Due grandi in cerca di riscatto

Real Madrid e Bayern Monaco cercano di dimenticare l'opaco periodo nei rispettivi campionati, a Madrid una classica della UEFA Champions League.

Real Madrid CF e FC Bayern München, due grandi del calcio europeo, si scontreranno per la sesta volta nelle ultime otto stagioni. La sfida di andata degli ottavi di UEFA Champions League, in programma al Santiago Bernabéu, offrirà ad entrambe l’occasione di risollevarsi dopo un periodo difficile.

Grandi solo in Europa
Finora le due formazioni hanno stentato nei rispettivi campionati, ma hanno brillato in Europa. Il Real fatica a trovare la via della rete nella Liga, come testimonia lo 0-0 interno di sabato contro il Real Betis Balompié, ma vanta il miglior attacco della fase a gironi della UEFA Champions League, con 14 gol all’attivo, e ha concluso il Gruppo E al secondo posto. Il Bayern, da parte sua, si è imposto nel Gruppo B subendo soltanto tre reti, un dato in controtendenza rispetto a quanto mostrato in Bundesliga.

“La sfida più delicata”
Nonostante la penuria in fase realizzativa, l’allenatore delle Merengues, Fabio Capello, è convinto che la squadra saprà ritrovare i giusti equilibri proprio in Europa. “Sono convinto che il Real disputerà una gran partita - ha dichiarato il tecnico friulano -. I tifosi saranno la nostra arma in più, com’è già successo nella fase a gironi”. In merito all’andata degli ottavi, Capello ha poi aggiunto: “Sarà la sfida più delicata della stagione. In simili occasioni è fondamentale sfoderare una grande prestazione”.

Carte coperte
L’obiettivo del Real è quello di costruire un margine di vantaggio importante per gestire in relativa tranquillità la gara di ritorno, in programma a Monaco il 7 marzo, ma Capello non ha voluto sbilanciarsi sulla formazione. Interpellato in merito alla possibilità di affiancare a Ruud van Nistelrooy uno dei tre nuovi acquisti del Real, Gonzalo Higuaín, il tecnico ha replicato laconicamente: “La formazione titolare è ben chiara nella mia testa”. Sicuri esclusi saranno Sergio Ramos e Mahamadou Diarra, alle prese con problemi a un piede e a una caviglia, mentre Roberto Carlos, reduce da un infortunio ad una coscia, sembra pronto a rientrare dall’inizio.

Il ritorno di Hitzfeld
Il Bayern è alle prese con numerosi problemi fin dall’inizio del nuovo anno: dopo la conclusione della fase a gironi di UEFA Champions League, i bavaresi hanno subito ben cinque sconfitte in Bundesliga e hanno assistito all’esonero del tecnico Felix Magath. Al suo posto è arrivata una vecchia conoscenza, Ottmar Hitzfeld, il quale ha subito evidenziato i parallelismi tra bavaresi e spagnoli in questa fase della stagione. “Abbiamo lo stesso tipo di problemi, ma Bayern e Real restano due tra le squadre più blasonate d’Europa - ha spiegato Hitzfeld -. Entrambe le formazioni stanno attraversando un momento difficile in fase realizzativa, ma i nostri avversari sono migliorati molto in difesa”. Non si può certo dire lo stesso del Bayern, sconfitto 1-0 sul campo del TSV Alemannia Aachen nel fine settimana.

Grande pressione
Questo non significa che gli iberici partano favoriti, almeno secondo Hitzfeld, che non esclude la possibilità di un successo del Bayern al Santiago Bernabéu: “Sarà una sfida dominata dalla tensione. La squadra che riuscirà a gestirla meglio, alla fine la spunterà. Credo che il Bayern avverta maggiore pressione quando gioca in casa e le aspettative sono elevate. In ogni caso, ritengo che un successo nella sfida di andata potrebbe rivelarsi decisivo per la qualificazione”.

Le probabili formazioni
Real Madrid CF: Iker Casillas; Míchel Salgado, Iván Helguera, Fabio Cannavaro, Roberto Carlos; Emerson, Fernando Rubén Gago, Guti, David Beckham; Raúl González, Ruud van Nistelrooy.

FC Bayern München: Oliver Kahn; Philipp Lahm, Lucio, Daniel Van Buyten, Willy Sagnol; Hasan Salihamidžić, Owen Hargreaves, Mark van Bommel, Bastian Schweinsteiger; Roy Makaay, Lukas Podolski.

In alto