Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Riflettori su EURO '96: Quanto era forte l'inglese Paul Gascoigne?

UEFA.com si immerge nella carriera di Paul Gascoigne, lo straordinario centrocampista con una personalità fuori dal comune che ha brillato con la maglia dell'Inghilterra nell'Europeo del 1996 giocato in casa.

L'esultanza di Paul Gascoigne dopo il suo memorabile gol contro la Scozia a EURO '96
L'esultanza di Paul Gascoigne dopo il suo memorabile gol contro la Scozia a EURO '96 Getty Images

Una delle personalità più esuberanti del mondo del calcio raramente lontano dalle prime pagine dei giornali, Paul Gascoigne è stato il giocatore più eccentrico della sua generazione e un'icona di sempre dell'Inghilterra. La creatività e genialità del centrocampista è stata ammirata da tutto il mondo ma soprattutto dal suo adorante pubblico quando l'Inghilterra è arrivata sino alla semifinale di EURO '96.

EURO ‘96

• La preparazione dell'Inghilterra all'Europeo che si sarebbe giocato in casa si era conclusa in maniera controversa con una foto finita sui tabloid inglesi di alcuni giocatori della nazionale - compreso Gascoigne - ubriachi e seduti in una poltrona da dentista. Il pareggio per 1-1 con la Svizzera nella gara d'apertura di EURO '96 - con Gascoigne sostituito - non ha placato gli animi.

• La sorte dell'Inghilterra è però cambiata in una manciata di secondi nella vittoria per 2-0 sulla Scozia nella seconda partita del girone. Sull'1-0 David Seaman para un rigore a Gary McAllister e pochi istanti dopo Gascoigne segna il gol del raddoppio con un pregevole pallonetto sul difensore prima di una conclusione potente di destro. Con la solita sfrontatezza, 'Gazza' esulta simulando per terra la celebre foto della sedia del dentista.

Guarda come Gascoigne ha steso la Scozia a EURO '96
Guarda come Gascoigne ha steso la Scozia a EURO '96

• Galvanizzati da quella vittoria, l'Inghilterra travolge l'Olanda 4-1 con le doppiette di Alan Shearer e Teddy Sheringham grazie alle sapienti geometrie di Gascoigne che mette lo zampino su due gol. Gli inglesi passano come primi e il pubblico inizia a credere alla vittoria del trofeo.

• Nella vittoria ai rigori per 4-2 sulla Spagna nei quarti di finale, Seaman ruba i titoli in prima pagina ma ancora una volta è Gascoigne il protagonista indiscusso con un assist e il rigore decisivo.

• L'Inghilterra sfiora solamente la finale che manca dal 1996 quando in semifinale viene sconfitta ai rigori dalla Germania per 6-5. Shearer e Stefan Kuntz segnano all'inizio del primo tempo, poi ai supplementari Gascoigne va vicinissimo al primo Golden Goal di sempre su cross di Shearer. Dal dischetto Gazza segna ma Gareth Southgate sbaglia e la Germania va in finale.

Guarda la grande vittoria dell'Inghilterra sugli Orange a EURO '96
Guarda la grande vittoria dell'Inghilterra sugli Orange a EURO '96

Quel che potresti non sapere

• Il suo nome completo è Paul John Gascoigne in onore di Paul McCartney e John Lennon dei Beatles.

• L'allenatore del Newcastle e vincitore della Coppa del Mondo FIFA del 1966, Jack Charlton, disse a Gascoigne che era troppo grasso per giocare con la sua squadra e gli diede due settimane per mettersi in forma o essere svincolato. Così Gascoigne trascorse dieci giorni a correre col corpo avvolto da un sacchetto di plastica nero della spazzatura dopo gli allenamenti per perdere peso.

• La fama di Gascoigne per gli scherzi quasi eguagliava il suo talento calcistico. Ha iniziato legando i lacci delle scarpe al Newcastle, poi alla Lazio non perdeva occasione per presentarsi nudo in situazioni quotidiane, mentre coi Rangers era solito nascondere del pesce nelle macchine dei compagni. Purtroppo alcuni scherzi gli si sono ritorti contro, soprattutto quando ha accidentalmente fatto schiantare il pullman della squadra al Middlesbrough.

Inghilterra - Spagna: la lotteria dei rigori di EURO '96
Inghilterra - Spagna: la lotteria dei rigori di EURO '96

• Con l'Inghilterra presa dalla 'Gazzamania' dopo i Mondiali del 1990, il 23enne ha cavalcato la sua notorietà balzando al secondo posto della classifica dei singoli del Regno Unito con 'Fog on the Tyne' insieme alla band dei Lindisfarne.

