Gruppo C: le contendenti

Qual è il pedigree delle squadre del girone? Chi sono i giocatori chiave, i nuovi arrivi e gli osservati speciali? UEFA.com ha tutte le risposte.

©UEFA.com

Manchester City

Ranking UEFA per coefficienti (alla fine del 2018/19): 6°
Come si è qualificato: campione d'Inghilterra
Miglior piazzamento in Coppa dei Campioni: semifinali (2016)

Scorsa stagione: quarti di finale (sconfitta ai gol in trasferta, 4-4 tot. contro Tottenham)

Fase a gironi della scorsa stagione: vincitrice Gruppo F – V4 P1 S1 GF16 GS6 (contro Lyon, Shakhtar, Hoffenheim)

Mercato estivo
Arrivi: Angeliño (PSV), Rodri (Atlético), João Cancelo (Juventus)
Partenze: Vincent Kompany (Anderlecht), Fabian Delph (Everton), Danilo (Juventus)

Guarda i sei gol del City contro lo Shakhtar la scorsa stagione
Guarda i sei gol del City contro lo Shakhtar la scorsa stagione

Allenatore: Josep Guardiola 
Vincitore di sei campionati e una Coppa dei Campioni con il Barcellona dal 1990 al 2001, Guardiola ha assunto la guida della prima squadra nel 2008, vincendo il triplete alla prima stagione in panchina. Dopo numerosi trofei con i blaugrana e un anno sabbatico, nel 2013 ha accettato l'offerta del Bayern, con cui ha vinto tre campionati consecutivi. Nel 2016 è approdato al Manchester City, con cui ha vinto il campionato 2017/18 e tre titoli nazionali la scorsa stagione.

Giocatore chiave: Raheem Sterling
Superare colleghi come Kevin De Bruyne, Bernardo Silva e Sergio Agüero non è certamente facile, ma il 24enne attaccante ci è riuscito la scorsa stagione segnando 25 gol tra tutte le competizioni, di cui cinque in UEFA Champions League. Per questo è stato votato giocatore dell'anno dalla Football Writers' Association e miglior giovane dell'anno dalla PFA.

Osservato speciale: Phil Foden
Il vincitore del Pallone d'Oro in Coppa del Mondo FIFA Under 17 del 2017 non è mai stato impiegato regolarmente dal City, ma è già il più giovane vincitore della Premier League e il più giovane inglese di sempre ad aver segnato nella fase a eliminazione diretta di UEFA Champions League. A soli 19 anni, il creativo centrocampista dovrebbe avere un ruolo più importante in questa stagione.

Shakhtar Donetsk

Ranking UEFA per coefficienti (alla fine del 2018/19): 16°
Come si è qualificato: campione d'Ucraina
Miglior piazzamento in Coppa dei Campioni: quarti di finale (2011)

Scorsa stagione: fase a gironi (terzo posto), sedicesimi di UEFA Europa League

Fase a gironi della scorsa stagione: terzo nel Gruppo F – V1 P3 S2 GF8 GS16 (contro Manchester City, Lyon, Hoffenheim)

Mercato estivo
Arrivi: Yevhen Konoplyanka (Schalke), Vitão (Palmeiras) 
Partenze: Ivan Ordets (Dinamo Moskva), Wellington Nem (Fluminense, prestito), Fernando (Sporting CP, prestito)

Allenatore: Luís Castro
Dopo aver totalizzato meno di 30 presenze nella massima serie da giocatore del Vitória SC e dell'Elvas, il portoghese ha iniziato la carriera da allenatore all'Águeda nel 1998. Ha trascorso la prima stagione nel massimo campionato con il Penafiel nel 2004, quindi si è trasferito al Rio Ave, al Chaves e al Vitória SC prima di sostituire il connazionale Paulo Fonseca allo Shakhtar quest'estate.

Lo Shakhtar spera in Júnior Moraes
Lo Shakhtar spera in Júnior Moraes©AFP/Getty Images

Giocatore chiave: Júnior Moraes
La scorsa stagione, l'attaccante ha realizzato 26 gol fra tutte le competizioni, di cui tre nelle due gare di UEFA Champions League contro il Lione. La sua costanza non sorprende, date le ottime cifre registrate con Gloria Bistriţa, CSKA Sofia, Metalurh Donetsk e Dynamo Kyiv prima di passare allo Shakhtar la scorsa estate. .

Osservato speciale: Tetê
L'attaccante brasiliano è passato allo Shakhtar a febbraio poco dopo il suo 19º compleanno pur non avendo collezionato presenze in prima squadra nel Grêmio. Il nazionale brasiliano Under 20 si è subito messo in mostra con due gol in finale di Coppa d'Ucraina contro l'Inhulets e un paio di reti in campionato. 

