nel 2016 si è qualificata per la sua terza fase finale, arrivando agli ottavi di finale.

Giocatori chiave

Péter Gulácsi (36 presenze)
Il portiere del Leipzig è diventato il primo giocatore ungherese a disputare una semifinale di UEFA Champions League nel 2019/20. Due volte vincitore della Bundesliga austriaca con il Salisburgo, è stato votato giocatore dell'anno della sua nazione in tre occasioni.

Dominik Szoboszlai (12 presenze, 3 gol)
Giovane tra i più promettenti dell'Ungheria, il 20enne centrocampista ha segnato un rocambolesco gol allo scadere negli spareggi di qualificazione a UEFA EURO 2020 contro l'Islanda, regalando alla sua squadra un posto alla fase finale.

Guarda il gol di Szalai per l'Ungheria a EURO 2016
Guarda il gol di Szalai per l'Ungheria a EURO 2016

Gol memorabili a EURO

  • Ferenc Bene segna il suo primo gol in un torneo internazionale nel 1964, portando ai supplementari la semifinale contro la Spagna al Santiago Bernabéu.
  • La rete di Zoltán Gera nel 3-3 della fase a gironi contro il Portogallo viene votata gol più bello del torneo dai tifosi nel 2016. A 37 anni e 62 giorni, Gera diventa il giocatore più anziano a segnare su azione a EURO.

Momenti memorabili

  • Trasformando un rigore nella finale per il terzo posto del 1972 contro il Belgio, Lajos Kű riesce finalmente a spezzare un incantesimo per l'Ungheria. Lajos Kocsis ne aveva sbagliato uno nelle qualificazioni, mentre Sándor Zámbó aveva sbagliato in semifinale contro l'Unione Sovietica.
  • Con il suo tutone grigio, Gábor Király finisce sui giornali di mezzo mondo nel 2016. Spiegando il suo abbigliamento, il veterano portiere, soprannominato anche "Pigiama Man', ha dichiarato: "Faccio il portiere, non la top model".
  • Con la doppietta contro il Portogallo nel 2016, Balázs Dzsudzsák diventa il primo giocatore ungherese a segnare due gol in un torneo contro una squadra europea dal 1964.

Statistiche

Maggior numero di presenze alla fase finale
4: Flórián Albert, Balázs Dzsudzsák, Zoltán Gera, Richárd Guzmics, Gábor Király, Ádám Lang, Ádám Szalai
3
: Ferenc Bene, Roland Juhász, Tamás Kádár, Ádám Nagy, Ádám Pintér, Zoltán Stieber

Maggior numero di gol alla fase finale

2: Ferenc Bene, Dezső Novák, Balázs Dzsudzsák
1: Zoltán Gera, Lajos Kű, Ádám Szalai, Zoltán Stieber

Lo sapevi?

Gábor Király contro il Belgio
Gábor Király contro il BelgioAFP via Getty Images
  • A 40 anni e 86 giorni, Király è diventato il giocatore più anziano a disputare una gara del Campionato Europeo.
  • Bene è stato l'unico giocatore ungherese capace di segnare in due partite di una sola edizione di EURO, quella del 1964.
  • Bene è stato capocannoniere ex equo nel 1964. Qualche tempo dopo, è anche stato il miglior marcatore alle Olimpiadi.
  • L'Ungheria ha disputato la prima gara di qualificazione assoluta nella storia di EURO, persa contro l'Unione Sovietica il 28 settembre 1958.