UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

UEFA EURO 2020: calciatori con cento presenze in nazionale

Tracciamo il profilo dei 'centenari' che vedremo in campo quest'estate a UEFA EURO 2020.

 Leonardo Bonucci ha raggiunto le 103 presenze con l'Italia nella gara d'apertura di EURO 2020 contro la Turchia
Leonardo Bonucci ha raggiunto le 103 presenze con l'Italia nella gara d'apertura di EURO 2020 contro la Turchia Getty Images

UEFA.com punta i riflettori sui giocatori che hanno più di 100 presenze in nazionale e che parteciperanno a EURO 2020.

175 presenze: Cristiano Ronaldo (Portogallo)
Ha esordito col Portogallo nel 2003 ma la sua storia con la nazionale sembra ancora lontana dal capolinea. Nonostante l'infortunio in finale, la vittoria a UEFA EURO 2016 è stato il coronamento della sua carriera col Portogallo - chi può dimenticare quanto sia stato importante anche dalla panchina in quella serata a Parigi? Ha segnato 100 gol in nazionale ed è vicino al record di marcature di sempre di Ali Daei.

ùTutti i gol di Cristiano Ronaldo a EURO
ùTutti i gol di Cristiano Ronaldo a EURO

138 presenze: Luka Modrić (Croazia)
Trasuda classe da ogni poro. L'annus mirabilis di Modrić è arrivato nel 2018, quando ha aiutato la Croazia ad arrivare in finale di Coppa del Mondo, ha ricevuto il Pallone d'Oro dei Mondiali ed è stato successivamente nominato Calciatore UEFA dell'Anno.

131: João Moutinho (Portogallo)
Fa il suo dovere col Portogallo dal 2005. Tanto tenace quanto creativo, Moutinho rimane un ingranaggio fondamentale nell'assetto di Fernando Santos anche all'età di 34 anni.

129 presenze: Sebastian Larsson (Svezia)
Anche se nello scorso decennio o poco più il connazionale Zlatan Ibrahimović ha fatto più notizia, Larsson è stato un grande esempio di continuità per il suo paese.

Conosciamo le squadre di EURO

Il belga Jan Vertonghen
Il belga Jan VertonghenUEFA via Getty Images

127 presenze: Jan Vertonghen (Belgio)
Difensore carismatico, è arrivato mentre il Belgio faticava ancora a qualificarsi per i tornei internazionali, ma è rimasto titolare anche durante l'ascesa della golden generation.

126 presenze: Marek Hamšík (Slovacchia)
Oggi gioca in Cina dopo 11 stagioni col Napoli col quale ha giocato più di 500 gare e segnato 121 gol. Il 33enne Hamšík è ancora oggi pilastro e capitano della sua nazionale.

125 presenze: Hugo Lloris (Francia)
Capitano della Francia da prima di UEFA EURO 2012, ha sfiorato il trionfo europeo davanti al suo pubblico cinque anni fa ma si è riscattato nel Mondiale del 2018 in Russia.

123 presenze: Sergio Busquets (Spagna)
Approdato sulla scena poco dopo il trionfo spagnolo a UEFA EURO 2008, da allora è rimasto sempre fra i titolari. Un giocatore che ha ridefinito il suo ruolo e che ha qualità ricercate da ogni squadra.

119 presenze: Goran Pandev (Macedonia del Nord)
Per tanto tempo considerato la stella indiscussa del suo paese, la carriera di Pandev sembra una favola moderna col macedone sempre più in forma in vista della sua prima fase finale a 37 anni. Ha segnato il gol decisivo negli spareggi che hanno permesso alla Macedonia del Nord di qualificarsi a EURO a spese della Georgia.

119 presenze: Robert Lewandowski (Polonia)
Prototipo del centravanti per antonomasia, l'intramontabile Lewandowski ha più presenze e gol (66) di qualsiasi altro connazionale. Il suo primo gol di UEFA EURO 2012 vivrà a lungo nella memoria.

Guarda il gol storico di Pandev per la Macedonia del Nord
Guarda il gol storico di Pandev per la Macedonia del Nord

115 presenze: Pepe (Portogallo)
Centrale combattivo che non si tira mai indietro, Pepe è stato il centrale che, dalla retrovie, ha ispirato il trionfo dei lusitani a UEFA EURO 2016. Ha compiuto 38 anni a gennaio.

