Ecco come l'Ucraina ha piegato la Slovenia

Dominio sulle fasce, duelli individuali vinti, il fattore Arena Lviv e la sterilità della Slovenia: Bogdan Buga di UEFA.com spiega i motivi del successo ucraino per 2-0.

Il controllo delle fasce
"Abbiamo battuto la squadra di Andriy Shevchenko e Serhiy Rebrov [nel 1999]", aveva detto il Ct della Slovenia Srečko Katanec prima della sfida contro l'Ucraina. "Adesso affrontiamo la squadra di Yevhen Konoplyanka e Andriy Yarmolenko".

Si sapeva che la vera forza ucraina era sulle fasce. Ma la squadra di Katanec non è riuscita comunque a metterci una pezza, soprattutto per il gran lavoro in fase di spinta dei terzini Vyacheslav Shevchuk e Artem Fedetskiy – di quest'ultimo il cross da cui è nato il gol del definitivo 2-0 – a sostegno delle stelle Konoplyanka e Yarmolenko.

Duelli individuali
La Slovenia ha chiuso bene gli spazi nei primi minuti, ma al 22' Yarmolenko ha fatto vedere tutta la sua classe saltando due avversari con un grande spunto e trovando l'angolo lontano con il piede 'debole', il destro. La maggior parte dei giocatori ucraini sembravano poter saltare con facilità i loro avversari diretti costringendo la Slovenia a uno stancante lavoro di costante raddoppio di marcatura.

©AFP/Getty Images

La squadra di Mikhail Fomenko è stata brava anche a trovare sempre l'uomo giusto in area. Denys Garmash è andato più volte vicino al gol di testa. "Potevamo segnare il terzo gol e chiudere il discorso - ha poi detto il centrocampista a UEFA.com -. Ma Handanovič ha giocato molto bene salvando la sua squadra".

La coppia centrale
Con Milivoje Novakovič e Josip Iličić in attacco, la Slovenia ha cercato di cambiare la partita con i lanci lunghi. I 197cm di altezza di Yevhen Khacheridi e il senso di posizione di Yaroslav Rakitskiy hanno praticamente annullato il piano. Khacheridi è spesso sembrato a rischio di seconda ammonizione nel duello con Novakovič ma è riuscito a scamparla.

Slovenia troppo chiusa, troppi lanci lunghi
Gli ospiti si sono abbassati troppo all'inizio per non lasciare spazi a Konoplyanka e Yarmolenko e gli attaccanti Novakovič e Iličić sono rimasti isolati davanti. Quando la Slovenia ha decisa di cambiare tattica ricorrendo ai lanci lunghi, la squadra di Fomenko ha saputo adattarsi. Per la Slovenia un solo tiro in porta, fuori dallo specchio della porta, in tutta la partita.

©Getty Images

Arena Lviv talismano
L'Ucraina ha vinto tutte e cinque le gare non amichevoli giocate all'Arena Lviv ed è imbattuta nelle 13 partite disputate in questo stadio– famoso per il sostegno dato dai tifosi alla nazionale in ogni occasione. L'atmosfera era speciale con il coro 'Ucraina, Ucraina' ripetuto allo sfinimento. A fine gara molti giocatori non hanno perso tempo a ringraziare i tifosi per il sostegno ricevuto.

In alto