La ricetta qualificazione di Nainggolan

"Alla fine penso che dovremo battere in casa il PSV e poi fare qualcosa di speciale a Londra", spiega il Ninja a UEFA.com dopo il successo in Olanda. "Siamo a buon punto".

©Getty Images

Quando le cose si sono messe male ci ha pensato Radja Nainggolan, il Ninja, a rimettere tutto a posto con una sassata delle sue. Poi nel secondo tempo è arrivata anche la vittoria e l'Inter resta a punteggio pieno in vista della doppia sfida con il Barcellona. 

Dopo il 2-1 in casa del PSV Eindhoven, il centrocampista nerazzurro ci spiega cosa servirà all'Inter per staccare il pass per la fase a gironi. "Penso che siamo a buon punto - racconta a UEFA.com. "L'importante era confermare la forma che ci ha permesso di battere il Tottenham".

La ricetta di Nainggolan
La ricetta di Nainggolan

"Credo che la vittoria di oggi sia stata meritata - continua -, perchè abbiamo creato tante occasioni. Ne abbiamo sbagliate tante ma alla fine conta vincere. Siamo a punteggio pieno e adesso abbiamo la sfida contro il Barcellona, ma alla fine penso che dovremo battere in casa il PSV e poi fare qualcosa di speciale a Londra".

Gol a parte, Nainggolan è stato tra i grandi trascinatori dell'Inter che ancora una volta ha saputo reagire dopo il successo in rimonta della prima giornata contro il Tottenham. Tanto da meritarsi gli elogi di Luciano Spallettia fine gara. "Nainggolan vanno fatti i complimenti, l'ho rivisto sui suoi livelli, l'infortunio alla coscia l'aveva penalizzato".

Il tecnico nerazzurro ha commentato anche la prestazione dell'altro goleador nerazzurro: Mauro Icardi. "E' completissimo in fase di realizzazione. Qualche volta, quando la squadra era pressata e loro creavano parità numerica doveva venire incontro invece d scappare sempre in profondità. Infatti lo ha fatto a fine partita e ci ha tolto da due o tre situazioni difficili".

"Quando vuole tenere palla sa essere più alto e grosso di quello che è - continua il tecnico toscano -. Poi in area di rigore è un animale". Due gol (pesantissimi) in due partite di UEFA Champions League sono lì a testimoniarlo.

In alto