Porte aperte al Vélodrome

Circa 55.000 persone hanno visitato lo Stade Vélodrome di Marsiglia dutante gli open day di sabato e domenica per poter vedere il nuovo tetto e per gustarsi un po' di dietro le quinte.

Lo Stade Vélodrome ha aperto le sue porte ai visitatori
©UEFA.com

Lo scorso fine settimana, 55.000 persone hanno partecipato all'open day dello Stade Vélodrome di Marsiglia organizzato per mettere in mostra il dietro le quinte dell'impianto, il tetto e il manto erboso dopo tre anni di lavori.

Da sabato mattina le telecamere hanno puntato gli obiettivi sul rinnovato, impianto al coperto, che ospiterà sei partite di UEFA EURO 2016 tra cui un quarto di finale e una semifinale.

"Conoscevo lo Stade Vélodrome quando aveva ancora una pista da ciclismo. Mio padre mi portava a vedere le partite dell'Olympique de Marseille", spiega  a suo figlio René, un autista di autobus che ha firmato per una delle prime visite guidate. "Ho tanti bei ricordi di questo stadio, specialmente la semifinale di EURO 1984 quando la Francia superò il Portogallo ai supplementari. Una partita che non dimenticherò mai!"

I visitatori hanno potuto visitare gli spogliatoi e il campo in gruppi da 300, i tour partivano ogni quarto d'ora. "Portiamo la gente a vedere il campo con un giro da mezz'ora mostrando tutte le parti più importanti - spiega Vincent Montagnac, studente di educazione fisica e scienza dello sport a Marsiglia, uno dei 170 volontari che hanno fatto da guida - Abbiamo tutte le risposte alle domande dei visitatori".

Fuori dallo stadio, una mostra fotografica spiega questi tre anni di lavori durante i quali il Marsiglia ha continuato a giocare nell'impianto. "Ho lavorato qui per molti anni come steward quando ero più giovane, ma non riconosco più niente", dice Nicolas, un pompiere arrivato con i colleghi. "Tutto è cambiato. E' uno stadio magnifico, l'atmosfera è tornata".

Lo Stade Vélodrome è stato inaugurato ufficialmente il 16 ottobre
Lo Stade Vélodrome è stato inaugurato ufficialmente il 16 ottobre©UEFA.com

 L'open day si è tenuto durante le vacanze scolastiche, quindi molti giovani hanno visitato lo stadio. "Siamo sempre stati tifosi dell'Olympique de Marseille", dicono Henri e Clémentine, arrivati appositamente per l'evento da una regione a nord di Parigi. 

"Questo stadio ha un grande significato per noi. E' un posto emblematico, un simbolo del calcio. Essere qui, negli spogliatoi dei giocatori o a bordo campo, è molto emozionante. C'è così tanta passione intorno al Vélodrome, finalmente è tornato a vivere".

"Sono felice che mio figlio di sette anni abbia poutoto visitare lo stadio - racconta Paul, seduto con un sorriso al parco giochi per bimbi appena fuori dall'impianto -. Credo si ricorderà quando è venuto qui, questo sarà uno degli stadi della sua generazione. Spero gli sia piaciuto come è piaciuto a me e che qui vedrà grandi calciatori lasciare il segno".

Domenica i 15.000 partecipanti alla mezza-maratona Marseille-Cassis hanno concluso la corsa all'interno dello stadio.

Lo Stade Vélodrome dovrà aspettare fino al 18 novembre per la sua prima gara internazionale, quando la Francia ospiterà la Svezia nell'amichevole in cui verrà anche presentata la mascot di UEFA EURO 2016. I primi ricordi per il nuovo Vélodrome.

In alto