Dinamo Zagreb

Ranking UEFA per coefficienti (alla fine del 2018/19): 51°
Come si è qualificata: campione di Croazia, vincitrice agli spareggi (3-1 complessivo sul Rosenborg)
Miglior piazzamento in Coppa dei Campioni: fase a gironi, sei volte (la più recente nel 2016/17)

Scorsa stagione: spareggi, ottavi di UEFA Europa League

Mercato estivo
Arrivi: Luka Ivanušec (Lokomotiva Zagreb), Ivo Pinto (Norwich), François Moubandje (Toulouse)
Partenze: Ivan Šunjić (Birmingham), Amir Rrahmani (Hellas Verona)

Dani Olmo ha vinto l'Europeo Under 21 con la Spagna
Dani Olmo ha vinto l'Europeo Under 21 con la Spagna©Getty Images

Allenatore: Nenad Bjelica
Bjelica ha giocato in due periodi diversi all'Osijek inframmezzando le esperienze in Spagna con Albacete, Real Betis e Las Palmas. L'ex nazionale croato (nove presenze) ha anche rappresentato Kaiserslautern, Admira Wacker e Kärnten e ha partecipato a UEFA EURO 2004. Dopo aver allenato quattro squadre austriache, è stato allo Spezia e al Lech Poznań, mentre a maggio 2018 è stato ingaggiato dalla Dinamo Zagabria e ha vinto due titoli nazionali nei primi otto giorni di lavoro.

Giocatore chiave: Bruno Petković
Il longilineo attaccante ha avuto un'ottima stagione d'esordio l'anno scorso, segnando 10 gol fra tutte le competizioni. A marzo è stato convocato nella Croazia, mentre tre mesi dopo ha segnato il primo gol in nazionale.

Osservato speciale: Dani Olmo
Esterno veloce e tecnico, Olmo ha lasciato il Barcellona a 16 anni per giocare con più regolarità in Croazia. La scorsa stagione, per la prima volta, è entrato in doppia cifra realizzativa, quindi ha segnato nella finale dell'Europeo Under 21 vinto dalla Spagna e ha coronato un ottimo torneo.

Atalanta

Ranking UEFA per coefficienti (alla fine del 2018/19): 92°
Come si è qualificato: terza in Serie A
Miglior piazzamento in Coppa dei Campioni: n/d

Scorsa stagione: spareggi di UEFA Europa League (sconfitta ai rigori contro il Copenaghen)

Mercato estivo
Arrivi: Luis Muriel (Sevilla), Ruslan Malinovskiy (Genk), Guilherme Arana (Siviglia, prestito), Simon Kjær (Siviglia, prestito) 
Out: Etrit Berisha (SPAL, prestito), Federico Mattiello (Cagliari, prestito), Gianluca Mancini (Roma)

L'Atalanta festeggia la prima qualificazione
L'Atalanta festeggia la prima qualificazione©Getty Images

Allenatore: Gian Piero Gasperini
Dopo i successi con le giovanili della Juventus, Gasperini è stato ingaggiato dal Crotone nel 2003 e lo ha subito portato in Serie B, mentre nel 2006 ha accettato l'offerta del Genoa e ha conquistato un'altra promozione nella stagione d'esordio. Dopo le brevi esperienze all'Inter e al Palermo, ha passato altri tre anni a Genova. A giugno 2016 è stato scelto dall'Atalanta, che ha portato ai sedicesimi di UEFA Europa League 2017/18 e al terzo posto in campionato la scorsa stagione.

Giocatore chiave: Duván Zapata
Il nazionale colombiano, 28 anni, ha vissuto la sua miglior stagione nel 2018/19 segnando 28 gol fra tutte le competizioni. Grazie alla sua prestanza fisica e a un grande senso del gol, è un vero e proprio bomber.

Osservato speciale: Musa Barrow
Dietro a Duván Zapata e al neoacquisto Luis Muriel, il 20enne del Gambia cercherà di riconfermarsi dopo una stagione promettente. Dopo aver iniziato il 2018/19 con quattro gol in sei gare di qualificazione di UEFA Europa League, in totale ha collezionato 30 presenze.

Lo sapevi?

  • Il City ha vinto 3-0 in trasferta e 6-0 in casa contro lo Shakhtar nella scorsa fase a gironi. Quest'ultima è stata temporaneamente la sua vittoria casalinga più ampia di sempre in Europa, ma è stata superata dal 7-0 sullo Schalke agli ottavi.
  • Lo Shakhtar ha avuto la meglio nell'unico precedente con la Dinamo Zagabria, vincendo in casa e fuori e qualificandosi per la fase a gironi di UEFA Champions League 2008/09.
  • La scorsa stagione, in UEFA Europa League, la Dinamo Zagabria ha superato per la prima volta la fase a gironi di una competizione europea dopo ben 13 tentativi.
  • L'Atalanta è l'unica esordiente della fase a gironi 2019/20: è la decima squadra italiana a parteciparvi e la 141esima in totale.
  • Anche se l'Atalanta non ha mai affrontato il Manchester City e lo Shakhtar, ha battuto la Dinamo Zagabria ai gol in trasferta al primo turno di Coppa UEFA 1990/91 (0-0 c, 1-1 t).
In alto