UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'arte della difesa per Piqué

La Spagna molto più di quanto sembra ha bisogno di un baluardo difensivo come Gerard Piqué, che ha detto a UEFA.com come lui e Ramos siano anche "la piattaforma su cui impostare gli attacchi".

L'arte della difesa per Piqué
L'arte della difesa per Piqué ©UEFA.com

Negli ultimi tre tornei maggiori – UEFA EURO 2008 e 2012 oltre alla Coppa del Mondo 2010 FIFA – la Spagna ha subito appena sei gol in 17 gare. Non è un caso che in tutte e tre gli eventi al centro della difesa c'era Gerard Piqué – nel torneo attuale con al fianco Sergio Ramos del Real Madrid CF, tra l'altro con ai lati due debuttanti a questi livelli come Álvaro Arbeloa e Jordi Alba.

Rivali nel Clasico spagnolo con i rispettivi club, i due giocatori non hanno giocato molto insieme prima di Polonia e Ucraina, e Piqué racconta a UEFA.com i loro progressi e di come col compagno di reparto in nazionale abbia parlato dei trucchi per fermare Cristiano Ronaldo, a sua volta compagno di Ramos nel Madrid.

"Prima del torneo io e Sergio abbiamo parlato a lungo su come migliorare la nostra intesa", ha detto. "E gara dopo gara le cose hanno cominciato ad andare meglio per noi, e il fatto che l'unica occasione da gol per la Francia sia arrivata su calcio piazzato la dice lunga sul progresso che abbiamo fatto e che ormai siamo una piattaforma sicura per il resto della squadra, in modo che gli altri possano staccarsi senza paura e attaccare con la giusta fiducia".

Riguardo Ronaldo, finora devastante con tre reti segnate nel torneo e in grande crescita, la questione è ovviamente come fermarlo, e Piqué ha una sua opinione in materia.

"Il momento in cui devi essere più concentrato su Ronaldo è quando ha la palla", spieiga il 25enne tre volte vincitore della UEFA Champions League. "È quello il momento più pericoloso perché se la tua squadra ha perso il pallone e lui comincia a correre senza che tu capisca dove stia andando allora non lo si può fermare. 

"Ma va detto che non lo si ferma da soli, e non può essere una sfida solo tra me e lui. È tutta la difesa che deve pensarci, e fare in modo di imbrigliarlo e di concedergli meno spazio possibile e il minor tempo di pensiero in assoluto, perché se ciò accade sei morto. La cosa fondamentale è stargli attaccato sempre e soprattutto, impedirgli di girarsi perché se ci riesce e comincia la sua corsa allora fermarlo diventa una vera impresa".

Sembra proprio che Ramos e Piqué vivranno una serata molto intensa domani.