Dybala fa il fenomeno, Juve nove su nove

Una tripletta della Joya stende lo Young Boys: Bianconeri a punteggio pieno nel Gruppo H e sempre vittoriosi nelle nove gare stagionali disputate finora.

C'è stato un errore durante la riproduzione del video

message

Prossimo video

La Juventus supera la prova del nove: nona uscita stagionale fra tutte le competizioni per i Bianconeri e nono successo. La Vecchia Signora sa soltanto vincere e questa volta a farne le spese sono i "Giovani Ragazzi" elvetici, che a Torino incassano un 3-0 senza appello, griffato Paulo Dybala.

La Juve - che per la prima volta in stagione scende in campo senza Cristiano Ronaldo e fa rifiatare sia Giorgio Chiellini che João Cancelo - archivia senza affanni la pratica Young Boys e si conferma a punteggio pieno nel Gruppo H in vista della delicata trasferta della terza giornata sul campo del Manchester United. Mattatore della serata, un incontenibile Dybala. 

La rete che sposta gli equilibri arriva già al 5' ed è un gioiello della Joya: lancio telecomandato di Leonardo Bonucci dalle retrovie e pallone che spiove nel cuore dell'area avversaria per l'inserimento dell'argentino, che lo accarezza senza nemmeno fargli toccare terra e con il piatto sinistro beffa l'incredulo David von Ballmoos.

Un gol bellissimo, che di fatto spiana la strada ai Bianconeri. La Juve gestisce il vantaggio come meglio non potrebbe: vanifica senza affanni la (timida) reazione elvetica e detta a proprio piacimento i ritmi della sfida, alternando fasi di possesso palla ragionato a velenose accelerazioni sugli esterni, con Federico Bernardeschi in particolare evidenza sull'out di sinistra.

Il raddoppio arriva al 34',come naturale conollario al predominio bianconero. Blaise Matuidi va al tiro dal limite dell'area, von Ballmoos non trattiene la sfera e Dybala - ancora lui - è il più lesto di tutti a ribadire in rete. Due gol in Europa in una sola partita per la Joya, non accadeva dalla sfida dell'11 aprile 2017 contro il Barcellona.

L'argentino sfiora il tris in avvio di ripresa ed è solo il palo a fermare il suo chirurgico destro a incrociare su invito di Bernardeschi. Ma l'appuntamento con la prima tripletta in UEFA Champions League è solo rimandato per Dybala, che al 69' non sbaglia il tap-in da due passi al termine di una splendida azione corale, culminata con l'assist di Juan Cuadrado. 

Per lo Young Boys piove sul bagnato: Mohamed Camara si guadagna due cartellini gialli nello spazio di 180 secondi e al 78' lascia in dieci gli elvetici, che rischiano di subire il poker ad opera di Bonucci. Massimiliano Allegri getta nella mischia anche Moise Kean - primo millennial ad esordire nel torneo il 22 novembre 2016 - ma il giivane attaccante non riesce a trovare la via della rete e il risultato non cambia più. Alla Juve va bene così: prossima fermata, Old Trafford. Sarà probabilmente tutta un'altra musica.  

 

In alto