Salah, Ronaldo, Benzema e l'incubo dell'ex

Esultare o non esultare? In attesa di diverse reunion agli ottavi, UEFA.com rivive le sfide tra alcuni grandi campioni e la loro ex squadra in UEFA Champions League.

©UEFA.com

Agli ottavi di UEFA Champions League assisteremo a diverse reunion, come quelle di Ángel Di María con il Manchester United, Leroy Sané con lo Schalke, Klaas-Jan Huntelaar con il Real Madrid e Samuel Umtiti con il Lione.

UEFA.com sfoglia gli almanacchi e rivive le sfide tra alcuni grandi campioni e la loro ex squadra. I risultati sono quelli finali dei doppi confronti.

Mohamed Salah, Liverpool - Roma 7-6, semifinali 2017/18

Quando la Roma ha venduto Salah al Liverpool nel 2017, non avrebbe mai immaginato che avrebbe segnato 44 gol nella stagione d'esordio. Due di questi – il primo con un tiro all'incrocio e il secondo in un uno contro uno con il portiere – sono arrivati nella semifinale di andata vinta 5-2 dai Reds proprio contro la Roma. In entrambe le occasioni, l'egiziano non ha esultato.

Guarda il gol di Morata a Madrid nel 2015
Guarda il gol di Morata a Madrid nel 2015

Álvaro Morata, Juventus - Real Madrid 3-2, semifinali 2014/15

Morata, in gol sia all'andata che al ritorno, non ha esultato. "È stato un gol importante, ma ha un sapore un po' amaro - ha commentato l'attaccante dopo la rete del pareggio al ritorno contro il Real, che aveva lasciato l'estate precedente -. Avrei preferito segnare contro un'altra squadra, ma è la vita".

David Luiz esulta dopo il gol contro il Chelsea
David Luiz esulta dopo il gol contro il Chelsea©Getty Images

David Luiz, Paris - Chelsea 3-3, ottavi 2014/15 (Il Paris si qualifica per i gol in trasferta)

Il brasiliano aveva lasciato il Chelsea per il PSG a giugno 2014 e, nove mesi dopo, gli ha impedito di accedere ai quarti. Dopo un 1-1 all'andata, il PSG è rimasto in 10 uomini a Londra e ha subito un gol di Gary Cahill all'81'. Cinque minuti dopo, però, David Luiz è svettato su un calcio d'angolo e ha portato l'incontro ai supplementari. "Devo chiedere scusa perché avevo detto che in caso di gol non avrei esultato, ma ero troppo emozionato", ha dichiarato dopo la rete della qualificazione di Thiago Silva.

Guarda la doppietta di Huntelaar contro il Real Madrid
Guarda la doppietta di Huntelaar contro il Real Madrid

Klaas-Jan Huntelaar, Schalke - Real Madrid 4-5, ottavi 2014/15

Huntelaar, che affronterà il Real con l'Ajax ai prossimi ottavi, è già tornato nella capitale spagnola da avversario, ma con la maglia dello Schalke. In svantaggio per 2-0 dopo la gara di andata, la squadra tedesca ha vinto 4-3 al ritorno al Bernabéu, sfiorando un'epica rimonta, e Huntelaar ha segnato una doppietta.

Cristiano Ronaldo, Real Madrid - Manchester United 3-2 , ottavi 2012/13

L'attaccante era passato dallo United al Madrid quasi quattro anni prima di questo incontro, che però era la prima reunion con la squadra che lo aveva lanciato. Nella gara di andata al Bernabéu, il gol del pareggio di Ronaldo ha gettato le basi per il trionfo del ritorno. Il giocatore ha anche segnato a Manchester, permettendo a Real di vincere in rimonta contro una squadra in 10 uomini. "Sono contento che abbiamo passato il turno, ma sono anche un po' triste perché non è facile dimenticare questo stadio", ha dichiarato il portoghese, accolto molto calorosamente all'Old Trafford.

Karim Benzema, Real Madrid - Lyon 4-1, ottavi 2010/11

Il Madrid non aveva mai segnato allo Stade de Gerland fino a quando Benzema – cresciuto nel vivaio dell'OL – ha segnato pochi minuti dopo il suo ingresso nella gara di andata degli ottavi a febbraio 2011. L'attaccante ha scelto di non esultare e ha fatto lo stesso nel 3-0 al Bernabéu quasi un mese dopo, eliminando il Lione allo stesso turno in cui aveva eliminato il Real la stagione precedente. "Perché esultare? Sono cresciuto a Lione e la mia famiglia e i miei amici abitano ancora lì. È grazie al Lione che gioco nel Real", ha commentato a UEFA.com.

Morientes elimina il Real Madrid
Morientes elimina il Real Madrid

Fernando Morientes, Monaco - Real Madrid 5-5, quarti 2003/04

Morientes, che in coppia con Raúl González aveva vinto tre UEFA Champions League, aveva trascorso sei anni al Bernabéu prima approdare in prestito al Monaco nel 2003/04. Quando la squadra del principato ha affrontato la sua ex ai quarti, il No9 ha segnato in entrambe le gare, ricevendo una standing ovation al Bernabéu, e il Monaco ha recuperato una sconfitta per 4-2 all'andata eliminando il Real ai gol in trasferta. "Sono madridista, ma sono anche un professionista - ha commentato -. So che è un duro colpo per i miei ex compagni".

In alto