Simonsen è ancora cuore-Barça

L'ex Pallone d'Oro si augura che il Barcellona vinca il trofeo più prestigioso d'Europa per due volte consecutive, impresa che non riesce a nessuno da 20 anni a questa parte.

Allan Simonsen con la maglia del Barcellona
Allan Simonsen con la maglia del Barcellona ©Getty Images

Allan Simonsen, ex Pallone d'Oro, si augura che l'FC Barcelona vinca il trofeo più prestigioso d'Europa per due volte consecutive, impresa che non riesce a nessuno da 20 anni a questa parte.

Quattro anni a Barcellona
Eletto miglior calciatore europeo nel 1977, il centrocampista danese ha trascorso quattro anni al Camp Nou dopo aver militatno nel Vejle BK e nel VfL Borussia Mönchengladbach,club con cui ha vinto la Coppa UEFA nel 1975 e nel 1979. A Barcellona, invece, Simonsen ha vinto la Coppa delle Coppe UEFA 1982. L'ex giocatore è convinto che gli uomini di Josep Guardiola abbiano il talento per confermarsi campioni d'Europa dopo il trionfo contro il Manchester United FC dello scorso maggio.

Dominio mondiale
"Sarà difficile, ma il Barça è ancora favorito - commenta a uefa.com, nonostante la sconfitta dei Blaugrana per 2-1 contro l'FC Rubin Kazan alla Terza Giornata -. Se gioca come l'anno scorso vincerà di sicuro, perché al momento è la squadra più forte del mondo. Non vedevo un gioco simile da anni. Vivo a Barcellona e seguo quasi tutte le partite, allo stadio o in televisione".

"Piccoletti"
Simonsen ha sfiorato il titolo europeo nel 1977, quando il suo Mönchengladbach è stato battuto in finale dal Liverpool FC. Autore del gol della formazione tedesca, è successivamente diventato l'unico giocatore ad andare a segno in tutte e tre le finali delle coppe europee per club (Coppa dei Campioni, Coppa delle Coppe e Coppa UEFA). Esterno brevilineo che amava saltare l'avversario e puntare la porta, Simonsen avverte una naturale somiglianza con gli attuali leader blaugrana. "Ci sono tanti ottimi giocatori, ma i più piccoli sono i più forti. Lionel Messi, Andrés Iniesta e Xavi Hernández non sono possenti ma sono tecnicamente fantastici. Mi piacciono molto, perché oltre a dare qualità sono velocissimi".

Exploit danese
L'ex Ct delle Isole Faroe e del Lussemburgo sarà un appassionato spettatore anche alla prossima Coppa del Mondo FIFA. La sua Danimarca ha infatti vinto il proprio girone di qualificazione, conquistando l'accesso al primo torneo internazionale dal 2004. 25 anni fa, invece, i danesi hanno raggiunto la prima qualificazione a un torneo internazionale battendo l'Inghilterra a Wembley (grazie a un suo calcio di rigore) e assicurandosi un posto al Campionato Europeo UEFA, impresa di cui si sente ancora orgoglioso. "Quella partita ha fatto capire a noi e ai tifosi che potevamo battere chiunque - conclude -. Avevamo grandi giocatori, come il Barcellona e il Real Madrid oggi. Giocavamo tutti nelle squadre più forti d'Europa ed eravamo tecnicamente dotati. Inoltre avevamo un grande allenatore, Sepp Piontek, e tifosi ci sostenevamo sempre. Era quello il segreto".

Intervista rilasciata a Budapest durante la tappa di UEFA Champions League Trophy Tour, presentato da UniCredit. Per guardare un estratto di questa intervista nel Magazine di uefa.com, clicca qui.

In alto