Le gioie e i dolori dei calci di rigore

Dai "cucchiai" di Antonín Panenka e Andrea Pirlo alle ultimissime sfide dal dischetto, EURO2016.com ripercorre tutti i momenti più memorabili ai calci di rigore dal 1976 a oggi.

Rui Patrício para il rigore di Jakub Błaszczykowski
©Getty Images

Quando si parla di calci di rigore non esistono vie di mezzo: o si vince o si perde, o si passa il turno o si va a casa. Basta chiedere alla Polonia, che ha battuto la Svizzera dal dischetto agli ottavi di UEFA EURO 2016 e ha subito lo stesso destino ai quarti contro il Portogallo.

La sconfitta ha impedito alla Polonia di diventare la prima squadra a vincere due volte ai rigori nello stesso Campionato Europeo UEFA, mentre il Portogallo si è riscattato dopo aver perso dal dischetto contro la Spagna nel 2012. La sfida dagli 11 metri più esaltante, però, risale a quasi 40 anni fa ed è stata la prima delle 17 a cui abbiamo assistito finora. EURO2016.com sfoglia l'almanacco per rivivere le più memorabili nel torneo.

Calci di rigore a EURO
Finale 1976: Cecoslovacchia-Germania Ovest 2-2, Cecoslovacchia vince 5-3 ai rig.
Finale terzo posto 1980: Cecoslovacchia-Italia 1-1, Cecoslovacchia vince 9-8 ai rig.
Semifinale 1984: Danimarca-Spagna 1-1, Spagna vince 5-4 ai rig.
Semifinale 1992: Olanda-Danimarca 2-2, Danimarca vince 5-4 ai rig.
Quarti di finale 1996: Spagna-Inghilterra 0-0, Inghilterra vince 4-2 ai rig.
Quarti di finale 1996: Francia-Olanda 0-0, Francia vince 5-4 ai rig.
Semifinale 1996: Germania-Inghilterra 1-1, Germania vince 6-5 ai rig.
Semifinale 1996: Francia-Repubblica Ceca 0-0, Repubblica Ceca vince 6-5 ai rig.
Semifinale 2000: Italia-Olanda 0-0, Italia vince 3-1 ai rig.
Quarti di finale 2004: Portogallo-Inghilterra 2-2, Portogallo vince 6-5 ai rig.
Quarti di finale 2004: Svezia-Olanda 0-0, Olanda vince 5-4 ai rig.
Quarti di finale 2008: Croazia-Turchia 1-1, Turchia vince 3-1 ai rig.
Quarti di finale 2008: Spagna – Italia 0-0, Spagna vince 4-2 ai rig.
Quarti di finale 2012: Inghilterra-Italia 0-0, Italia vince 4-2 ai rig.
Semifinale 2012: Portogallo-Spagna 0-0, Spagna vince 4-2 ai rig.
Ottavi di finale 2016: Svizzera-Polonia 1-1, Polonia vince 5-4 ai rig.
Quarti di finale 2016: Polonia-Portogallo 1-1, Portogallo vince 5-3 ai rig.

Tutto inizia nella finale del Campionato Europeo del 1976 tra la Cecoslovacchia, sfavorita, e la Germania Ovest, campione del mondo in carica. Dopo i supplementari, Uli Hoeness sbaglia dal dischetto e lascia i cechi in vantaggio per 4-3: sul dischetto di presenta il 27enne Antonín Panenka.

Guarda il rigore di Panenka nel 1976
Guarda il rigore di Panenka nel 1976

Il giocatore posiziona il pallone, prende una rincorsa di circa 15 metri e sembra indirizzare il tiro nell'angolo basso. Sepp Maier prova a indovinare la traiettoria, ma Panenka fa partire un audace pallonetto che si insacca al centro della porta. È un finale memorabile per i primi calci di rigore in un torneo internazionale e, anche se da allora se ne sono visti molti, forse nessuno li ha mai superati per le emozioni che hanno regalato.

Per i cecoslovacchi, quella vittoria è benaugurante. Quattro anni dopo, infatti, battono l'Italia per 9-8 ai rigori nella finale per il terzo posto, con errore decisivo di Fulvio Collovati. A EURO '96, con il nome di Repubblica Ceca, fanno tris con un 6-5 in semifinale contro la Francia.

Highlights: eroi dal dischetto a EURO
Highlights: eroi dal dischetto a EURO

Il record dei cechi, con tre successi in altrettanti tentativi e 20 rigori trasformati senza errori, resta ineguagliato. Dal 1976, la Germania ha vinto dagli 11 metri cinque volte, ma solo una agli Europei (ai quarti del 1996 contro l'Inghilterra). Come Inghilterra, Spagna, Francia, Danimarca, Olanda, Italia e ora Polonia, i tedeschi conoscono bene le gioie e dolori dei tiri dal dischetto.

Nel frattempo, l'Inghilterra ha raggiunto l'Olanda come nazione di minor successo subendo la terza sconfitta ai rigori in quattro tentativi ai quarti di UEFA EURO 2012. Il "cucchiaio" di Andrea Pirlo non può che ricordare il sangue freddo di Panenka.

I rigori sono da sempre una lotteria, ma alcune squadre sembrano più brave a scegliere i numeri giusti. Nessuna è però riuscita a imporsi due volte nella stessa edizione (su tre tentativi), quindi il Portogallo spera di evitare un'altra prova simile nei prossimi turni.

In alto