L'erede di Juninho si chiama Pjanić

Con il 19enne Miralem Pjanić, la formazione transalpina sembra aver trovato il sostituto ideale del brasiliano dopo la sua partenza.

©Getty Images

La partenza di Juninho Pernambucano ha lasciato un grande vuoto all'Olympique Lyonnais. Tuttavia, con il 19enne Miralem Pjanić la formazione transalpina sembra aver trovato il sostituto ideale.

Decisivo
Mercoledì scorso, Pjanić ha siglato il gol decisivo nella prima gara del Gruppo E contro l'ACF Fiorentina, mentre nella partita di andata del turno precedente aveva sbloccato le marcature contro l'RSC Anderlecht, aprendo la strada a un comodo 5-1. "Ovviamente sono contento - commmenta il nazionale bosniaco a uefa.com -. Ora gioco di più, ma è solo grazie alla squadra che posso fare la differenza. Mi sono impegnato molto dall'inizio della stagione e per ora tutto va bene".

Trasferimento
Mentre con i giornalisti misura le parole, Pjanić è decisamente più loquace e reattivo in campo. Contro la Fiorentina, per esempio, ha anticipato tutti su una ribattuta di Sébastien Frey su tiro di Kim Källström, risolvendo la partita al 78'. Veloce è stato anche il suo approdo nel calcio francese. Dopo il trasferimento della sua famiglia in Lussemburgo a causa della guerra, Miralem è stato acquistato dall'FC Metz a soli 14 anni.

Solido investimento
Dopo essersi fatto notare nelle giovanili, nel 2007/08 è approdato in prima squadra, collezionando 27 presenze e riscuotendo favori per l'ottimo controllo di palla, l'abilità sui calci piazzati e la capacità di essere sempre nel posto giusto al momento giusto. Doti sicuramente interessanti per il Lione, che ha considerato il suo acquisto per 7,5 milioni di euro un solido investimento. È così è stato. Alla prima stagione, Pjanić ha collezionato appena cinque presenze da titolare (bottino normale per un 18enne), ma dopo aver consolidato il posto in squadra ha ricevuto la maglia No8 di Juninho.

'Permesso'
"Ho chiamato Juni prima del campionato per chiedergli il permesso di indossare la sua maglia - spiega il giovane a L'Équipe -. Mi ha detto di non preoccuparmi e di non caricarmi di aspettative. Juni ha fatto cose fantastiche qui. L'ho ringraziato molto e il suo numero mi piace anche. Spero di avere una buona stagione qui, migliore di quella passata". Il Lione si aspetta lo stesso e, per ora, non può proprio lamentarsi.

In alto