Glasgow presenta il suo logo per EURO 2020

Martedì è stato presentato il logo di Glasgow per UEFA EURO 2020, che mette in risalto tutto l'orgoglio calcistico della città e della Scozia.

Sir Alex Ferguson e il presidente federale Alan McRae durante la cerimonia
©UEFA.com

Martedì è stato presentato il logo di Glasgow per UEFA EURO 2020, che mette in risalto tutto l'orgoglio calcistico della città e della Scozia.

In una cerimonia al Glasgow Science Centre, le autorità si sono unite alla Federcalcio scozzese (SFA) e a un ospite speciale come Sir Alex Ferguson per dare inizio a un'avventura che vedrà il mitico Hampden Park ospitare tre partite della fase a gironi e un ottavo di finale.

Glasgow è una delle 12 città che ospiteranno UEFA EURO 2020 per festeggiare il 60º anniversario del torneo. Dopo la presentazione dei loghi di Londra, Roma, Baku e Bucarest, nelle prossime settimane si terranno le cerimonie nelle altre città, ovvero Amsterdam, Bilbao, Budapest, Copenhagen, Dublino, Monaco e San Pietroburgo.

Il logo di Glasgow per UEFA EURO 2020
Il logo di Glasgow per UEFA EURO 2020©UEFA.com

Il denominatore comune del logo di ogni città di UEFA EURO 2020 è il ponte, a rappresentare il collegamento tra le varie sedi del torneo. Quello di Glasgow ritrae lo splendido Clyde Arc, sul fiume Clyde.

In un messaggio alla città di Glasgow, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha ribadito che UEFA EURO 2020 sarà "un torneo unico e memorabile da diversi punti di vista".

"Quale modo migliore per celebrare il calcio - ha aggiunto -, che portare EURO nei quattro angoli del continente?".

La storia e la passione sono due temi citati dal direttore generale della Federcalcio scozzese Stewart Regan, il quale ha spiegato che il calcio è strettamente legato a Glasgow, alla Scozia e ad Hampden Park.

"In veste di città ospitante di UEFA EURO 2020, Glasgow accoglierà nuovi eroi ad Hampden Park per scrivere il prossimo capitolo della nostra lunga e illustre storia calcistica".

Lo stadio ha ospitato la leggendaria finale di Coppa dei Campioni 1960 vinta dal Real Madrid sull'Eintracht Frankfurt per 7-3, mentre nel 2002 è stato lo scenario del fantastico gol di Zinédine Zidane che ha permesso alle merengues di trionfare in finale di UEFA Champions League contro il Bayer Leverkusen.

"Glasgow è una delle città del calcio più importanti del mondo - ha commentato Frank McAveety, leader del consiglio cittadino di Glasgow -. Il famoso 'Hampden Roar' è temuto da tutti i tifosi ospiti. La città, inoltre, riconosce il valore del calcio e dei grandi eventi sportivi".

"Ospitare le partite di un torneo prestigioso è un'opportunità unica per Glasgow e per la Scozia - ha aggiunto Fiona Hyslop, segretaria di governo per la cultura, il turismo e gli affari esteri -. Molto probabilmente, la manifestazione avrà un impatto economico significativo, non solo per Glasgow, ma per tutto il paese".

"Ad Hampden Park ho avuto la fortuna di giocare, guardare il Real Madrid alzare la Coppa dei Campioni del 1960 e vincere le finali di coppa con l'Aberdeen - ha commentato Sir Alex -. Spero che lo stadio contribuisca molto a un torneo storico come UEFA EURO 2020".

Fiona Hyslop, Sir Alex Ferguson, Frank McAveety e Alastair Bell
Fiona Hyslop, Sir Alex Ferguson, Frank McAveety e Alastair Bell©UEFA.com

 

In alto