Insidie dietro l'angolo

Dopo la clamorosa vittoria in rimonta in Germania, il Werder vola a Torino carico di ottimismo, Juventus avvertita.

Il Werder Bremen affronta la trasferta di Torino contro la Juventus cosciente del fatto che gli basterà ripetere l’ultimo risultato colto in Italia per passare per la prima volta nella sua storia ai quarti di finale di UEFA Champions League. Il Werder ha avuto la meglio sui bianconeri nella partita di andata della settima giornata di gare rimontando proprio nella fase finale dell’incontro.

Importante pareggio
• Un pareggio in trasferta, 1-1, con l’Udinese nella terza giornata di gare ha consentito alla squadra tedesca di qualificarsi dal Gruppo C come seconda classificata alle spalle del FC Barcelona. Un colpo di testa di Johan Micoud in pieno recupero due settimane or sono sta a significare che il Werder deve solo pareggiare con la Juventus allo Stadio delle Alpi per potere poi scrivere un nuovo capitolo nella storia del club.

Brutto colpo per la Juventus
• La rete al secondo minuto di recupero al Weserstadion è stata un duro colpo per la squadra di Fabio Capello. I bianconeri erano andati in svantaggio nel primo tempo a seguito di una rete di Cristian Schultz. Avevano poi raggiunto e superato gli avversari grazie ai gol realizzati da Pavel Nedvěd e David Trezeguet nello spazio di nove minuti. Sembrava che l’esito dell’incontro volgesse ormai a favore degli ospiti, ma a tre minuti dal termine Tim Borowski ha pareggiato e creato le premesse per un gran finale.

Sei vittorie
• In vista della partita di ritorno la Juventus può trarre fiducia dai suoi più recenti risultati casalinghi in UEFA Champions League. Nel 2003/04 i bianconeri hanno perso 1-0 in casa con il RC Deportivo La Coruña nella gara di ritorno della prima fase a eliminazione diretta. Successivamente hanno giocato altre sette partite di UEFA Champions League, vincendone sei e pareggiandone una. Incredibilmente, in questa serie positiva hanno subito soltanto un gol. Lo ha segnato il FC Bayern München nella quarta giornata di gare di questa stagione.

• I bianconeri hanno inoltre vinto le ultime tre partite casalinghe contro squadre tedesche e in 18 gare hanno subito solo tre sconfitte.

Avversario difficile
• La Juventus ha vinto la Coppa dei Campioni due volte e mira a raggiungere i quarti di finale per la terza volta in quattro stagioni. Nel suo girone di qualificazione ha dato sempre la sensazione di potercela fare e due vittorie consecutive in occasione delle prime due partite hanno confermato il suo potenziale.

• Trezeguet è andato a rete in tre delle prime quattro gare. La sua rete di due settimane fa ha portato a cinque il suo bottino in questa stagione.

Spiacevole ricordo
• Anche se dovesse essere eliminato, il Brema avrà almeno cancellato l’amaro ricordo di ciò che accadde la stagione scorsa nella prima fase a eliminatoria diretta. In quella occasione l’eliminazione è giunta a opera dell’ Olympique Lyonnais con il punteggio complessivo di 10-2.
• Una sconfitta per 7-2 in Francia è stata un’esperienza umiliante. In questa stagione le tre gare in trasferta previste nel Gruppo C sono terminate con due sconfitte e un pareggio. Nonostante ciò la squadra di Thomas Schaaf si è qualificata con sette punti, gli stessi dell’Udinese Calcio. I friulani sono stati eliminati per i risultati degli scontri diretti.

Gran finale
• Il Werder ha iniziato perdendo le prime due partite e di conseguenza nessuno pensava che potesse farcela a qualificarsi. Nella terza giornata di gare in Italia i tedeschi hanno ottenuto il primo punto e ciò ha dato loro lo slancio necessario per qualificarsi. Il gran finale è culminato poi con una vittoria per 5-1 con il Panathinaikos FC.

Due vittorie
• Il Werder ha vinto due volte in Italia, l’ultima in occasione della terza giornata della Coppa UEFA del 1989/90, quando ha superato il Napoli Soccer 3-2. In otto partite in trasferta è stato sconfitto quattro volte.

Fase a eliminazione diretta
• Le due squadre si affrontano in partite di andata e ritorno. Quella che segna il maggior numero di gol si qualifica per il turno successivo. Nel caso di parità di reti segnate, si qualifica la squadra che ne ha realizzate di più in trasferta. Nel caso di ennesima parità, si disputano due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno al termine della seconda partita. Se nei supplementari le due squadre segnano lo stesso numero di reti, quelle realizzate in trasferta contano doppio (cioè, passa il turno la squadra in trasferta). Se durante i supplementari non viene segnata alcuna rete, il vincitore si decide ai calci di rigore.

In alto