Eto'o gela lo Stamford Bridge

Chelsea FC - FC Barcelona 1-2
Chelsea in dieci per l'espulsione di Del Horno, poi due autogol, ci pensa l'attaccante camerunense a decidere la gara.

L’FC Barcelona si è conquistato una stupenda opportunità di accedere ai quarti della UEFA Champions League grazie ai due gol nel finale che hanno ribaltato il risultato nella partita contro un Chelsea FC costretto a giocare in dieci per più di 50 minuti.

Il tocco decisivo
È stata una partita caratterizzata da un autogol per parte, prima che Samuel Eto’o realizzasse di testa il gol della vittoria a dieci minuti dal termine. Si è trattato di un’emozionante replica dell’incontro tra le due squadre giocato lo scorso anno. Il Chelsea ha tenuto bene dopo l’espulsione di Asier Del Horno ed è passato in vantaggio quando Thiago Motta ha involontariamente centrato la propria porta. Il pareggio è stato poi ristabilito grazie ad un autogol di John Terry, dopo il quale i campioni di Spagna hanno avuto numerose occasioni per segnare. Lionel Messi ha colpito la traversa e Terry per due volte ha dovuto prodursi in salvataggi sulla linea prima che Eto’o firmasse il gol decisivo.

Crespo dal primo minuto
La squadra di Premiership si è presentata con Del Horno al posto di William Gallas, alle prese con un problema ai flessori del ginocchio. Con Michael Essien squalificato è tornato in campo Claude Makelele, assente per infortunio negli ultimi tre incontri casalinghi. In attacco Hernán Crespo è stato preferito a Didier Drogba. Il Barcellona ha schierato Giovanni van Bronckhorst nel ruolo di terzino sinistro al posto di Silvinho ed ha mandato in campo dal primo minuto, per la terza volta nella competizione in corso, l’ottimo giovane Lionel Messi.

Deco in evidenza
Il terreno di gioco è stato a lungo annaffiato e sono visibili pozzanghere in vari punti del campo. I tifosi del Chelsea si fanno sentire e due punizioni nei primi minuti offrono loro motivi di ottimismo. È però il Barcellona a rendersi per primo pericoloso quando in un’azione di contropiede Deco e Eto'o manovrano per poi far pervenire la sfera a Messi il quale impegna Petr Čech. Gli ospiti dimostrano di avere più problemi per le condizioni del terreno che per il gioco del Chelsea. Appare chiaro che preferirebbero che il pallone corresse più veloce, ma riescono comunque ad tenere il campo e Deco si mette in evidenza per come gestisce gli scambi a centrocampo.

Tiro di Lampard
Frank Lampard, anche lui in grande serata, lascia partire un tiro che Victor Valdés che osserva perdersi sul fondo. In seguito Eidur Gudjohnsen è bravo a sfuggire alla guardia di Carles Puyol e il Barcellona deve ringraziare il fatto che Van Bronckhorst si trovi nel posto giusto per allontanare la minaccia. Messi mette in difficoltà Del Horno sulla destra e dopo un rapido scambio con Deco per i padroni di casa comincia risuonare il campanello d’allarme. Nessuno tra Eto'o e Ronaldinho, comunque, riesce a trovare il varco giusto per impensierire la porta avversaria.

Del Horno espulso
Crespo deve sottoporsi alle cure dei medici dopo un intervento deciso di Puyol in seguito al quale l’arbitro mostra il cartellino giallo al capitano del Barcellona. Il Chelsea, in ogni caso, fatica a coinvolgere il suo centravanti e la fiducia del Barcellona aumenta dopo che Ronaldinho costringe Čech ad una diffide intervento. La fiducia si rafforza ulteriormente quando il Chelsea si ritrova in dieci uomini. Messi è alla costante ricerca del pallone, sfugge benissimo ad un contrasto con Arjen Robben e viene poi atterrato dal sopraggiunto Del Horno. Entrambi i giocatori si fanno male e quando il terzino si rialza trova davanti agli occhi il cartellino rosso.

Geremi in campo
Mourinho replica mandando in campo Geremi al posto di Cole. Nell’intervallo Crespo fa spazio a Drogba e gli inglesi dimostrano di reagire bene al colpo subito. Robben scarica un rasoterra al di là del secondo palo, mentre Paulo Fereira crea dei problemi a Valdés con un tiro dalla distanza. Motta cerca di imitarlo, approfittando di un arretramento del baricentro del Chelsea e la sua conclusione si perde di poco sopra la traversa.

Gol vincente di Eto'o
L’azione successiva in cui il centrocampista è coinvolto, al 59’, porta a conseguenze drammatiche per la sua squadra in quanto il giocatore indirizza nella sua porta una punizione di Lampard dopo essersi scontrato con il proprio portiere. Il subentrato Henrik Larsson e il giocatore del Cheslea Drogba vanno entrambi vicini al gol prima che Terry inganni involontariamente Čech deviando una punizione di Ronaldinho. Il portiere del Chelsea è incolpevole anche in occasione del gol decisivo quando Eto'o supera in elevazione Paulo Ferreira e mette al sicuro una vittoria preziosa per i campioni di Spagna.

In alto