Perché Franck Ribéry è così speciale?

Franck Ribéry ha segnato il suo primo gol in UEFA Champions League il 10 dicembre 2008; ecco perché merita di essere considerato come un grande dell'era moderna.

Franck Ribéry dopo aver segnato il suo primo gol in UEFA Champions League, nella vittoria per 3-2 in casa del Lyon il 10 dicembre 2008
Franck Ribéry dopo aver segnato il suo primo gol in UEFA Champions League, nella vittoria per 3-2 in casa del Lyon il 10 dicembre 2008 ©Getty Images

Campione d'Europa nel 2013 e otto volte vincitore della Bundesliga, Franck Ribéry ha sempre avuto un rendimento molto alto da quando dieci anni fa è passato al Bayern München dal Marseille. UEFA.com rende omaggio al francese che ancora oggi continua a stupire tutti.

Il giudizio degli esperti

"È ancora un top player. È un mostro per forza mentale e nonostante ciò continua a migliorare".
Niko Kovač, allenatore Bayern

"Dieci anni in un club – e al Bayern, dove sono richiesti i più alti standard – sono un traguardo straordinario, tanto più che è sempre stato un giocatore chiave".
Ottmar Hitzfeld, ex allenatore Bayern

"Vuole sempre che la squadra giochi bene. Per lui prima viene la squadra e poi se stesso".
Mats Hummels, difensore Bayern

"Franck Ribéry è insostituibile. Il mio rapporto con Franck è speciale. Mi ha accolto e aiutato sin dall'inizio. Sappiamo bene quanto sia importante per noi".
David Alaba, difensore Bayern

Bilancio della carriera

Nazionale: 81 presenze, 16 gol
Competizioni UEFA per club: 114 presenze, 25 gol
Competizioni nazionali: 504 presenze, 125 gol

Ribéry mette le mani sulla UEFA Champions League del 2013
Ribéry mette le mani sulla UEFA Champions League del 2013©AFP

• Ribéry è stato il giocatore chiave quando il Bayern è diventato il primo club tedesco a vincere il triplete aggiudicandosi UEFA Champions League, Coppa di DFB e Bundesliga nel 2012/13. Vero e proprio trascinatore, il francese ha creato l'assist per il gol della vittoria di Arjen Robben nella finale di Wembley contro il Dortmund. "Voleva il successo dell'intera squadra e ha messo la sua abilità individuale al servizio del bene più grande", ha raccontato Jupp Heynckes su Kicker parlando dei sacrifici di Ribéry.

• Ribéry nel 2013 ha scavalcato Lionel Messi e Cristiano Ronaldo nel premio UEFA di Calciatore dell'Anno. "Questo premio corona un anno molto speciale", ha detto dopo essere diventato il quarto calciatore del Bayern – dopo Gerd Müller, Franz Beckenbauer e Rummenigge – ad aver vinto o il premio UEFA di Calciatore dell'Anno o il Pallone d'Oro.

• Ribéry, che adesso ha 35 anni, ha sempre avuto un debole per giocate spettacolari. Il suo primo gol col Bayern è stato un rigore alla Panenka contro il Werder Bremen. La collezione di bei gol è cresciuta col tempo, e tra queste perle ci sono il tiro al volo contro il Mönchengladbach nel 2013 e uno splendido pallonetto contro il Plzeň alla fine di quello stesso anno.

• Con 406 presenze in prima squadra (AL 31/10) per i giganti bavaresi da quando nel 2007 si è trasferito in Germania dal Marseille, Ribéry è il calciatore non tedesco con più presenze per il club, avendo superato l'attuale direttore sportivo Hasan Salihamidžić (365) nel dicembre 2017. Gli otto titoli del francese in Bundesliga lo rendono inoltre il calciatore non tedesco più decorato di sempre nella storia del Bayern.

• Le prestazioni di Ribéry col Bayern nella sua prima stagione gli sono valse nel 2008 il premio di Calciatore dell'Anno della Germania – secondo non tedesco ad aggiudicarsi questo titolo (dopo Ailton nel 2004). Nello stesso anno si è aggiudicato lo stesso titolo francese per il secondo anno consecutivo.

Quel che potresti non sapere

Basta uno sguardo: Alaba e Ribéry
Basta uno sguardo: Alaba e Ribéry©Getty Images

• Ribéry è un grande amico di Alaba, suo compagno al Bayern. "Andiamo perfettamente d'accordo", ha detto Ribéry nel 2013. "Non abbiamo nemmeno bisogno di dire nulla - dentro e fuori dal campo: basta uno sguardo veloce per farmi sapere cosa farà dopo". Alaba ha risposto: "Franck non è solo un calciatore di livello mondiale, è anche una grande persona. Non guarda dall'alto i giovani giocatori ma li tratta da pari a pari".

• Dal taglio dei calzini di Daniel Van Buyten all'essersi improvvisato autista del pullman della squadra, il francese è uno che adora gli scherzi. Quello più famoso è stato nel 2008, quando lui e Van Buyten si sono piazzati sul tetto del centro di allenamento del Bayern per versare secchiate d'acqua gelida sul temibile portiere Oliver Kahn mentre "der Titan" stava salendo in macchina.

Papin: idolo di Ribéry
Papin: idolo di Ribéry©Getty Images

• Ribéry ha lavorato per un breve periodo con suo padre come operaio prima di spiccare il volo come calciatore. "Ho capito quanto fosse difficile il lavoro di mio padre", ha detto una volta. "Ho anche capito che quel lavoro non era adatto a me. Dovevo assolutamente farcela col calcio".

• Soprannominato 'Ferraribéry' al Galatasaray per la sua velocità, Ribéry si è guadagnato il soprannome 'Kaiser Franck' (Re Franck) a Monaco, dove è adorato dai tifosi del Bayern.

Le sue parole

"Continuerò fino a quando il mio corpo lo permetterà. Non posso più correre come quando avevo 20 anni, ma sono comunque bravo".

"Nella mia prima stagione non eravamo in Champions League, eravamo in Coppa UEFA. Il Bayern era un grande club, ma ora è ancora più grande. È bello vedere quello che abbiamo raggiunto negli ultimi dieci anni. Ho fatto il mio dovere per portare il club dove è adesso, e il Bayern ha ovviamente avuto un'influenza anche sulla mia crescita: il rapporto tra me e Bayern è speciale".

"Sono diventato più tedesco da quando sono qui. La mia mentalità e la mia famiglia sono tedesche. Abbiamo davvero messo radici qui".

In alto