• Gascoigne ha probabilmente toccato l'apice della carriera nel 1990/91 quando ha segnato sei gol nel cammino vittorioso degli Spurs in FA Cup sebbene sia uscito dopo appena 17 minuti della finale per un grave infortunio al ginocchio.

• Il regista ha segnato con la maglia dell'Inghilterra in nove partite tra il 1989 e il 1997 - in queste gare tutte vinte, i Tre Leoni hanno segnato 30 gol e ne hanno subiti appena due.

Il momento in cui Paul Gascoigne ha mandato in estasi lo stadio di Wembley con il suo gol contro la Scozia
Il momento in cui Paul Gascoigne ha mandato in estasi lo stadio di Wembley con il suo gol contro la ScoziaPopperfoto via Getty Images

• Gascoigne è entrato in maniera singolare nella storia dello stadio del Tottenham Hotspur. Una volta ha ammaccato con un fucile ad aria compressa l'iconico galletto d'oro che sedeva orgogliosamente in cima al White Hart Lane, ma quando il club ha creato una replica in scala per il suo nuovo stadio, ha voluto che fosse identico - compresa l'imperfezione causata dallo scherzo di Gazza.

Le sue parole

"Ho visto arrivare Colin Hendry così gli ho fatto un pallonetto e poi l'ho colpita al volo. Certe cose non si insegnano ai bambini, è stato puro istinto. Mi allenavo con Andy Goram ogni giorno e quindi sapevo che per batterlo dovevo colpirla forte e bassa. Quando ho segnato è stato magnifico! Sono davvero orgoglioso di quel gol".

Guarda il video dell'inno nazionale inglese prima della sfida contro l'Inghilterra a EURO '96
Guarda il video dell'inno nazionale inglese prima della sfida contro l'Inghilterra a EURO '96

"Voglio essere rispettato per quello che ho fatto in campo. So di non aver vinto molto ma so anche di aver regalato gioia a chi mi ha guardato giocare negli anni".

"Nonostante ciò che mi è successo in finale, la corsa nella coppa del 1990/91 occupa un posto speciale nei miei ricordi. Ero ancora galvanizzato dal Mondiale e non c'era nulla che non potessi fare. Ho segnato tanti gol che ci hanno portato in finale a Wembley e in quella competizione ho giocato il calcio migliore della mia carriera. Non avevo paura e non ho dormito la sera prima della finale. Forse ero sin troppo carico. Il resto è storia".

"Vi dirò qual è il mio vero sogno - intendo il mio sogno numero uno in assoluto che significherà che potrò morire felice: voglio vedere un UFO. Sono reali. Non mi interessa se mi guardi così. Gli alieni esistono e devo vederne assolutamente uno".

Hanno detto di lui

Rivivi la sfida terminata ai rigori tra Germania e Inghilterra a EURO '96
Rivivi la sfida terminata ai rigori tra Germania e Inghilterra a EURO '96

"A Paul Gascoigne nessuno può o potrà mai volergli male, perché è sempre stato di una generosità unica. Se gli dicevi: ’Gazza, bello quell’orologio, dove l’hai comprato?’, lui era capace di sfilarselo dal polso e di regalartelo. E non è un modo di dire, perché lo ha fatto veramente".
Giuseppe Signori, ex compagno alla Lazio

"Mangiava gelato a colazione, beveva birra a pranzo. Quando si infortunò, esplose come una balena. Ma come giocatore? Oh, magnifico, magnifico. Ho amato quel ragazzo, era un genio, un artista, ma mi ha fatto cadere i capelli. Il peccato è che noi vedemmo la meraviglie di cui solo lui era capace, ma distrusse quelle meraviglie bevendo e mangiando"
Dino Zoff, suo allenatore alla Lazio

Il sorriso irriverente e gli scherzi negli spogliatoi sono stati il marchio di fabbrica di Paul Gascoigne
Il sorriso irriverente e gli scherzi negli spogliatoi sono stati il marchio di fabbrica di Paul Gascoigne Getty Images

"L'ho sempre ammirato per il suo modo di giocare e per la sua bravura. Penso che ancora oggi sia il più grande giocatore di sempre dell'Inghilterra".
Wayne Rooney, ex nazionale inglese

Il suo bilancio in carriera

Nazionale: 57 presenze, 10 gol
Competizioni UEFA per club (qualificazioni incluse): 15 presenze, 2 gol
Competizioni nazionali: 453 presenze, 108 gol

Contenuti attinenti

In alto