Spareggi UEFA EURO: le otto contendenti

Le ultime quattro squadre partecipanti a UEFA EURO 2016 emergeranno dagli spareggi della prossima settimana. I corrispondenti di UEFA.com fanno il punto sulle otto squadre impegnate negli spareggi.

Gábor Király spera di festeggiare le 100 presenze con la nazionale ungherese con una qualificazione
Gábor Király spera di festeggiare le 100 presenze con la nazionale ungherese con una qualificazione ©Getty Images

Le ultime quattro squadre partecipanti a UEFA EURO 2016 emergeranno dagli spareggi della prossima settimana che si terranno da giovedì a martedì. I corrispondenti di UEFA.com hanno fatto il punto sulle otto squadre impegnate negli spareggi EURO.

Norvegia - Ungheria: chi vincerà?
Norvegia - Ungheria: chi vincerà?

Novegia - Ungheria
(giovedì e domenica)
Eivind Aarre sulla Norvegia: titolare di quell'Under 21 che nel 2012 ha eliminato la Francia agli spareggi, l'attaccante della Norvegia, Marcus Pedersen, spera adesso di ripetersi in quelli per UEFA EURO 2016 contro l'Ungheria. "Queste sono le partite più importanti della Norvegia negli ultimi dieci anni", ha detto l'attaccante Strømsgodset. "La Norvegia ha creato molte occasioni negli ultimi minuti ma non è riuscita a fare gol. Spero di poter dare una mano col mio fiuto del gol".

L'approfondimento: Bosnia-Erzegovina - Irlanda
L'approfondimento: Bosnia-Erzegovina - Irlanda

Matthew Watson-Broughton sull'Ungheria: non si può sottovalutare l'importanza di approdare a UEFA EURO 2016, in considerazione anche del fatto che l'Ungheria ha investito molto recentemente sulle infrastrutture. Un tempo nazionale schiacciasassi, l'Ungheria non partecipa a un Europeo dal 1972. Gábor Király, che a Oslo raggiungerà quota 100 presenze in nazionale, non vuole guardare oltre la gara d'andata. "In questo momento conta solo la partita, nient'altro", ha spiegato il portiere. "Dobbiamo fare ciò che sappiamo e credere in quello che possiamo fare".

Bosnia-Erzegovina - Irlanda

(venerdì e lunedì)
Fuad Krvavac sulla Bosnia-Erzegovina: per l'andata a Zenica c'è già il tutto esaurito, ma anche se lo stadio fosse stato grande il doppio, sarebbero andati a ruba tutti i biglietti. I tifosi hanno grandi aspettative visto come la squadra ha concluso il proprio girone; questo in netta contrapposizione con la delusione dopo il disastroso inizio della campagna di qualificazione a UEFA EURO 2016. Quanto peserà l'assenza di Muhamed Bešić, squalificato per la gara d'andata?

Aidan Fitzmaurice sull'Irlanda: l'Irlanda deve fare i conti con le tante assenze in vista del doppio confronto, una su tutti quella di Shane Long, autore il mese scorso del gol della vittoria contro i campioni del mondo della Germania. Se non ce la farà, allora è probabile che prenderà il suo posto Daryl Murphy dell'Ipswich Town. Il 32enne irlandese nella passata stagione ha realizzato 27 gol nella seconda divisione inglese, e prima di questa settimana non segnava da 14 partite... prima di questa settimana, perché contro il Rotherham United ha messo a segno una bella tripletta. Tempismo perfetto per tornare in forma.

Chi andrà in Francia: Ucraina o Slovenia?
Chi andrà in Francia: Ucraina o Slovenia?

Ucraina - Slovenia
(sabato e martedì)
Igor Linnyk sull'Ucraina: i 35.000 biglietti disposibili per il pubblico di casa nella gara d'andata sono stati tutti venduti al primo giorno, e la nazionale ha sempre saputo rispondere al caloroso pubblico dell'Arena Lviv: l'Ucraina è infatti imbattuta da 13 partite in questo stadio (V 11, P 2). Dopo aver mancato la qualificazione alle fasi finali della Coppa del Mondo 2014, i tifosi si aspettano un esito diverso questa volta, e l'allenatore Mykhailo Fomenko ha dichiarato: "L'Ucraina ha perso i precedenti spareggi, ma questa è storia ormai. Ora viviamo il presente e ci concentriamo sul futuro".

Rok Šinkovc sulla Slovenia: la squadra si è ritrovata lunedì per la prima volta nel nuovo centro sportivo della nazionale vicino Kranj. Assente Robert Berić per il grave infortunio subito nel derby del weekend del Saint-Étienne contro il Lyon, che lo terrà fuori per almeno sei mesi, al suo posto è stato chiamato Roman Bezjak, che ha segnato otto gol in 13 partite col Rijeka – compreso uno splendido al volo contro lo Split domenica. Il difensore Mišo Brečko indosserà invece una maschera protettiva dopo la frattura del setto nasale durante la sfida del suo Nürnberg contro l'Union Berlin.

Guarda Svezia e Danimarca in azione
Guarda Svezia e Danimarca in azione

Svezia - Danimarca
(sabato e martedì)
Sujay Dutt sulla Svezia: la Svezia dovrà fare a meno di Pontus Wernbloom. "Si è infortunato ieri all'inguine [nella sconfitta del CSKA Moskva per 2-1 in casa del Krasnodar]", ha spiegato il tecnico svedese Erik Hamrén lunedì a Stoccolma. "Il tempo minimo per il recupero è di dieci giorni". Il ct non ha chiamato nessuno al posto di Wernbloom. "Abbiamo già i centrocampisti che ci servono. Ci sono 23 calciatori in rosa come sempre".

Peter Bruun sulla Danimarca: i tifosi sono stati abbastanza indifferenti al cammino di qualificazione della Danimarca, ma gli spareggi contro i rivali di sempre della Svezia hanno riacceso l'interesse dei tifosi. I biglietti per l'andata infatti sono tutti terminati in pochissimo tempo. Morten Olsen e la sua squadra si sono ritrovati lunedì a nord di Copenhagen, con l'allenatore che si è detto sicuro che un paio di giorni in più di allenamento insieme non avrebbero potuto che fare bene per "rodare gli ingranaggi e aumentare la fiducia nei compagni".

In alto