Real troppo forte, la Roma parte con un ko

I Giallorossi confermano le difficoltà di inizio stagione e al Santiago Bernabéu, contro la squadra vincitrice delle ultime tre edizioni, sono battuti 3-0: sblocca Isco su punizione, raddoppia Bale nella ripresa prima del tris di Mariano.

Watch the goals as holders Real Madrid got their UEFA Champions League campaign off to a winning start.
  • Il Real Madrid supera 3-0 la Roma nella giornata inaugurale del Gruppo G
  • Eusebio Di Francesco schiera titolare Nicolò Zaniolo, che deve ancora esordire in Serie A
  • La squadra di Julen Lopetegui sblocca il risultato allo scadere del primo tempo con una bellissima punizione di Isco
  • Il raddoppio porta la firma di Gareth Bale, il tris arriva nel recupero grazie a Mariano
  • Le prossime partite (martedì 2 ottobre ore 21.00CET): Roma-Viktoria Plzeň, CSKA Mosca-Real Madrid

La Roma non riesce a uscire indenne dal Santiago Bernabéu. Contro il Real Madrid, vincitore delle ultime tre edizioni della UEFA Champions League, i Giallorossi confermano tutte le difficoltà palesate in questo avvio di stagione e sono battuti con un secco 3-0: sblocca Isco su punizione, raddoppia nella ripresa Gareth Bale prima del tris di Mariano.

Cinque punti - e una sola vittoria - nelle prime quattro giornate di campionato, la squadra di Eusebio Di Francesco arrivava a questa sfida con gli scomodi panni della sfavorita e gli spagnoli hanno confermato le previsioni della vigilia, malgrado non possano più contare sulla classe e sui gol di Cristiano Ronaldo. Per la Roma, che schierava titolare il giovane Nicolò Zaniolo, c’è il rammarico di essere andata sotto proprio allo scadere del primo tempo, un gol che ha probabilmente scombussolato i piani dei Giallorossi.

Il primo brivido lo crea Bale, che arpiona il pallone in area e calcia di sinistro rasoterra: Robin Olsen è immobile, per fortuna sua e della Roma il pallone esce di un soffio a lato. Il portiere svedese poco dopo è bravo a fermare Isco, lanciato da Luka Modrić, poi lo stacco di Sergio Ramos non trova lo specchio della porta.

La squadra di Di Francesco prova ad alleggerire la pressione con Cengiz Ünder, poi ha una grande occasione Dani Carvajal sul cross di Isco: l’esterno difensivo, però, colpisce male di testa e il pallone sfila a lato. La pressione del Real Madrid aumenta con il passare dei minuti, la Roma si difende con grinta e tenacia.

Olsen è decisivo prima su Sergio Ramos, poi su Isco ma un attimo prima dell’intervallo la squadra di Julen Lopetegui. Isco si procura e batte una punizione - nella circostanza ammonito Daniele De Rossi - la sua traiettoria scavalca la barriera e si infila all’angolino alla destra di Olsen.

La Roma prova a reagire e nella ripresa la prima occasione è sua con Cengiz Ünder: Keylor Navas, preferito in coppa a Thibaut Courtois, si salva con un tuffo plastico. Sembra però un guizzo estemporaneo, perché il Real Madrid riprende a macinare gioco. Bale tocca male in area sulla transizione di Karim Benzema, poi il gallese ex Tottenham è sfortunato e colpisce la traversa, complice la deviazione di Federico Fazio.

Di Francesco decide il primo cambio - fuori Zaniolo, dentro Lorenzo Pellegrini - ma al 58’ arriva il raddoppio dei padroni di casa, in ripartenza. Modrić serve uno splendido filtrante per Bale, il numero 11 innesta il turbo e con un diagonale secco infila Olsen per il 2-0.

Arrivano altri cambi. Lopetegui toglie Benzema e inserisce Marco Asensio, Di Francesco getta nella mischia Diego Perotti e richiama Stephan El Shaarawy. Ci prova Aleksandar Kolarov, il serbo trova lo specchio ma Navas si allunga e devia in corner. Arriva il momento anche di Patrik Schick, che prende il posto di Steven Nzonzi.

Proprio Schick calcia male sullo scarico di Cengiz Ünder, dalla parte opposta Olsen è pronto prima su Toni Kroos e poi su Modrić. Il portiere svedese è per distacco il migliore in campo della Roma e compie un’altra superata su Asensio, protagonista di uno splendido spunto individuale.

Modrić lascia il prato del Santiago Bernabéu tra gli applausi dei tifosi Blancos, Navas ha un ottimo riflesso sul colpo di testa di Edin Džeko - troppo isolato in avanti - e devia in tuffo in corner. L’arbitro concede tre minuti di recupero e al 92’ Mariano, subentrato a Bale, trova il tris con uno splendido destro a giro che si infila all’incrocio dei pali,

Il Real Madrid inizia il Gruppo G con tre punti, per la Roma la sfida con il Viktoria Plzeň del 2 ottobre è già il primo crocevia.

 

In alto