UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Germania in semifinale: pericolo per padroni di casa

La Germania proverà a conquistare la sesta vittoria su otto semifinali raggiunte a EURO, quattro delle quali contro la nazione ospitante. La Francia è avvertita...

Jürgen Klinsmann festeggia con Thomas Hässler nel 1992
Jürgen Klinsmann festeggia con Thomas Hässler nel 1992 ©Getty Images

1972: Belgio 1-2 Germania Ovest (Polleunis 83'; G Müller 24' e 71')
Dopo aver fallito la qualificazione nel 1968, la Germania Ovest - da debuttante - domina la competizione quattro anni dopo grazie sopratutto ad un fenomeno d'area come Gerd Müller. Il centravanti tedesco impedisce ai padroni di casa del Belgio di ripetere le gesta di Italia e Spagna - che erano riuscite a trionfare in casa - con la doppietta in semifinale e le altrettanti reti segnate pochi giorni dopo nella finale vinta 3-0 contro l'Unione Sovietica.

1976: Yugoslavia 2-4 Germania Ovest (Popivoda 19', Džajić 30'; Flohe 64', D Müller 82' 115' 119')
I campioni in carica sono ad un passo dall'eliminazione fino a quando una sostituzione del Ct Schön cambia tutte le carte in tavola. Danilo Popivoda e Dragan Džajić portarono i padroni di casa avanti di due reti dopo solo mezz'ora di gioco ma quando la gara sembra decisa ci pensa il neo entrato Dieter Müller - dopo la prima rete di Heinz Flohe - a portare la gara ai tempi supplementari prima di deciderla con una doppietta.

L'Olanda piega la Germania
L'Olanda piega la Germania

1988: Germania Ovest 1-2 Olanda (Matthäus 55' rig.; R Koeman 74' rig., Van Basten 88')
Dopo essere diventati campioni nel 1980 - quando i vincitori dei due gruppi arrivavano direttamente alla finale - la Germania Ovest torna dopo 12 anni a giocarsi una semifinale. E lo fa in una partita che passerà alla storia. Ad Amburgo infatti i tedeschi passano in vantaggio grazie ad un rigore segnato da Lothar Matthäus prima di venire raggiunti e superati da Ronald Koeman - ancora dal dischetto - e dal capolavoro di Marco van Basten a due minuti dal novantesimo.

1992: Svezia 2-3 Germania (Brolin 64' rig, Andersson 89'; Hässler 11', Riedle 59' 88')
Dopo essere stati eliminati nel torneo organizzato in patria la Germania Ovest riprende a fare la parte del leone, escludendo dal torneo i padroni di casa svedesi grazie al meraviglioso calcio di punizione di Thomas Hässler e alla doppietta di Karl-Heinz Riedle. Inutili i gol di Kennet Andersson e Thomas Brolin.

1996: Germania 1-1 Inghilterra (vince la Germania 6-5 ai rigori) (Kuntz 16'; Shearer 3')
L'Inghilterra padrona di casa nel 1996 è l'ennesima vittima della Germania. Nonostante il vantaggio inglese dopo tre minuti con Alan Shearer i tedeschi riescono a riprenderla al 16' con Stefan Kuntz. La gara non si sblocca più e dopo due tempi supplementari - in cui Darren Anderton e Paul Gascoigne vanno vicini a segnare il golden gol - la gara si conclude ai rigori con Andreas Möller a calciare il penalty decisivo. 

2008: Germania 3-2 Turchia (Schweinsteiger 26', Klose 79', Lahm 90'; Uğur Boral 22' Semih Şentürk 86')
Chi la fa l'aspetti. La Turchia di UEFA EURO 2008 si fa strada nel torneo segnando parecchi gol negli ultimi minuti e alla fine "paga" tutto nella semifinale contro la Germania. Dopo il botta e risposta in quattro minuti - tra il 22' e il 26' - tra Uğur Boral e Bastian Schweinsteiger, tocca a Miroslav Klose riportare i tedeschi in vantaggo a undici dal termine. Pochi minuti dopo è Semih Şentürk a segnare il gol dell'illusione. Si, illusione, perché come in romanzo drammatico alla fine arriva il colpo di scena con la bordata di Philipp Lahm al 90', che permette ai suoi di fare le valigie destinazione Vienna.

2012: Germania 1-2 Italia (Özil 90+2' rig; Balotelli 20' 36')
L'Italia si dimostra ancora una volta la bestia nera della Germania impedendole di prender parte alla seconda finale consecutiva. A Varsavia è Mario Balotelli a fare la voce grossa, battendo Neuer prima di testa - su assist di Antonio Cassano - e poi con una bordata da fuori area prima di mostrare in mondovisione il suo fisico statuario. Il rigore trasformato nel finale da Mesut Özil non impedisce l'ottava sconfitta consecutiva in incontri ufficiali contro l'Italia, una sequenza fermatasi solo pochi giorni fa nei quarti di finale di UEFA EURO 2016.