Dybala sorride: "Ci andava una partita così"

L'argentino, grande protagonista del successo contro lo Young Boys, si gode vittoria e tripletta: "Siamo scesi in campo con l'atteggiamento giusto, ci andava una partita così".

C'è stato un errore durante la riproduzione del video

message

Prossimo video

Sorride, al fischio finale, Paulo Dybala. Lo fa con le labbra, ma soprattutto con gli occhi. Perché segnare una tripletta in UEFA Champions League non capita tutti i giorni. E perché con questi tre gol si è ripreso la Juve.

Tre lampi: 5', 33' 69'. Un gol da talento vero, il primo, gli altri due da rapace d'area. Contro lo Young Boys la Joya ha messo in mostra il repertorio completo, caricandosi sulle spalle la Vecchia Signora orfana di Cristiano Ronaldo. Una grande prova di maturità per l'argentino, capace di fare la differenza nel molmento del bisogno dopo un avvio di stagione non esaltante. 

Una serata perfetta, insomma, come sottolineato dallo stesso Dybala: "Ci andava una partita così. La squadra è scesa in campo con l'atteggiamento giusto, siamo stati bravi. L'anno scorso avevo iniziato con tanti gol, calando poi durante la stagione. Oggi ho cercato di dare il massimo, le esclusioni mi hanno aiutato a lavorare e a concentrarmi di più".

L'assenza di CR7 non ha influito sulla prova dei Bianconeri, che hanno centrato la nona vittoria in altrettante gare stagionali disputate, confermandosi a punteggio pieno nel Gruppo H con sei punti. "Oggi Cristiano non c'era, ma abbiamo giocato da grande squadra e la sua assenza non ha pesato - ha spiegato Dybala -. Quando lui è in campo tutto è più facile, ma noi dobbiamo essere sempre concentrati al massimo, anche quando lui non c'è". 

Gli elogi per Dybala arrivano anche da Massimiliano Allegri: "Sono contento per lui, è in crescita e sta mostrando maggiore continuità in campo. Io ho sempre sostenuto che qualità migliore di Paulo è quella di far giocare la squadra, per poi andare a chiudere l'azione. Stasera è stato molto bravo in questo".

Il tecnico bianconero, però, è un perfezionista, e nonostante la vittoria non risparmia una piccola critica ai suoi: "Abbiamo fatto una bella partita, giocando con maturità e serietà, ma bisognava fare più gol e capitalizzare meglio tutte le occasioni che abbiamo avuto". 

In alto