Lucio porta il Bayern nei quarti

FC Bayern München - Real Madrid CF 2-1 (And:2-3)
I bavaresi si qualificano per la regola dei gol in trasferta, di Makaay il gol più veloce nella competizione.

Roy Makaay ha segnato il gol più veloce nella storia della UEFA Champions League e l’FC Bayern München ha contrapposto al 3-2 subito all’andata in casa del Real Madrid CF il successo per 2-1 alla Fußball Arena di Monaco, guadagnando l’accesso ai quarti grazie alla regola dei gol in trasferta.

Espulsioni nel finale
Prima di questa partita il Bayern aveva sempre iniziato a ritmo lento, non essendo mai riuscito a segnare nel primo quarto d’ora nel corso di questa stagione. Questa volta, però, ha stabilito un record storico in quanto Makaay ha sbloccato il risultato dopo 11 secondi e la squadra spagnola non si è ripresa dal colpo subito. Nella ripresa Lucio ha raddoppiato per il Bayern e, nonostante il gol segnato su rigore da Ruud van Nistelrooy, dopo l’espulsione di Mahamadou Diarra e Mark van Bommel per doppia ammonizione, sarà il club tedesco a partecipare al sorteggio di venerdì.

Presagi sinistri
Le squadre entrano in campo accompagnate dalle note ossessive e ricche di suggestioni dei Carmina Burana, una presentazione quanto mai appropriata, visto che dopo pochi secondi dal calcio d’inizio il Bayern si porta in parità nel punteggio complessivo. Subito dopo il calcio d’inizio la palla è sui piedi di Roberto Carlos, ma il controllo del brasiliano non è perfetto e ne trae vantaggio Hasan Salihamidžić. Il centrocampista bosniaco serve alla perfezione Makaay che sorprende Iker Casillas, con una squadra madrilena già indebolita dal forfait in extremis di Fabio Cannavaro.

Bayern pericoloso
Incitati da Fabio Capello gli ospiti sembrano ritrovare un po’ di ordine, ma il trio di centrocampisti formato da Diarra, Emerson e Fernando Gago stenta a prendere in mano le redini della gara e nella prima mezz’ora il Bayern potrebbe segnare tre gol. Prima è Makaay a condurre un contropiede fulminante, liberando Lukas Podolski, ma, ostacolato dal disperato tentativo del 21enne difensore Miguel Torresil, non riesce ad impensierire Casillas.

Guti in campo
Il portiere è presto costretto a intervenire di nuovo, quando Van Bommel scardina la difesa degli ospiti con un efficace passaggio filtrante diretto a Makaay, il cui tiro è deviato dall’estremo difensore spagnolo. Sul conseguente corner Bastian Schweinsteiger conclude di poco a lato. Quanto visto fino a quel momento convince Capello ad operare un cambio, sostituendo Emerson con Guti, elemento più a suo agio nel possesso di palla. La mossa si rivela azzeccata e gli spagnoli finiscono il tempo in avanti, con Guti, Raúl González e Van Nistelrooy tutti vicino al gol.

Colpo di testa di Lucio
Nell’intervallo Capello opta per un altro cambio, mandando in campo Antonio Cassano, ma la ripresa inizia in maniera quasi analoga al primo tempo. Podolski trova Van Bommel con un lancio perfetto e solo grazie ad un bel intervento di Casillas il Bayern fallisce il raddoppio. Sull’altro versante Kahn è rimasto a lungo inoperoso e, nonostante debba respingere un colpo di testa di Van Nistelrooy, è il Bayern che sembra più vicino al gol. La conferma arriva a metà del tempo quando Lucio, in gol anche all’andata, realizza di testa su corner di Willy Sagnol.

Finale emozionante
Il finale è ancora più denso di emozioni. Diarra e Van Bommel vengono espulsi prima che, a 8’ dal termine, Van Nistelrooy riaccenda le speranze per il Real, realizzando dal dischetto dopo il fallo di Lucio su Robinho. Subito dopo una conclusione di Sergio Ramos viene annullata per fallo di mano e il Bayern riesce a tenere fino al termine.

In alto