Prandelli coccola i suoi gioielli

Nella vittoria dei Viola sono stati decisivi Mutu, trattenuto dal tecnico, e Gilardino, voluto da Prandelli che lo aveva allenato a Parma: "E' stato bravissimo'.

Prandelli ha elogiato la Fiorentina per la prova contro lo Slavia
Prandelli ha elogiato la Fiorentina per la prova contro lo Slavia ©Getty Images

Con la vittoria per 2-0 nell'andata del terzo turno preliminare di UEFA Champions League, la ACF Fiorentina ha fatto un passo avanti verso la qualificazione alla fase a gironi, e l'allenatore Cesare Prandelli ha voluto rendere merito a Adrian Mutu e Alberto Gilardino, autori dei gol: "Gilardino è stato bravissimo, e ho apprezzato lo spirito di sacrificio di Mutu".

'Spirito di sacrificio'
Essere riusciti a trattenere Mutu si è rivelata la scelta giusta dopo soli tre minuti, quando il rumeno ha trovato il gol su punizione. Ma non è stato solo questo ad aver colpito positivamente il tecnico gigliato: "La sua rete su punizione ci ha facilitato il compito", ha detto alla fine della partita giocata allo stadio Artemio Franchi, gremito per l'occasione. "Ma oltre al gol ho visto Adrian mettersi a disposizione della squadra, ho molto apprezzato il suo spirito di sacrificio".

'Su Gilardino nessun dubbio'
Un'altra nota positiva è arrivata invece da un volto nuovo, Gilardino, prelevato dall'AC Milan in estate. L'attaccante di Biella, che nel 2007 ha vinto la UEFA Champions League con i Rossoneri, è andato in rete al debutto in gara ufficiale con i Viola, ma oltre al colpo di testa che al 57' ha portato la Fiorentina sul 2-0, ha avuto molte altre occasioni, dimostrando di sapersi trovare nel posto giusto al momento giusto. Per Prandelli, Gilardino non è una sorpresa, dato che lo aveva allenato già a Parma: "Gilardino non ha sbagliato un solo pallone, è stato bravissimo", ha detto il tecnico. "Su di lui non c'erano dubbi, è un ragazzo serio e col senso del gol nel sangue".

Scommesse vinte
Decisivi per la vittoria sono stati due giocatori che Prandelli aveva allenato a Parma, e che ha voluto trattenere - Mutu - e prendere - Gilardino - mettendoci la propria 'faccia'. E, per il momento, le due scommesse del tecnico sono state vinte. Ma è sempre meglio non cantare vittoria troppo presto: "E' finito solo il primo tempo, ora ce n'è un secondo da giocare", ha detto pensando alla gara di Praga del 27 agosto. "Tra due settimane saremo più avanti con la preparazione, questi giorni ci servono: non siamo sempre brillanti".

In alto