110 presenze: Axel Witsel (Belgio)
Giocatore meno appariscente dei diavoli rossi, Witsel è titolare in nazionale da più di 10 anni.

109 presenze: Toby Alderweireld (Belgio)
Bandiera del Tottenham e del Belgio, il verstaile Alderweireld continua ad essere un punto fermo sia per il club che per la nazionale.

109 presenze: Christian Eriksen (Danimarca)
Calciatore danese dell'Anno per cinque volte negli ultimi otto anni, Eriksen è entrato da giovane nel giro della nazionale e da allora la sua reputazione è molto cresciuta grazie alla sua creatività, bravura nei calci piazzati e fiuto per il gol.

108 presenze: Olivier Giroud (Francia)
Adesso a soli cinque gol da Thierry Henry come miglior marcatore di sempre della Francia, Giroud è spesso stato oscurato da altri compagni di squadra ma il francese continua a segnare e fare sognare la sua nazione.

Olivier Giroud: tutti i gol nelle Qualificazioni Europee
Olivier Giroud: tutti i gol nelle Qualificazioni Europee

108 presenze: Giorgio Chiellini (Italia)
Arcigno e a tratti insuperabile, come i grandi difensori che lo hanno preceduto, Chiellini veste la maglia azzurra da oltre 17 anni. Solo sei italiani hanno collezionato più presenze del centrale juventino in nazionale.

108 presenze: Simon Kjær (Danimarca)
Una presenza costante nel cuore della difesa della sua nazionale, a livello di club Kjær ha giocato in Germania, Italia, Francia, Turchia e Spagna.

107 presenze: Eden Hazard (Belgio)
Forse la stella più luminosa dell'attuale Belgio, Hazard è dietro solo ad Alderweireld, Vertonghen e Witsel per numero di presenze e a Romelu Lukaku per numero di gol (32). In questi ultimi periodi ha lottato con gli infortuni ma quando in forma è praticamente inarrestabile.

104 presenze: Yuri Zhirkov (Russia)
Ancora nel pieno della forma a 37 anni, Zhirkov è il padrone della fascia sinistra della Russia dal 2005. Come molti dei suoi compagni di nazionale, ha brillato a EURO 2008 e ha fatto parte della Squadra del Torneo.

103 presenze: Leonardo Bonucci (Italia)
Al fianco di Giorgio Chiellini nella Juventus e nell'Italia per più di dieci anni, Bonucci ha vinto nove volte la Serie A.

Toni Kroos ha vinto la Coppa del Mondo del 2014 con la Germania
Toni Kroos ha vinto la Coppa del Mondo del 2014 con la GermaniaGetty Images

101 presenze: Toni Kroos (Germania)
Metronomo del centrocampo di Real Madrid e Germania, Kroos è un veterano avendo giocato tre Mondiali e due EURO – senza dimenticare i quattro trionfi in UEFA Champions League.

101 presenze: Thomas Müller (Germania)
Tornato nella Germania dopo più di due anni, le prestazioni stellari di Müller nelle ultime due stagioni hanno contribuito ai successi del Bayern. A livello internazionale ha una media di oltre un gol ogni tre partite.

101 presenze: Chris Gunter (Galles)
Terzino offensivo che aveva solo 17 anni quando è stato convocato per la prima volta con il Galles nel 2007, quest'anno Gunter è diventato il primo gallese a raggiungere quota 100. Un modello di coerenza.

101 presenze: Peter Pekarík (Slovacchia)
Dopo la prima presenza nel 2006, il terzino destro della Slovacchia ha trascorso l'intera carriera in Germania e ha rappresentato il suo paese in Coppa del Mondo FIFA 2010 e a EURO 2016.

101 presenze: Ivan Perišić (Croazia)
Sempre affidabile per la nazionale croata dopo il suo esordio nel 2011, Perišić ha segnato il gol del pareggio nella semifinale dei mondiali 2018 contro l'Inghilterra: la sua squadra ha poi vinto ai supplementari.

100 presenze: Manuel Neuer (Germania)
Il numero 1 del Bayern, famoso per le sue eccezionali parate e la straordinaria capacità di giocare come portiere-libero, è uno dei portieri più decorati di tutti i tempi avendo vinto due UEFA Champions League e innumerevoli riconoscimenti a livello di club insieme alla Coppa del Mondo nel 2014.

Tutti i numeri sulle presenze sono coerenti con i dati delle federazioni nazionali. Sono inclusi solo i nazionali ancora in attività.

Scarica l'app di EURO